Consiglio: no a riscossione, sì a rottamazione cartelle Lanzafame: «Voto unanime, Comune vari regolamento»

Era lunga la lista degli argomenti da trattare nella prima seduta del 2017 per il Consiglio comunale. Ma il lungo elenco, comprendente atti formali e importanti delibere proposte dalla giunta guidata da Enzo Bianco, è stato sopravanzato da una proposta proveniente direttamente dall’assemblea cittadina, e votata da ben 26 consiglieri su 28 presenti, con due astenuti e nessun contrario. Si tratta di un ordine del giorno proposto dal gruppo consiliare di Catania Futura che prevede la moratoria dei pignoramenti e la definizione di un nuovo regolamento che introduca la possibilità della cosiddetta rottamazione delle cartelle esattoriali

Come spiegato nella proposta di indirizzo politico presentata in aula, il consiglio chiede di applicare anche a Catania l’articolo 6 della legge 193 dello scorso 22 ottobre, il cosiddetto Decreto fiscale, che consentirebbe di eliminare gli interessi e le more dalle cartelle esattoriali non riscosse dai Comuni, con riferimento quindi a tributi locali e multe, e permettere ai cittadini di regolarizzare la propria posizione pagando solo quanto dovuto, anche a rate. Il decreto fissa la data di approvazione del relativo regolamento attuativo comunale in 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto stesso. «Vale a dire che dopo il voto di oggi il Comune di Catania avrà tempo fino al 31 gennaio per crearne uno e renderlo esecutivo. E contestualmente di bloccare pignoramenti gli atti di esecuzione coattiva, per permettere ai cittadini di regolarizzare la propria posizione», spiega il primo firmatario dell’iniziativa, il consigliere Agatino Lanzafame, che ha proposto l’ordine del giorno insieme ai membri del suo gruppo Catania Futura, ovvero Carmelo Coppolino Salvatore Spadaro e Maurizio Mirenda.

«La richiesta che viene dal consiglio comunale con questo voto unanime e chiara: risparmiare ai cittadini more e interessi in un momento di grave difficoltà per le famiglie», commenta Lanzafame. Che si dice soddisfatto per l’esito del voto «abbiamo superato i muri della politica con questa richiesta, perché da Forza Italia a Grande Catania al Pd ad Articolo 4 tutti hanno pprovato. Sono felice come rappresentante di Catania Futura perché siamo stati protagonisti di un grande momento di coesione. Speriamo che l’amministrazione sfrutti questa possibilità prevista dal gioverno nazionale», conclude il consigliere.

I lavori dell’assemblea, però, dopo l’approvazione dell’ordine del giorno e di alcune verbali delle sedute precedenti, si sono impantanati proprio su un punto paradossalmente collegato a quanto appena approvato: il settimo punto all’ordine del giorno, ovvero l’affidamento in concessione, per cinque anni, del servizio di riscossione

Il servizio comunale è attualmente gestito con una proroga che dura già dal 2015 dalla ditta Engieneering Spa, società che ha vinto la relativa gara triennale nel 2012. La delibera proposta per il voto dell’aula era propedeutica per eseguire un nuovo affidamento del servizio con nuovi parametri, questa volta appunto per un quinquennio. La seduta, presieduta dal vicario Sebastiano Arcidiacono, non arriva oltre la votazione di una proposta di arrivare alla trattazione immediata del punto all’ordine del giorno sul tema a opera di Niccolò Notrbartolo, consigliere del Partito Democratico. La seduta si interrompe, però, dopo che l’aula non approva la richiesta. 

La trattazione dei temi all’ordine del giorno, che comprende ben sei nuovi regolamenti – affidamento del verde urbano, accesso ai Servizi socio-assistenziali, decoro urbano, ispezione degli impianti termini, attività di acconciatore ed estetista e quello sull’elezione del consigliere aggiunto – insieme alla definizione dei contributi per l’adeguamento sismico, all’approvazione dei comparti di ristrutturazione urbanistica del centro storico, oltre al riconoscimento di vari debiti fuori bilancio, è rimandata alle 19 di domani.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]