Comuni, Regione e Stato non pagano da due anni «Nuovi debiti perché non arriva quanto ci spetta»

«O si comprende storicamente la situazione o qui salta il banco». È un fiume in piena il sindaco di Pachino, Roberto Bruno. Le energie non gli mancano, nonostante abbia iniziato lunedì mattina uno sciopero della fame. Una forma «eclatante ma necessaria» la definisce, per protestare contro il taglio di finanziamenti che subiscono gli enti locali.

I circa duecento dipendenti pubblici del comune di Pachino non hanno ricevuto lo stipendio di aprile e non è possibile programmare la spesa per saldare quelli di maggio, che sta per terminare. I pagamenti ai fornitori sono bloccati, mentre i servizi essenziali rimangono garantiti, con civico senso del dovere. La situazione alla lunga però rischia di diventare insostenibile, in un Comune di ventiduemila abitanti. «Ad oggi è impossibile pagare gli stipendi, ma non è colpa nostra. Non abbiamo ancora ricevuto un solo centesimo di finanziamento per il 2015. E vantiamo crediti pregressi per il 2014 e per gli anni precedenti», comunica il primo cittadino. Una situazione comune a diverse città siciliane.

«Le difficoltà sono enormi – ribadisce il vice presidente regionale dell’Anci, Paolo Amenta, sindaco di Canicattini Bagni – La crisi di liquidità è drammatica. Pesa la mancata erogazione dei finanziamenti statali e regionali – ad esempio la regione deve versare ancora i contributi dell’anno 2014». Una denuncia, da parte dell’associazione nazionale comuni italiani, lanciata già da più di un anno: «Lo ribadiamo da tempo: le istituzioni non comprendono che non possono scaricare il peso della spending review sugli enti locali». Corrono il rischio di essere stati profeti di sventura. Anche la Corte dei Conti siciliana aveva segnalato l’allarme, annotando una «condizione di preoccupante peggioramento della finanza locale, imputabile principalmente alla progressiva e consistente riduzione dei trasferimenti di provenienza statale e regionale». 

È impossibile inoltre colmare il vuoto generato dal mancato pagamento delle imposte locali. Il tasso di evasione è già alto – solo sei cittadini su dieci a Pachino sarebbero contribuenti attivi in regola – e potrebbe ulteriormente crescere. «Non posso permettermi di alzare le tasse, che sono già elevatissime – spiega il sindaco Bruno – Le pagherebbe poi solo chi ha una forma mentis basata sulla correttezza e sul dovere civile. Magari si tratta di un pensionato che fa già fatica ad arrivare alla fine del mese. Non è equo, è il sistema a dover cambiare».

Dal caso particolare ad una visione complessiva, che porta ad estrarre la drammatica analisi: «Il risanamento delle casse – continua il primo cittadino – non può essere operazione a spese degli enti locali e di conseguenza dei cittadini. In questo modo ne risentono i servizi che dobbiamo garantire. Quello che viviamo è un serio disagio». Tanto meno ci si può appellare ad operazioni di marketing politico. «Si vuole far credere che il taglio degli emolumenti degli amministratori locali possa essere una soluzione. Tutti a puntare il dito e a gridare allo scandalo Gettonopoli. I consiglieri di Pachino, ad esempio, ricevono tra i tre e i quattrocento euro lordi l’anno per le sedute di consiglio e commissione. Non sono certo la cifra considerevole con cui risollevare il bilancio».

Il bilancio della città di Pachino è in via di risanamento: «Il mio predecessore aveva speso in modo inutile e anomalo. Negli ultimi undici mesi (successivi all’elezione) ho lavorato per ripianare il debito e ho contratto un prestito con la Cassa Depositi e Prestiti (una s.p.a. controllata all’80 per cento dal Ministero dell’Economia) di diciassette milioni di euro. Adesso però manca la liquidità necessaria alle spese attuali. A novembre verrà aperta dal governo una terza finestra di prestito. Devo indebitarmi ancora – e pagare, nonostante il tasso agevolato, gli interessi – perché non ricevo i finanziamenti che spettano al Comune di Pachino? Per di più non posso dichiarare il dissesto economico, proprio per i prestiti che ho contratto».

Non sembra esserci via d’uscita dalla crisi per i Comuni siciliani. Che provano a unirsi: «Stiamo cercando di creare una rete trasversale con i colleghi dei territori. Anche loro denunciano i tagli e i rischi conseguenti», risponde Bruno sulle nuove possibili iniziative. I bilanci dei Comuni dell’ibleo e del siracusano riportano gravissime condizioni. Da Comiso, passando per Pozzallo e Ispica, fino ad Avola e Lentini, quasi in tutti questi paesi il dissesto finanziario è già stato dichiarato. «Un continuo crescendo drammatico. Se non si interviene, il rischio è un big-bang», dichiara mesto Amenta. «Stiamo rischiando davvero che saltino i comuni, ma così salta tutto», conclude Bruno. Una polveriera sociale pronta ad esplodere.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il primo cittadino di Pachino, Roberto Bruno, è in sciopero della fame da lunedì. Non può pagare i fornitori, né gli stipendi dei dipendenti. Perché da Palermo non arrivano i dovuti finanziamenti. «Si vuole far credere che il taglio dei gettoni ai consiglieri possa essere una soluzione, ma non risolleva il bilancio». Il vicepresidente Anci, Amenta: «C'è il rischio bing bang»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]