Comune, i bilanci da 13 anni sotto indagine Dalla città al buio agli autobus non assicurati

Per ogni poltrona, in omaggio un’indagine giudiziaria. Succede da 13 anni agli amministratori del Comune di Catania e ai suoi primi cittadini. Quasi una sorta di maledizione ma che finora si è chiusa con una sola condanna non definitiva, quella arrivata in appello nell’aprile 2014 per l’ex ragioniere generale Vincenzo Castorina. E che continua fino a oggi, o meglio qualche settimana fa, con l’indagine e i relativi avvisi di garanzia a carico dell’ex sindaco Raffaele Stancanelli e di altre 19 persone tra ex assessori e dirigenti. Sullo sfondo ci sono tre legislature del centro destra, una città finita spesso al buio con i lampioni accesi a macchia di leopardo, l’azienda del trasporto pubblico in deficit che nel 2008 mandava i suoi autobus in giro senza assicurazioni perché mancavano i soldi per pagarle e poi un indebitamento che nello stesso anno avrebbe toccato quota un miliardo di euro.

«Finanza creativa». Così, nel 2003, l’allora procuratore capo Vincenzo D’Agata etichetta l’indagine nei confronti di 47 amministratori etnei, tra cui l’ex medico di Berlusconi e allora sindaco, Umberto Scapagnini (deceduto nell’aprile 2013) e Castorina. Ma a processo finiscono meno della metà degli indagati, tra cui 13 ex assessori. Condannati in primo grado per falso ideologico nel 2011, poi assolti in appello. In mezzo, nel 2010, l’archiviazione del capo d’imputazione più grave, cioè quello di abuso d’ufficio. Il processo inizia dopo i rilievi della Corte dei Conti sul bilancio consuntivo del 2003. Operazioni, secondo l’accusa, messe in atto per «far quadrare i conti».

«Abbiamo inventato un elenco di cose per avere i soldi». È rimasta celebre la dichiarazione del successore di Scapagnini, Raffaele Stancanelli, al giornalista della trasmissione televisiva Report Sigfrido Ranucci. Siamo negli anni del super crac, quando su Palazzo degli Elefanti spunta una timida luce, trasformatasi presto in un miraggio: nel 2008, per far fronte all’emergenza finanziaria dell’ente, arriva il dono dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Una manna dal cielo di 140 milioni di euro di fondi Fas che il Cipe doveva destinare alle aree sottosviluppate per la realizzazione di alcune opere urgenti. Soldi che in realtà ai piedi dell’Etna vengono utilizzati per evitare il dissesto finanziario, coprendo i disavanzi degli anni passati. La procura apre un fascicolo per valutare la solidità di un’accusa di falso in atto pubblico per Stancanelli, allora sindaco e senatore Pdl in quota Alleanza nazionale. Ma la vicenda si conclude con un nulla di fatto. Un processo tuttavia va ancora avanti. Riguarda i bilanci preventivi che vanno dal 2006 al 2008. Falsi, anche questi secondo la procura di Catania, con tanto di entrate gonfiate e società in profondo default. Nel 2012 sono 27 gli avvisi di garanzia e nove gli imputati, accusati anche in questo caso di falso ideologico.

Cenere e contributi. Il rapporto con il denaro è quasi un atavico problema per gli amministratori catanesi. Sempre a proposito di fondi, nel 2012 arriva la condanna in Cassazione per la vicenda cenere vulcanica. Quando una pioggia di terra proveniente dalla montagna, durante un’eruzione datata 2002, si trasforma in manna per dipendenti comunali. Beneficiari, a tre giorni dalle elezioni amministrative del 2005, di una pioggia di contributi. Un bonus variabile dai 300 ai 1300 euro concesso dall’allora sindaco Umberto Scapagnini, poi rieletto, e da sei suoi assessori. Acrobazie contabili con i soldi che pochi mesi dopo vennero chiesti indietro, perché Catania non figurava tra i Comuni beneficiari dei fondi per l’emergenza cenere.

I debiti da ieri a oggi. E domani? L’ultima tappa dei conti di Palazzo degli Elefanti è cronaca recente e riguarda ancora l’ex sindaco Raffaele Stancanelli e altre 19 persone. I numeri finiti sotto la lente d’ingrandimento sono quelli dei bilanci che vanno dal 2009 al 2011. Anche in questo caso, la solita routine: secondo gli investigatori, ci sarebbe stata un’alterazione per evitare la dichiarazione dello stato di dissesto dell’ente e il conseguente scioglimento del consiglio comunale. I debiti presenti, passati e futuri, intanto, nonostante il vortice giudiziario che da oltre un decennio li accompagna, continuano ad aleggiare sul barocco del centro e sui quartieri periferici in un Comune che, secondo i dati riportati sul portale dell’amministrazione, conta 3795 dipendenti che costano circa 100 milioni di euro all’anno.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dalla «finanza creativa» di Scapagnini alle «invenzioni per avere i soldi» di Stancanelli. Nell'ultimo decennio i conti di Catania, passata attraverso tre giunte di centro-destra, sono sempre stati sotto la lente della magistratura. Con un centinaio di indagati ma, finora, poche condanne. Nel Comune sempre alle prese con la ristrettezza economica, ma con quasi 4mila dipendenti che costano circa 100 milioni all'anno

Dalla «finanza creativa» di Scapagnini alle «invenzioni per avere i soldi» di Stancanelli. Nell'ultimo decennio i conti di Catania, passata attraverso tre giunte di centro-destra, sono sempre stati sotto la lente della magistratura. Con un centinaio di indagati ma, finora, poche condanne. Nel Comune sempre alle prese con la ristrettezza economica, ma con quasi 4mila dipendenti che costano circa 100 milioni all'anno

Dalla «finanza creativa» di Scapagnini alle «invenzioni per avere i soldi» di Stancanelli. Nell'ultimo decennio i conti di Catania, passata attraverso tre giunte di centro-destra, sono sempre stati sotto la lente della magistratura. Con un centinaio di indagati ma, finora, poche condanne. Nel Comune sempre alle prese con la ristrettezza economica, ma con quasi 4mila dipendenti che costano circa 100 milioni all'anno

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]