Comune, Ferrandelli e Mattaliano pronti a dimettersi «Per dire no alle mistificazioni e a decisioni mai prese»

«Ieri io e Cesare Mattaliano abbiamo depositato presso un notaio le nostre dimissioni dal consiglio comunale, che saranno operative appena si arriverà al quorum necessario (21 consiglieri, ndr) per lo scioglimento anticipato di Sala delle Lapidi». Così Fabrizio Ferrandelli, capogruppo a Palazzo delle Aquile del movimento I Coraggiosi, spiega in una affollata riunione le prossime mosse riguardo alla delicata situazione delle finanze comunali, giustificando tale iniziativa perché «bisogna dire no ad altri quattro anni di mistificazioni e decisioni non prese».

Le critiche alla sindacatura di Leoluca Orlando sono a 360 gradi e partono da lontano, dalla scorsa campagna elettorale, quando Ferrandelli iniziò a sottolineare come le cifre del passato bilancio non fossero quelle reali e come il Comune fosse in pericolo economico-finanziario, a fronte di una narrazione del primo cittadino che non li ha mai convinti. «Avevamo – continua – le idee chiare sui disallineamenti nei conti del Comune e delle partecipate, e i documenti prodotti dalla ragioneria e le testimonianze dei presidenti delle aziende hanno portato a galla la verità, confermata dal bilancio consolidato e dalla relazione del Ministero dell’Economia. Il sindaco in sette anni non ha cambiato direzione, però la Corte dei Conti ha chiarito che i rendiconti non vanno, i revisori hanno paventato il rischio commissariamento e adesso la Regione ci ha realmente commissariato sia per il bilancio consuntivo 2017 che per il preventivo 2018».

Ed è proprio quest’ultimo strumento, che racchiude il prospetto finanziario ipotizzato per il triennio 2018-2020 che raccoglie le maggiori critiche dai due consiglieri d’opposizione: «Il Comune – dicono – allunga il sugo tagliando i servizi, ma nel bilancio consuntivo c’è un disallineamento di 70,7 milioni di cui solo 28 sono coperti, mentre dal 2019 si rischia un ammanco di 195 milioni». E Mattaliano snocciola alcuni esempi di quanto previsto nel documento contabile che sarà presentato in aula lunedì 8 ottobre: «Nel bilancio previsionale i fondi per il diritto all’istruzione passeranno da 72 milioni di euro (2018) a 48 (2019) e infine a 42 (2020); la tutela del territorio, con tutti i rischi idrogeologici che ci sono nella periferia nord della città, si ridurrà da 203 a 154 e poi a 141 milioni; mentre il capitolo trasporti verrà praticamente dimezzato tra 2018 e 2019, scendendo da 208 a 117 milioni di euro».

Secondo Ferrandelli e Mattaliano  a pagare le conseguenze delle sforbiciate saranno i dipendenti comunali, visti come agnelli sacrificali sull’altare della riduzione delle spese, e  ipotizzano come dal prossimo gennaio siano a rischio 680 lavoratori e le loro famiglie, tra vigili urbani, ingegneri e insegnanti di asili nido. Inoltre spiegano che la loro non è solo una bocciatura dei conti, ma di una visione della città, parlando dei problemi per la raccolta differenziata (per la quale il Comune è commissariato), la mancanza del Pgtu (il piano traffico) che ha ricadute nei rapporti con l’Amat, le difficoltà della stessa azienda trasporti legata ai mancati introiti Ztl e ai costi per il tram, l’abbandono della costa Sud, l’impiantistica sportiva negata, le 140 salme presenti nel deposito del cimitero dei Rotoli.

Per questo Ferrandelli, che parla della sua comunione d’intenti su alcuni punti con il presidente della Regione Nello Musumeci (ma nega qualsiasi adesione a Diventerà Bellissima o la nascita di un gruppo comunale omonimo), si rivolge «a tutti i consiglieri, compresi quelli di maggioranza, affinché vengano bocciati i bilanci. Non si può andare un altro minuto avanti così». Un richiamo a far fronte comune con le altre opposizioni, ma non solo, visto che per far decadere il consiglio servirebbe – numeri alla mano – far proseliti tra le forze che sostengono l’attuale giunta: «Nelle prossime settimane – conclude Mattaliano – con i lavori d’aula sui bilanci sono convinto che le coscienze della maggioranza saranno al bivio, e mi aspetto un atto di responsabilità che porti alle dimissioni».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]