Comune, approvate cinque dismissioni Girlando: «Poco valore, ma beni strategici»

«Questa è una piccola dismissione di beni immobili, non di particolare valore economico, ma è un banco di prova interessante per l’attività svolta dalle Commissioni consiliari». Spiega così Giuseppe Girlando, assessore al Bilancio del Comune di Catania, la delibera di dismissione di un terreno di 3mila metri quadri in contrada Primosole, di due magazzini in via Grassi, di una bottega in piazza Borsa – attualmente utilizzata dall’Amt – e di una ex cabina elettrica sita nei pressi di piazza Trento. «Il piano di rientro pluriennale approvato nel febbraio del 2013, e il Testo unico degli enti locali, ci obbligano a dismettere gli edifici non strumentali alle funzioni pubbliche per ripianare il debito», spiega ancora Girlando, incassando l’approvazione di tutti i gruppi consiliari.

Gli edifici individuati si inseriscono nel piano di dismissione già approvato dal consiglio comunale il 28 aprile 2009, su proposta dell’allora giunta di Raffaele Stancanelli, dopo i sopralluoghi effettuati dai componenti delle commissioni Bilancio, Tributi, Personale e Lavori pubblici. Proprio il presidente della quinta commissione, Niccolò Notarbartolo del Pd, dopo aver espresso il parere favorevole alla delibera del gruppo, fa notare come «la cabina elettrica di piazza Trento, è in realtà un grande edificio di 120 metri quadri, alto più di sei metri, e potrebbe essere valorizzato in maniera migliore». Agatino Lanzafame, del gruppo Con Bianco per Catania, puntualizza come «il patrimonio pubblico della città ha grandi risorse non sfruttate al meglio. Bisognerebbe massimizzare l’utilità degli immobili comunali».

Sulla stessa linea sono anche i consiglieri d’opposizione, che annunciano tutti voto favorevole, presentando un ordine del giorno. «La nostra priorità è arrivare all’approvazione del piano regolatore generale, ma anche la ricollocazione di beni come palazzo Bernini abbandonato all’incuria e con pericoli per l’igiene», afferma Giuseppe Castiglione, capogruppo di Grande Catania, illustrando il contenuto dell’atto. Un voto favorevole alla delibera ribadito dal collega Andrea Barresi, che afferma: «Siamo una opposizione costruttiva, non distruttiva».

«Sono molto soddisfatto, perché vedo che tutti i consiglieri hanno accolto l’aspetto strategico della delibera – risponde Girlando ai consiglieri intervenuti – Questa dismissione è inserita in una discussione più ampia che riguardala gestione del patrimonio comunale: Punteremo alla valorizzazione di alcuni immobili per dismettere alcune locazioni, ma è una attività che ha bisogno di tempo», spiega l’assessore al Bilancio rispondendo ai consiglieri. Che, dopo aver fatta proprio l’ordine del giorno presentato da Grande Catania – approvato dal Consiglio -, annuncia: «Il nostro obiettivo è abbattere i debiti esistenti».

La delibera viene approvata dal Consiglio con 31 voti favorevoli su 31 presenti. Inserita nella votazione anche l‘eliminazione dall’elenco dei beni da dismettere di un piccolo magazzino nei pressi della stazione centrale, utilizzato come deposito dal vicino stabilimento balneare. L’emendamento è stato proposto dallo stesso Girlando. «Per questo locale c’è attualmente un contratto di locazione in corso, e la sua dismissione potrebbe creare problemi di opportunità in fase di vendita», spiega l’assessore. «Sono d’accordo, ma in fondo si tratta solo di 280 euro al mese», ribadisce Notarbartolo, in un’aula unita da uno spirito di collaborazione. Un clima che potrebbe venir meno già dalla prossima seduta: a breve si voteranno gli emendamenti al nuovo regolamento edilizio, già oggetto di aspri confronti in sede di commissione.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il consiglio comunale ha approvato oggi, con 31 voti favorevoli su 31 presenti, la dismissione di un terreno e di due magazzini, oltre che di una bottega e di una ex centrale elettrica in centro. «Non hanno grande valore economico, ma la delibera si inserisce in un discorso più ampio sulla gestione del patrimonio», spiega l'assessore al Biulancio Giuseppe Girlando. Obiettivo per il futuro: «Abbattere i debiti esistenti riducendo i fitti passivi»

Il consiglio comunale ha approvato oggi, con 31 voti favorevoli su 31 presenti, la dismissione di un terreno e di due magazzini, oltre che di una bottega e di una ex centrale elettrica in centro. «Non hanno grande valore economico, ma la delibera si inserisce in un discorso più ampio sulla gestione del patrimonio», spiega l'assessore al Biulancio Giuseppe Girlando. Obiettivo per il futuro: «Abbattere i debiti esistenti riducendo i fitti passivi»

Il consiglio comunale ha approvato oggi, con 31 voti favorevoli su 31 presenti, la dismissione di un terreno e di due magazzini, oltre che di una bottega e di una ex centrale elettrica in centro. «Non hanno grande valore economico, ma la delibera si inserisce in un discorso più ampio sulla gestione del patrimonio», spiega l'assessore al Biulancio Giuseppe Girlando. Obiettivo per il futuro: «Abbattere i debiti esistenti riducendo i fitti passivi»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]