Comunali, Pogliese al debutto da candidato sindaco «Mai più inaugurazioni di semafori, nani e ballerine»

Il centrodestra cammina sul filo sottile fra un passato fatto di «errori madornali» e un possibile futuro che, a immaginarlo «solo sei mesi fa», sarebbe stato pura utopia. L’en plein è a portata di mano: le Regionali già in cassa, le Politiche «fra poco» e, tra qualche mese, le Amministrative. Prospettiva che si evoca, nei discorsi dal palco dei leader catanesi di FI, Lega, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia-Udc, come si fa con quelle cose impossibili da farsi sfuggire proprio quando sono finalmente arrivate. 

Deve aver pesato anche questo spirito sull’esito del «match di pugilato» che Salvo Pogliese rivela – davanti a una sala stracolma per la chiusura della campagna per le Politiche del centrodestra – essersi svolto nella sua testa. «Un incontro fra razionalità e passione»: i dubbi sul fare il sindaco di Catania «nel momento peggiore per farlo» contro «il sogno di guidare la mia città». Alla fine ha vinto il cuore, «perché in certi momenti della vita di un uomo bisogna abbandonare la razionalità», e così l’eurodeputato di Forza Italia molla la «fredda Bruxelles» per tornare, politicamente, a casa. «Una scelta d’amore» sarà appunto lo slogan della campagna per le Comunali al via.

La margherita, con un nome così in ballo per lunghi mesi, nel centrodestra nemmeno si era iniziata a sfogliarla. L’ex ragazzo del Fronte della gioventù cita e ringrazia, assieme a tutti i protagonisti della coalizione regionale, le personalità che erano state accostate, oltre a lui stesso, alla poltrona di palazzo degli Elefanti: Enrico Trantino, Sergio Parisi, Mario Chisari, Agatino Cariola, ed anche Roberto Commercio e Sebastiano Arcidiacono. Adesso è il momento dell’unità, e per farcela basta copiare dalla vittoria di quel Nello Musumeci seduto in prima fila. Per qualche momento spogliatosi dai panni del governatore sobrio e rigoroso reindossando la casacca di leader del centrodestra. Accanto a lui, fra gli altri, Ignazio La Russa, Manlio Messina e Giovanni Pistorio da candidati alle Politiche. Più in là alcuni reduci dell’avventura alfaniana da stampelle del Pd: Pino Firrarello, il senatore Pippo Pagano e l’eurodeputato Giovanni La Via, ormai rientrati in FI. Occorre d’altronde «superare gli errori del passato», ne accenna Pogliese, sempre dietro l’angolo: quelli di centrodestra litigioso e frammentato

Su quell’altare, di fatto, venne immolata l’esperienza da sindaco di Raffaele Stancanelli. Che dopo aver tessuto la trama che ha portato Musumeci a palazzo d’Orleans, si è speso a furia di assist di ogni tipo per Pogliese candidato sindaco. «Il rigore non ha pagato in passato, ma stavolta pagherà», proclama fiducioso l’ex primo cittadino, candidato a diventare, Politiche permettendo, «il senatore di Catania, una bella rivincita per me» essendo in lista con Fratelli d’Italia. Con Pogliese, dunque, si riparte da dove si era lasciato: la continuità con il predecessore di Enzo Bianco diventa un «valore». 

Alle proposte per la città qualche accenno, unito ad una mano tesa verso «forze civiche pronte a integrarsi in un progetto orientato comunque verso il centrodestra». «Va archiviata definitivamente la stagione di imbarazzanti inaugurazioni di semafori e panchine con nani e ballerine al seguito – Pogliese attacca così il sindaco uscente Pd –  a Catania va ridato un Piano regolatore, percorso avviato da Stancanelli ma vergognosamente interrotto». E poi verifica dei conti pubblici, piano commerciale, piano dehors e piano traffico. «Ci sarà anche da affrontare la ferita del tondo Gioeni, e anche da ripristinare la sicurezza nel centro storico, a partire da Corso Sicilia», aggiunge l’eurodeputato, per poi accennare alla necessaria «rivoluzione nei rifiuti, l’imbarazzante amministrazione Bianco lascia la città sotto il 10 per cento di differenziata».

In fondo, però, il manifesto del centrodestra che vuole riconquistare Catania potrebbe riassumersi in una parola già detta e ridetta: rigore. Ne declina le fattezze il presidente Musumeci, un po’ smagrito dalla prova del governo ma sicuro di poter portare a termine il compito. «Ci vorranno almeno tre anni per vedere dei risultati, abbiamo trovato una Regione che era solo un foglio di carta intestata – ha scandito il governatore – ma non mi sentirete mai fare annunci, ho il dovere di parlare poco e agire tanto»

Musumeci lancia così la volata a Pogliese, ricordando che nessuna delle principali città siciliane è amministrata dal centrodestra. «Non è sempre colpa degli altri, dovremmo farci delle domande – ha incalzato il governatore – Occorre adesso porre fine alla desertificazione di centrodestra nelle città». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]