Commissioni, M5s su entrate e uscite consiglieri «Poca serietà. Si deve modificare il regolamento»

«In certi casi sembra che i consiglieri comunali catanesi siedano nelle commissioni solo il tempo sufficiente per maturare il gettone di presenza, ovvero un minuto». L’attacco nei confronti di alcuni rappresentanti di Palazzo degli elefanti arriva dalla deputata del Movimento 5 stelle all’Ars Gianina Ciancio. Ad affiancarla nell’arringa contro gli esponenti dell’aula consiliare catanese che hanno fatto registrare delle «anomalie sul loro comportamento all’interno delle riunioni delle commissioni permanenti» ci sono la senatrice Nunzia Catalfo e la deputata nazionale Giulia Grillo. Insieme a una decina di attivisti pentastellati. Dall’altra parte del banchetto di piazza Santa Maria della Guardia – sede del meetup etneo – incassano i colpi i consiglieri comunali Lanfranco Zappalà (Pd), Giuseppe Catalano (Articolo 4) e Agatino Tringale (Officina delle idee). «I fatti catanesi dell’ultima settimana dimostrano l‘incapacità politica e amministrativa del Comune di Catania. È per questo che la città dovrebbe tornare alle urne al più presto», afferma Gianina Ciancio. A spiegare i dettagli della cosiddetta operazione fiato sul collo è Giulia Grillo. Che definisce il report come il «prodotto di un’analisi di trasparenza» e ne precisa l’iter. 

Il Comune di Catania conta 12 commissioni consiliari permanenti che, nel 2014, sono costate in totale poco più di un milione di euro per oltre 13 mila gettoni. Uno dei quali si attesta sui 75,51 euro e scatta anche dopo solo un minuto di presenza del consigliere. Il tetto massimo percepibile da ciascun componente di Palazzo degli elefanti è di 27 presenze mensili che equivalgono a un compenso netto di circa 1200 euro. «A Verona, che abbiamo preso come esempio per via della similarità con il capoluogo etneo, si riesce a risparmiare di più. Le commissioni sono solo sette e costano poco più di 360mila euro. Un modo per destinare più fondi ai cittadini», precisa Giulia Grillo. 

«Il problema è morale più che legale. Per legge i consiglieri comunali guadagnano anche solo con un minuto di presenza ma, in questo arco di tempo, cosa riescono a fare?», domanda Gianina Ciancio. «Il municipio è in serie difficoltà economiche e i consiglieri dovrebbero avere un comportamento più serio senza che si registrino casi di brevissima permanenza, ubiquità o teletrasporto», aggiunge Giulia Grillo. Senza contare gli episodi in cui «alcune riunioni portano a casa solo il risultato di approvare i verbali delle sedute precedenti», sottolinea Nunzia Catalfo. Che entra anche nel merito dei lavori delle commissioni. «Alcune non vengono nemmeno tenute in considerazione dall’amministrazione comunale mentre altre impiegano quattro mesi per valutare un regolamento», continua la senatrice pentastellata. Per la quale uno dei casi più gravi è rappresentato dalla vicenda della votazione del Bilancio di previsione del 2015 senza che la commissione competente abbia avuto modo e tempo di vagliarlo.

«Il consiglio comunale è serio e sono sicuro che ci siano degli errori forse attribuibili ai segretari che dovono verbalizzare le sedute», interviene il componente di Palazzo degli elefanti Lanfranco Zappalà. Che difende i colleghi: «A volte, poi, può capitare di spostarsi da una commissione all’altra solo per votare un ordine del giorno di cui in passato si è ampiamente discusso». «La macchina burocratica è difficile da svolgere. Per mia natura, da quando faccio il consigliere, non mi sono mai fermato per meno di mezz’ora all’interno di una commissione consiliare. Se si parla di un caso di anomalia si può anche trattare di un errore», continua Tringale. Che interviene anche sugli sprechi: «Sono d’accordo sul concetto del virtuosismo ma vi ricordo che i tagli ci sono stati. Sedici anni fa il vicepresidente del consiglio guadagnava mensilmente 11 milioni e 500mila lire. Io, oggi, guadagno 1400 euro», conclude. 

«Il nostro ragionamento non mira ad attaccare ma a dare una soluzione. Proponiamo di modificare il regolamento delle commissioni al fine di creare un effettivo risparmio sulle casse comunale», replica Gianina Ciancio. La proposta, protocollata a Palazzo degli elefanti lo scorso ottobre, tra le altre cose prevede la riduzione del numero delle commissioni da dodici a otto, la diminuzione dei componenti da undici a otto, la corresponsione del gettone di presenza solo per una partecipazione superiore ai due terzi della riunione. Ma ancora, nessun compenso allo scioglimento della seduta per mancanza del numero legale, la pubblicazione online dei verbali, la diretta streaming delle commissioni e la maturazione di un solo gettone giornaliero, al di là del numero di sedute seguite. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]