Il commissario Portoghese risponde alla revoca della Regione. «Illegittima e discriminatoria»

«Si chiede che il procedimento avviato venga definitivamente archiviato». È la conclusione a cui si arriva nelle cinque pagine di controdeduzioni che il commissario straordinario della Città metropolitana e del Comune di Catania Federico Portoghese ha inviato all’assessorato alle Autonomie locali e Funzione pubblica della Regione. Da archiviare sarebbe il procedimento di revoca che è stato avviato la scorsa settimana proprio dalla Regione che, qualche mese fa, lo aveva nominato a ricoprire l’incarico. Un punto a cui si è arrivati dopo il parere negativo espresso dall’ufficio legislativo e legale della presidenza della Regione sui requisiti di Portoghese da ex direttore generale dell’Università di Catania.

Le Università e la Luna

Al centro della questione c’è l’inclusione di professori universitari, ricercatori e dirigenti delle università statali tra i soggetti dotati di quella «professionalità amministrativa» che consente di accedere alla nomina di commissario straordinario. Una questione che ha al centro una legge, la 168 del 1989. O meglio, la sua interpretazione. Dall’ufficio legale della Regione affermano che «alle università non andrebbe riconosciuta la qualità di organi della Stato, bensì quella di enti pubblici autonomi». Una deduzione che aveva già suscitato l’ironia del commissario straordinario che a MeridioNews aveva dichiarato che «bisogna stabilire se l’Università è sulla Terra o sulla Luna». Secondo il ragionamento fatto a Palermo, dunque, «i dipendente tecnici e amministrativi nonché i docenti delle Università statali non potrebbero considerarsi dipendenti dello Stato». E, quindi, non avrebbero i requisiti per ricoprire l’incarico di commissari straordinari.

Questione di distanza e di evoluzioni

«Una simile tesi non può condividersi», si legge nelle controdeduzioni presentate alla Regione dall’avvocato Andrea Scuderi e firmate anche da Portoghese. «Si trascura la profonda distanza che separa i docenti, i ricercatori e i funzionari dipendenti dai dirigenti delle Università». E non si tratta, in effetti, di una sottile differenza. «Appare incongrua un’assimilazione di queste figure». Una incongruità che poggerebbe su un’altra legge – la 7 dell’agosto 2015, all’articolo 11 – in cui viene spiegata «l’assoluta e sostanziale omogeneità della professionalità, delle funzioni e dell’autonomia amministrativa che caratterizzano le figure dirigenziali all’interno delle amministrazioni pubbliche». Comprese le università statali. «Si tratta di considerazioni che rendono evidente come il parere dell’ufficio legislativo e legale di cui si discute ha finito per ignorare quell’evoluzione normativa». Proprio alla luce di questo, nelle controdeduzioni presentate da Portoghese si conclude che la nomina è «assolutamente legittima».

I rischi della revoca per l’interesse pubblico

La revoca dell’incarico, dunque, sarebbe non solo illegittima, «ma anche discriminatoria». Questo, secondo Portoghese e il suo legale, per la violazione del principio di eguaglianza sancito dall’articolo 3 della Costituzione. Prima di chiudere il documento – a cui è stato allegato anche un curriculum vitae di Portoghese di oltre trenta pagine – si fa cenno anche alla «totale assenza di riferimenti, nell’atto di avvio del procedimento (quello della Regione, ndr) all’interesse pubblico». Il riferimento è alle attività di amministrazione degli enti pubblici commissariati (Città metropolitana da un lato e Comune dall’altro) che sono in corso in questo momento e che «assumono carattere prevalente, nel rispetto del principio di buon andamento dettato dall’articolo 97 della Costituzione, per l’impellente necessità e urgenza di continuità amministrativa». Il rischio, già emerso anche durante l’ultima seduta straordinaria del Consiglio comunale di Catania sul tema, sarebbe quello dell’immobilità. A cui, peraltro, la città è stata già sottoposta di recente dopo le  le dimissioni del sindaco Salvo Pogliese, già sospeso dopo la condanna in primo grado per peculato nella vicenda delle spese pazze all’Ars. Per il commissario, insomma, con la revoca del suo incarico, all’orizzonte ci sarebbero «gravissimi pregiudizi per l’interesse pubblico e conseguenti responsabilità erariali». Il riferimento è soprattutto alle attività amministrative per l’uso dei fondi europei e del Pnrr.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Si chiede che il procedimento avviato venga definitivamente archiviato». È la conclusione a cui si arriva nelle cinque pagine di controdeduzioni che il commissario straordinario della Città metropolitana e del Comune di Catania Federico Portoghese ha inviato all’assessorato alle Autonomie locali e Funzione pubblica della Regione. Da archiviare sarebbe il procedimento di revoca che è […]

«Si chiede che il procedimento avviato venga definitivamente archiviato». È la conclusione a cui si arriva nelle cinque pagine di controdeduzioni che il commissario straordinario della Città metropolitana e del Comune di Catania Federico Portoghese ha inviato all’assessorato alle Autonomie locali e Funzione pubblica della Regione. Da archiviare sarebbe il procedimento di revoca che è […]

«Si chiede che il procedimento avviato venga definitivamente archiviato». È la conclusione a cui si arriva nelle cinque pagine di controdeduzioni che il commissario straordinario della Città metropolitana e del Comune di Catania Federico Portoghese ha inviato all’assessorato alle Autonomie locali e Funzione pubblica della Regione. Da archiviare sarebbe il procedimento di revoca che è […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]