Club Med Cefalù, interrogazione al ministero dell’Ambiente Campanella: «Dalle foto c’è una cementificazione in atto»

Un’attesa lunga 10 anni, inaugurazioni più volte annunciate e poi rinviate, e la scorsa primavera arriva la volta buona: il club Med di Cefalù riaprirà a giugno 2018. E nel territorio del Palermitano in tanti hanno già festeggiato, per il ritorno di uno dei più celebri resort turistici di lusso. Ora però sulla struttura, i cui lavori di realizzazione sono in fase avanzata, incombe lo spettro di un’interrogazione parlamentare che chiede maggiori chiarimenti sull’iter di concessione di autorizzazioni e paventa il rischio di un ecomostro, in una delle rupi più celebri e belle del Mediterraneo. A presentarla è il senatore di Mdp Francesco Campanella.

«Dobbiamo riuscire a coniugare lavoro e rispetto per l’ambiente – dice il parlamentare rivolgendosi al Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare -. Rispettare l’ambiente significa rispettare la vita e la salute dei cittadini ma anche preservare la bellezza dei luoghi. Il villaggio turistico di Cefalù sarà fonte di lavoro e di ricchezza per il territorio ma non bisogna aggiungere cemento». Nato nel 1951 come Villaggio magique e acquisito poi dal club Mediterranee, il resort è stato ristrutturato con un investimento di circa 75 milioni di euro. Sarà il primo 5 Tridenti in Europa del brand francese. Avrà 308 camere di tre categorie: superiore, deluxe e suite. A curarne la realizzazione l’architetto King Rosselli. All’interno della struttura sono ospitati anche alcuni edifici storici del ‘700 che verranno recuperati.

«Si chiede al ministro – si legge nell’interrogazione – di verificare che il rilascio delle autorizzazioni sia stato eseguito rispettando tutte le procedure previste dalla legge e se i criteri per la realizzazione della struttura non si pongano in contrasto con le esigenze di tutela ambientale della macchia mediterranea e delle aree marine connesse. Se intenda adoperarsi, al fine di verificare se l’impatto del processo di cementificazione sia stato effettivamente considerato nella valutazione d’impatto ambientale propedeutica al rilascio della concessione edilizia da parte del Comune e se effettivamente gli uffici comunali e regionali preposti stiano esercitando i doverosi compiti di vigilanza sul cantiere».

Il Club de la Mediterranée di Cefalù era noto nel mondo per la caratteristica organizzazione a capanne di canna e giunco immerse nello scenario roccioso. Dopo anni di chiusura della struttura, la società Club Med ha deciso di procedere al rinnovo e al rilancio del villaggio turistico, ottenendo la concessione per un progetto che, in tutte le occasioni pubbliche in cui è stato esibito appariva rispettoso dei criteri più attuali dell’architettura ed edilizia a basso impatto ambientale e a contenuto dispendio energetico.

«Considerato che i lavori attualmente in corso mostrano da alcune vedute dall’alto, uno scenario di tutt’altro genere: un processo di cementificazione pesante ed un’irreversibile modificazione dei luoghi e del pregevole paesaggio naturale preesistente – si legge ancora nell’interrogazione -. A quanto pare sono in corso alcune varianti che porterebbero ad un ampliamento della ricettività prevista e alla realizzazione di corpi accessori di servizio che, verosimilmente, hanno portato quello che doveva essere un intervento di qualificata architettura sostenibile integrata nel paesaggio, alla effettiva generazione di un nuovo ecomostro».

Vale comunque la pena ricordare che il progetto ha ottenuto tutte le autorizzazioni del caso. Già nel 2008, nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, «il progetto di ristrutturazione del Club Med di Cefalù» poteva vantare i pareri positivi della Soprintendenza ai Beni Culturali, del Genio Civile e del responsabile del servizio urbanistica. Nel testo si parlava sia di «ricostruzioni di edifici esistenti» che di «nuove costruzioni», vale a dire bungalow e suite destinate al turismo di lusso. E sono proprio queste, probabilmente, l’oggetto del contendere visto che avrebbero comportato – come si può vedere anche a occhio nudo dal promontorio della cittadina normanna o più semplicemente da google maps – la suddetta cementificazione. 

Lo scorso mese, intanto, Club Med in vista della nuova apertura ha avviato una lunga serie di colloqui per selezionare il personale da inserire nel nuovo villaggio che rispondano agli standard qualitativi del gruppo e che sappiano interagire con un turismo d’élite. Le selezioni hanno riguardato maggiormente le seguenti posizioni: F&B Manager, Responsabile Ristorante, Responsabile Trasporti, Responsabile Reception, Responsabile SPA, Responsabile Boutique, Housekeeping Manager e Responsabile Finanziario. Ricercati tutti i livelli di esperienza: studenti da inserire con tirocini all’interno del nuovo villaggio Club Med, figure junior e professionisti. Per le posizioni di responsabilità è richiesta inoltre esperienza pregressa in contesti di medio-alto livello, conoscenza della lingua inglese e preferibilmente della lingua francese. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]