Clan Scalisi, la lettera del presunto boss dal carcere «Nessuno può permettersi di giudicarvi tranne me»

«Carissimo e stimatissimo fratuzzo mio, prima di tutto e di ogni cosa spero che la presente ti venga a trovare bene unitamente a tutta la tua famiglia e alle persone vicino a te, ok?». Il riferimento alla «famiglia» non è neanche nascosto: esplicito sin dalle prime righe della lettera che il presunto boss Giuseppe Scarvaglieri (classe 1968, detto Pippu ‘u zoppu) avrebbe inviato, dal carcere, ad Alfredo Mannino (classe 1964, noto come ‘u Caliaru). È quest’ultimo a leggere il contenuto della missiva, finita tra le carte dell’inchiesta Illegal duty, a un interlocutore che non è stato identificato: «Prima di tutto – riporta Mannino – Chi può permettersi di giudicare a te e a mio figlioccio Fantozzi? Nessuno». Fantozzi, secondo gli investigatori, sarebbe Pietro Maccarrone (classe 1969). «Voi siete le persone storicamente più vicine alla mia famiglia – continua la lettera – Mi avete dato tanto: tu hai perso un fratello e mio figlioccio è sempre stato devoto alla mia persona. Quindi niente e nessuno può giudicarvi all’infuori del sottoscritto».

I riferimenti alla «famiglia» continuano uno dopo l’altro. «Se c’è qualche individuo che crea confusione – prosegue – a quale titolo? Chi è? Che cosa rappresenta?». Poco dopo, Scarvaglieri comunica a Mannino di avere «dato una carica a mio figlioccio». Scatenando il commento di Mannino che, intercettato, dice: «Ora è diventato suo figlioccio». «Chi si ritiene vicino alla mia famiglia deve rispettare le mie decisioni», avverte il mittente del documento. La lettera continua ancora per qualche riga, fino alla minaccia finale: «Ci tengo pure a dirti – conclude – che chi fa uso e consumo del mio nome per i propri interessi avrà ciò che merita» perché «a me importa solo che si fanno cose buone, con serenità e lealtà».

Questo, però, non è l’unico contenuto intercettato dalle cimici degli investigatori. In un altro passaggio si sente un uomo, che per gli inquirenti è Vincenzo Biondi, ricordare i bei tempi andati. «Una volta si faceva in modo diverso – ricorda Biondi (classe 1977), detto Enzo Trevi – Al tempo dello zio Antonio Scalisi… Quello, bastardo, il giuramento me l’ha fatto fare là dentro», spiega, riferendosi al carcere e al rituale della cerimonia mafiosa d’affiliazione. «Deve essere bello quando è così il giuramento», gli risponde l’anonimo interlocutore. «Proprio». Senza contare i privilegi di cui avrebbe goduto durante la detenzione, grazie al tramite di Pippo Scarvaglieri. «Mi faceva entrare tutto quello che volevo io – aggiunge – “Il pesce come lo vuoi? Che facciamo entrare?”», ricorda.

Altri tempi, insomma. Che lasciano spazio a quelli attuali, in cui bisogna fare i conti con i soldi che non ci sono. O che non verrebbero distribuiti equamente. «Io te lo ripeto – continua Biondi, chiacchierando con un altro – Non sono invidioso. Però lui (non si sa a chi si riferisca, ndr) ha preso per quattro persone. E mi sta bene: te lo giuro su quanto voglio bene a mia figlia. Se non è vero, devo bruciare come una sigaretta». L’altro, a quel punto, replica: «Ma perché tutte queste diversità? Io duecento, Alfredo trecento, quello cinquecento. E io che giro dalla mattina fino alla sera? Duecento euro me li mangio solo di benzina».

Sono i soldi, infine, l’ultimo argomento intercettato dalle forze dell’ordine. Stavolta a parlare è Pietro Maccarrone e il tema, secondo la polizia, è l’attività di recupero crediti per il clan Scalisi. «Iniziamo a recuperarli questi soldi – afferma Maccarrone – Li fa uscire come lavori, hai capito? Anzi, adesso ci chiamiamo. Gli diciamo: “Tu la vuoi bene a tua figlia? Tua figlia vuole restare vedova? Se no, te ne puoi andare anche dalle guardie, perché io gli butto un colpo di pistola“».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]