Cisl sulla Regione: stop alle consulenze

“Diminuire il ricorso alle consulenze esterne e valorizzare il personale interno. Non si possono mortificare ulteriormente le risorse umane, occorre riaprire le relazioni sindacali per rilanciare il funzionamento della macchina regionale”.
Lo hanno affermato Angelo Fullone e Gigi Caracausi, della Cisl Funzione Pubblica che sono intervenuti ieri al convegno “Una Regione più efficiente: risorse e ostacoli”. Un incontro promosso dall’Area Metropolitana della stessa Cisl.
All’incontro sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore reginale all’Economia, Gaetano Armao, e l’assessore alla Funzione pubblica, Caterina Chinici.
“Abbiamo apprezzato gli interventi dell’assessore Caterina Chinnici e dell’assessore Gaetano Armao – hanno aggiunto Fullone e Caracausi – ma auspichiamo che le parole non restino tali. Queste parole devono, infatti, tradursi in realtà, in atti concreti, affinché i dipendenti regionali possano vedere affermati i loro diritti, ma soprattutto gratificate le loro professionalità e competenze. Ribadiamo la disponibilità del sindacato ad avviare un circolo virtuoso attraverso l’applicazione di una seria spending review. Una revisione della spesa – hanno concluso Fullone e Caracausi – che permetta di risparmiare sulle spese superflue, come nel caso delle consulenze, e possa consentire alla pubblica amministrazione di reinvestire parte dei risparmi in una reale produttività del personale”.
Nel corso dell’incontro sono stati illustrati grafici e tabelle su alcuni aspetti dell’amministrazione regionale. Si tratta di dati statistici sul numero dei dipendenti, sul numero dei dirigenti, sui titoli di studio del personale e su altri particolari. Si tratta di dati interessanti che alleghiamo a questo articolo per dare modo ai nostri lettori di visionarli.

Distribuzione del personale per provincia

Ripartizione dirigenti per assessorato

Ripartizione complessiva per laurea

Percentuale dirigenti

 

Titoli di studio personale non dirigente

Costi incarichi esterni


Dalla stessa categoria

Lascia un commento