Circonvallazione, una petizione per chiedere sicurezza «Da dolore e rabbia deve nascere qualcosa di positivo»

«
Per Danilo, per ogni studente e cittadino, perché il suo sacrificio non debba più ripetersi». «Oggi Danilo non sarebbe pianto dai propri cari, se ci fosse stato un attraversamento sicuro». Sono i commenti di Luisa e Luca, due dei quasi cinquemila firmatari della petizione apparsa su Change.org in seguito alla morte di Danilo Di Majo, studente della facoltà di Medicina di Catania. Lanciato dagli studenti del polo B, l’appello è indirizzato al sindaco Enzo Bianco, e chiede la messa in sicurezza dell’attraversamento pedonale in viale Andrea Doria

Danilo, 25 anni, originario di
Ennaè morto il 29 luglio travolto da un pirata della strada. Oggi gli studenti chiedono giustizia. «Perché quanto accaduto non deve passare inosservato». A dirlo è Alessandra Di Nora, studentessa della facoltà di medicina e autrice di una toccante testimonianza riportata online sul portale Parlamente. A MeridioNews racconta le motivazioni dietro la petizione: «Nasce dall’esigenza di esprimere tutto il nostro dolore, con l’auspicio che qualcosa possa cambiare. Non vogliamo rischiare – prosegue – di piangere la sua morte e poi assistere alla tragedia di Danilo sprofondare nel dimenticatoio». L’appello ha raggiunto in meno di 24 ore migliaia di firme e di adesioni. «Cerchiamo l’appoggio del rettore e del corpo docenti, per dare alla vicenda quanta più risonanza possibile e per salvare in futuro altre vite», continua la studentessa.

L’attraversamento pedonale all’ingresso della cittadella universitaria, trafficato da
centinaia di studenti e cittadini, secondo molte testimonianze è «estremamente pericoloso». Giovanni, studente di Infermieristica, spiega: «I veicoli non si fermano mai al semaforo, ma si limitano a stento a rallentare. Indipendentemente dal semaforo, riprendono a sfrecciare ad alta velocità a volte senza curarsi dei pedoni». Della stessa opinione Giacomo, studente di Medicina, che racconta: «Il problema di base, ai semafori, è che non si ferma nessuno. Non è una novità, ma un’usanza tutta catanese. Deve esserci una fila di macchine prima che qualcuno si fermi». Sempre Alessandra, infine, chiarisce la questione: «Attraversare in quel tratto di strada significa rischiare costantemente la propria incolumità. Nessuno rispetta le regole e nessuno vigila. Danilo non è morto solamente per colpa di un pirata della strada. È stato investito anche perché non esiste più un ponte pedonale, che avrebbe probabilmente evitato questa tragedia».

Il gruppo di colleghi riunito per la petizione ha preso il nome informale di
Forza Danilo!, e conta di proseguire nelle sue attività. «Siamo in contatto con i ragazzi di Ioguidaebastanata lo scorso anno in seguito alla morte di Ornella Condorelli (rimasta vittima di un incidente stradale e scomparsa esattamente un anno prima di Danilo Di Majo, ndr). Siamo ancora spaesati per via della perdita, ma avremo modo di collaborare». La petizione ha, come fine ultimo, la messa in sicurezza del tratto di strada interessato tramite l’installazione di autovelox e dispositivi rallentatori di velocità. «La tragedia di Danilo è un’ingiustizia ma non è l’unica, quello che temiamo è che rimanga solo il ricordo di una vittima innocente. Se esistono dei modi per reagire a questa perdita, noi ci impegneremo a trasformare la rabbia in qualcosa di positivo. Magari dedicando un ponte proprio a Danilo, che racconti la sua storia», conclude la giovane.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

In meno di 24 ore sono già quasi cinquemila i firmatari del documento, pubblicato su Change.org, sull'attraversamento pedonale di viale Andrea Doria, di fronte alla Cittadella universitaria. È lì che è stato investito il giovane Danilo Di Majo, studente di Medicina originario di Enna. Gli amici: «Reagiamo alla rabbia». Guarda il video

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]