Choose Me, presentato a Expo marchio messinese «Il problema è la mancata promozione dei prodotti»

Choose Me. Ovvero, Scegli Messina. È questo il marchio collettivo dell’area metropolitana di Messina, presentato oggi, in contemporanea, nella Camera di commercio peloritana e all’Expo. Un segno distintivo chiamato a identificare i prodotti dell’intera provincia, incentivando il loro consumo. L’eccellenza trova la sua identità d’Area, lo slogan che campeggia sopra il logo giallorosso, con la m di Me che rievoca l’immagine di un cuore.

Franco De Francesco, commissario dell’ente camerale, parla di «traguardo davvero importante». Al progetto hanno collaborato «Comune, provincia, università, organizzazioni datoriali». A farsi carico di esportarlo a Milano, in occasione dell’apertura della settimana messinese all’Expo, è Fabrizio Scaramuzza, presidente dell’associazione di promozione territoriale Nonsolocibus, che ha fatto parte del gruppo di lavoro.

Choose Me è destinato, principalmente, a quei prodotti – strettamente legati alla storia, alla cultura e alle tradizioni locali – che, pur presentando elementi di forte legame con il territorio, non rientrano nei disciplinari di produzione europei, come Stg, Dop e Igp. Al momento, riguarda soprattutto i settori dell’agroalimentare, dell’agricoltura, dell’enogastronomia e del turismo, «per innescare un’economia di prossimità, un’economia locale», orientando gli acquirenti. «Noi consumatori – prosegue Maurizio Lanfranchi, docente all’ateneo peloritano e componente del gruppo di lavoro – possiamo aiutare l’economia locale, come avviene in altre regioni italiane o in altri Paesi».

Importante è identificare il prodotto per qualità e provenienza. I criteri per accedere al marchio saranno molto rigidi, «altrimenti la sua concessione potrebbe rivelarsi un boomerang». «Nel caso della trasformazione, per esempio, i prodotti utilizzati dovranno essere all’85 per cento messinesi. In ambito turistico, ma anche nei bar, nelle pasticcerie – prosegue il docente – sarà necessario utilizzare prodotti che nel 50 per cento dei casi abbiano a loro volta il marchio d’area». Ad auspicare parametri restrittivi è pure il presidente del Consorzio provinciale allevatori, Nino Cammaroto, «per evitare un’altra occasione persa, come nel caso del salame Sant’Angelo».

La vera scommessa, adesso, sta nell’effettivo utilizzo dello strumento. Spetta alle associazioni di categoria promuoverlo nei confronti degli iscritti. «Il marchio identifica il prodotto con il territorio – dichiara il segretario generale della Camera di commercio, Alfio Pagliaro – e, in questo caso, la qualità è garantita dall’ente pubblico titolare del marchio. È essenziale che le imprese ne comprendano appieno il valore e che le associazioni di categoria datoriali lo veicolino sul territorio». Lanfranchi, tuttavia, contesta la scarsa partecipazione di queste ultime alla conferenza stampa odierna. Carmelo Picciotto e Caterina Mendolia, presidente e direttore di Confcommercio (unica sigla presente all’incontro con i giornalisti), assicurano di essersi già attivati, annunciando pure protocolli d’intesa con altre nazioni.

Ciononostante, Pippo Denaro, titolare della prestigiosa pasticceria Irrera, lamenta di non avere ricevuto finora «un’adeguata informazione». «L’iniziativa – ricorda – deve avere soprattutto valenza provinciale. Nell’ambito della pasticceria abbiamo diverse eccellenze. Abbiamo materie prime come le nocciole, le mandorle, gli agrumi. E poi, la lavorazione della ricotta dei Nebrodi, dei Peloritani, delle Gole dell’Alcantara. Tuttavia, dobbiamo fare i conti con la mancata promozione di prodotti come la pignolata, che è ormai messinese a tutti gli effetti e che, a differenza dei cannoli, è difficile da replicare in altre parti del mondo. Serve l’intervento economico e il coordinamento degli enti locali, perché non credo non ci sia una sola azienda che abbia i soldi per fare promozione».


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]