Chinnici vince primarie, ma fronte progressista traballa Pioggia di ultimatum dai 5 stelle dopo l’attacco di Conte

Alla fine a spuntarla è stata Caterina Chinnici. Sarà lei, vincitrice delle Presidenziali, a guidare il fronte progressista come candidata alla presidenza della Regione? È tutto da vedere. È tutto da vedere perché anzitutto c’è da capire se esiste ancora un fronte progressista, perché ai «si va avanti» e alla voglia di unità espressa subito dopo la crisi di governo a Roma – che ha visto separarsi di fatto Partito democratico e Movimento 5 stelle – adesso si è passati agli ultimatum. Caterina Chinnici ha vinto con 14.552 preferenze, tra gazebo e voto online, il 44,77 per cento degli iscritti al voto, più di tremila voti in più rispetto alla contendente del Movimento 5 stelle Barbara Floridia. Per lei 10.317 voti, il 31,74 per cento. Chiude la classifica Claudio Fava (Centopassicon 7.547 voti e il 23,22 per cento. Un risultato piuttosto equilibrato, accettato da Fava, ma un po’ meno dai pentastellati, che hanno risposto in massa al «serrate le file» di Giuseppe Conte

Dopo il post dell’ex presidente del Consiglio, che non risparmia attacchi al Pd e con una sola frase ribalta i discorsi fatti per settimane in Sicilia, dove il nuovo sistema di primarie ideato dalla coalizione voleva essere tornasole della voglia di scegliere il candidato presidente sganciandosi dai tavoli e dalle segrete stanze romane. «Per noi quello che succede a Roma succede a Palermo», scrive Conte a conclusione del post con cui ringrazia Barbara Floridia. Un post in cui parla dell’impegno dei suoi per queste primarie: «Uno sforzo che ora merita subito chiarezza, perché in queste settimane sono cambiate molte cose rispetto a quando è partito questo percorso. Prima di percorrere ancora la strada di un’alleanza progressista in Sicilia, il Pd dovrà fare chiarezza sui suoi obiettivi e dire se l’agenda sociale e ambientale del M5s è la loro stessa direzione o se ormai i percorsi e i compagni di strada sono altri, in linea con gli insulti e le dichiarazioni di questi giorni».

E se Roma chiama, appunto, la Sicilia risponde. E lo fa spesso anche nei commenti dello stesso post di cui sopra. «Grazie alla nostra “guerriera gentile” Barbara Floridia, per il resto sottoscrivo ogni singola parola: “Quello che succede a Roma succede a Palermo”», dice il deputato regionale Francesco Cappello, a cui fa eco il collega Antonio De Luca: «Barbara Floridia è stata una leonessa e il gruppo l’ha sostenuta con forza e determinazione. Per il resto, concordo su ogni singola parola che hai scritto, Giuseppe Conte». Tra i più duri c’è l’ex sindaco di Bagheria Patrizio Cinque che lancia una sorta di ultimatum direttamente a Enrico Letta: «Letta ha 24 ore per dirci se rinuncia al programma di Draghi e sposa il nostro programma. Diversamente non abbiamo motivo di andare assieme in Sicilia». Chi guarda un po’ più alla situazione locale è Luigi Sunseri, che oltre a sottoscrivere quanto scritto da Conte, chiede chiarezza anche agli alleati regionali sull’ormai famigerato perimetro della coalizione e su una possibile apertura a Raffaele Lombardo ventilata da Chinnici durante i confronti tra candidati per le primarie. 

«Lombardo? – scrive Sunseri – Lui e i suoi sono strutturali e organici al governo Musumeci e non intendiamo averci nulla a che fare.
In Sicilia ci conosciamo tutti e li conosciamo tutti. Non sono gli stessi che stanno in politica da 20 anni, almeno? Non sono gli stessi le cui azioni e la cui strategia politica è pensata per continuare a dimorare saldamente dentro i palazzi regionali?
È possibile immaginare un cambio di direzione di questa maledetta terra, finita in un baratro, con queste persone nei posti chiave? No.
La Sicilia ha bisogno di discontinuità.
E non possiamo garantirgliela con chi ha governato (male) e sta continuando a governare (male) la nostra regione».

Dall’altra parte, invece, Anthony Barbagallo, segretario regionale del Partito democratico, si limita a esultare per il risultato ottenuto, ringraziando la coalizione. «Ringrazio Barbara Floridia e Claudio Fava per questa straordinaria esperienza. Da domani subito al lavoro per far voltare pagina alla Sicilia». E a gettare acqua sul fuoco c’è anche Claudio Fava, che commenta: «Complimenti e auguri a Caterina Chinnici – dice – Rivendico di avere individuato nelle primarie lo strumento per sottrarre queste decisioni a un salottino romano per restituirle ai siciliani. Daremo una mano a sfidare questa destra a patto che non ci sia il tentativo di costruire ponti strategici per aprire a pezzi di questo centrodestra. Si sta dentro questo quadro se questo è un quadro coerente condiviso con una direzione di marcia precisa: no contaminazioni e allargamenti verso quanto di più opaco e antico esiste nella storia politica siciliana – ha aggiunto – saremo dentro questa battaglia se non c’è il tentativo di un trasversalismo malato».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]