Cercasi schiavo, gli autori dei manifesti vengono allo scoperto «Sorprende la mancanza di pudore delle associazioni datoriali»

«Non riusciamo ancora a credere che una denuncia comune a molti luoghi di lavoro siciliani e italiani possa suscitare così tanto clamore». Il botta e risposta tra Assoimprese, Confesercenti e gli attacchini di Lipari continua. I manifesti provocatori affissi nei muri delle vie cittadine in occasione della festa dei lavoratori hanno fatto storcere il naso a più di un rappresentante della categoria. «Mi sorprende la mancanza di pudore delle associazioni datoriali nel reagire in questa maniera». A sferrare il colpo è Paolo Arena, responsabile di Magazzino di Mutuo soccorso Eolie, l’associazione promotrice dell’attacchinaggio dei finti annunci di lavoro con impressa la scritta Cercasi schiavo per la stagione estiva. 

Per Arena, la reazione di chi rappresenta la categoria, consistita nel criticare l’anonimato dell’iniziativa fino a sollevare una questione di decoro pubblico, è stata come «negare che il cielo è azzurro». «Sì è provato a rigirare la frittata sull’attacchinaggio abusivo – continua Arena contattato da MeridioNews -, cercando di spostare l’attenzione dalle pessime condizioni dei lavoratori stagionali al presunto degrado per la città dovuto all’affissione». 

La questione, però, riguarda gli impiegati estivi, talvolta costretti ad accettare anche condizioni inique – dal lavoro irregolare allo stipendio minimo, fino all’assenza di prestazioni economiche di fine rapporto – pur di lavorare. «Condizioni – sottolinea Arena – che non riguardano solo i giovani sebbene siano i più martoriati ma spesso anche cinquantenni con una famiglia alle spalle». A fare infuriare la categoria degli stagionali, in questo contesto e in assenza di organizzazioni sindacali sull’isola rappresentati da Magazzino di Mutuo Soccorso, è l’abitudine a non concedere giorni liberi. «Una cattiva abitudine – precisa Arena – che è diventata fenomeno». 

Circostanze che Assoimprese ha voluto subito smentire, spezzando una lancia a favore dei datori di lavoro. «Ce ne sono tanti onesti», ha affermato il presidente Maurizio Cipicchia. «I manifesti anonimi che la scorsa notte sono stati affissi abusivamente per le strade di Lipari – ha chiosato il presidente di Confesercenti Messina Alberto Palella – mostrano la voglia di qualcuno di riportare indietro la storia, intossicando il rapporto tra imprese e lavoratori, alimentando il conflitto sociale, più che individuare le soluzioni». 

Perché, è la posizione di Confesercenti, «negli ultimi due anni le imprese eoliane hanno faticato moltissimo e per evitare di chiudere gli imprenditori sono stati costretti a finanziare con il loro patrimonio le casse aziendali». Una situazione che l’associazione impegnata nel sociale non sembra trascurare. «Siamo consapevoli delle difficoltà degli esercenti – ammette Arena – spesso però le stesse finiscono con il ricadere sempre e solo sui lavoratori». Come per chi beneficia del reddito di cittadinanza, talvolta, senza avere i requisiti. Una circostanza che ha contribuito anche a mettere in cattiva luce l’intera categoria. 

Se, dunque, i furbetti del reddito di cittadinanza costituiscono un’eccezione, le condizioni dei lavoratori stagionali sarebbero la regola. «Servirebbe un confronto – sostiene Arena -, mi sarei aspettato una reazione diversa dalle associazioni datoriali: per l’onorabilità della categoria avrebbero potuto chiedere più controlli per individuare gli eccessi negativi e pretendere le sanzioni». In un settore, quello dei lavoratori stagionali, «assolutamente desindacalizzato perché forse – conclude in risposta a Confesercenti – sono certe condizioni di lavoro a rendere tossico il rapporto». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]