Catania, una sentenza complica la vendita Quote e soldi agli eredi di Turi Massimino

La vendita del Calcio Catania somiglia sempre più a un rebus. A cui va aggiunto un tassello – finora mai reso pubblico – che potrebbe complicare ulteriormente la soluzione. È la sentenza di secondo grado con cui gli eredi di Salvatore Massimino hanno ottenuto dai giudici il riconoscimento di una parte delle quote societarie e di un credito da 400mila euro. Elementi che, se la sentenza verrà confermata in Cassazione, potrebbero scoraggiare gli eventuali compratori. Come se finora non fossero bastati l’attesa sulla decisione della giustizia sportiva che entro fine agosto stabilirà se retrocedere in Lega Pro il club; l’evoluzione dell’indagine sul fallimento di Wind Jet, controllata dalle stesse società – Finaria e Meridi – che oggi gestiscono il Calcio Catania; la «perdita di diversi milioni di euro» con cui il club ha giustificato il licenziamento di dieci dipendenti e, infine, la possibilità che sia proprio Antonino Pulvirenti a voler scoraggiare eventuali acquirenti.

Una cosa è certa. Il prossimo proprietario – uno o una cordata, poco importa – dovrà tenere in considerazione la sentenza di secondo grado della giustizia civile che ha stabilito sia la titolarità di alcune quote societarie in favore di Salvatore Massimino – fratello dell’indimenticabile presidentissimo rossoazzurro Angelo – che un credito vantato dagli ex proprietari nei confronti del Calcio Catania. Una somma inizialmente stimata in lire e che, con la conversione nella nuova valuta e i relativi interessi maturati negli anni, avrebbe raggiunto la quota di circa 400mila euro. Secondo alcune fonti giudiziarie, tra la famiglia Massimino – cioè gli eredi di Salvatore – e Pulvirenti ci sarebbero stati nel tempo diversi tentativi di trovare una soluzione al contenzioso. Ma gli scarsi risultati hanno spostato il confronto all’interno delle aule di piazza Verga. A stabilire l’ultima parola sarà comunque la corte di Cassazione, dopo il ricorso degli avvocati che assistono il club etneo. 

Un ostacolo in più verso l’obiettivo fatto proprio dal Comune di Catania: «Evitare che il calcio a Catania possa essere cancellato dallo scandalo della compravendita delle partite», come ha spiegato il sindaco Enzo Bianco, impegnato nel ruolo di regista della trattativa. Dopo il polverone sollevato dall’inchiesta I treni del gol – in cui tra gli indagati principali per truffa e frode sportiva ci sono l’ex amministratore delegato Pablo Cosentino e l’attuale proprietario Pulvirenti – si era prospettata una soluzione temporanea con una cordata catanese. «Per non più di due stagioni – aveva specificato in una nota palazzo degli Elefanti – nell’attesa di trovare un definitivo acquirente». 

Dopo il passo indietro del gruppo di investitori locali – dettato, secondo l’amministrazione, dalle parole di Pulvirenti – la trattativa sembrava vivere una fase di stallo. Ma, come ha confermato a MeridioNews l’assessore al Bilancio Giuseppe Girlando, questa settimana potrebbe portare delle novità. È l’effetto dell’incontro avuto giovedì scorso in Comune tra l’amministrazione e l’ex direttore generale del Calcio Catania Pietro Lo Monaco, che ha proposto un progetto di investimento a lunga scadenza per l’acquisto del club e sondato la disponibilità della cordata catanese a farne parte.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]