Catania-Ternana 0-0, al Massimino il cuore non basta Fuori da Coppa Italia. Pace tra Curva nord e squadra

Una giornata non facile si conclude senza il lieto fine. Sfumato il sogno Bojinov (trasferitosi in extremis a Pescara) e dopo una mattinata segnata dal blitz della Guardia di Finanza a Torre del Grifo, con Nino Pulvirenti indagato per bancarotta, il Catania pareggia 0-0 nella gara di ritorno della Coppa Italia di Serie C, lasciando alla Ternana l’onore di sfidare la Juventus Under 23 nell’atto conclusivo della manifestazione. Un risultato negato che fa da contorno a una prestazione gagliarda da parte dei padroni di casa, autori di una prova positiva: a mancare è stata la precisione negli ultimi metri, non certo facilitata dall’ostruzionismo degli ospiti, autori di una gara di puro contenimento. 

Lucarelli conferma il 4-2-3-1, cambiando rispetto alla gara con la Cavese la coppia di mediani: dentro Biagianti e Rizzo, fuori Salandria e Vicente. Esordio dal primo minuto anche per la punta Beleck, assistito in attacco da Biondi, Di Molfetta e Mazzarani. L’inizio dei rossazzurri è veemente: al 6′ Rizzo tira alle stelle, dopo una azione elaborata. La Ternana pensa solo a difendersi, con linee strette tra i reparti e tentativi di veloci ripartenze. Al quarto d’ora fuga di Mazzarani da sinistra, il suo tiro-cross è controllato da Tozzo. Cinque minuti più tardi Biondi, da sinistra, fa venire il mal di testa ai difensori avversari, saltandone un paio e mettendo in mezzo una palla filtrante intercettata in extremis.

Il Catania ci prova in maniera costante e generosa: Beleck tenta una semi-rovesciata, Tozzo in uscita lo anticipa. Gli etnei collezionano angoli: su uno di questi, la zuccata di Silvestri vola alto. L’occasione migliore capita alla mezz’ora: Calapai vola a destra e mette un cross leggermente lungo, irrompe Di Molfetta che impegna il portiere ternano alla ribattuta. Sul successivo corner svetta Biagianti, ma la sfera va alta sulla traversa. I gruppi organizzati, tornati ad assiepare la Nord, espongono l’inequivocabile striscione «Solo per amore»: alla fine della prima frazione arriva l’unico brivido per gli etnei, col diagonale mancino di Vantaggiato abbondantemente a lato. I ragazzi di Lucarelli, encomiabili per impegno e intensità, sono scortati negli spogliatoi da applausi scroscianti. 

La ripresa segue lo stesso spartito dei primi 45′. Lucarelli cambia le ali: dentro Manneh e Barisic per Biondi e Mazzarani, ma il risultato non cambia. Al quarto d’ora un diagonale forte e teso di Pinto chiama Tozzo all’intervento in angolo. Gli etnei provano ad allargare il gioco, cercando in questo modo di trovare la combinazione per aprire la cassaforte rosso-verde: gli uomini di Fabio Gallo, però, non si scompongono. Beleck devia al 21′ un tiro-cross di Di Molfetta, ma la sfera rotola a lato. Quindi ci prova Calapai pochi minuti dopo, senza fortuna: poi è il turno del neo entrato Curcio, ma il suo mancino al volo è alto. L’ultimo brivido è targato ancora Beleck: il numero 9 gira di testa un bel cross di Calapai, palla fuori di poco. 

Negli istanti finali Silvestri viene espulso per una manata a Partipilo, e gli animi si surriscaldano. Al triplice fischio del direttore di gara, però, le attenzioni del pubblico sono soltanto per gli uomini di Lucarelli, invocati a gran voce della Curva Nord che li incita con i cori «Combattete per noi» e «Catania fino alla fine». Il segnale di una pace ristabilita che, al termine di ore potenzialmente drammatiche per il futuro societario, suonano come l’unica notizia lieta. 

Il tabellino

Catania-Ternana 0-0

Catania (4-2-3-1): 22 Martinez; 26 Calapai, 3 Mbende, 5 Silvestri, 20 Pinto; 27 Biagianti (33′ st Welbeck), 18 Rizzo (81’st Curcio; 21 Biondi (14’st Manneh), 32 Mazzarani (14′ st Barisic), 8 Di Molfetta (33′ st Capanni); 9 Beleck. Allenatore: Lucarelli.

Ternana (4-3-1-2): 22 Tozzo; 11 Parodi, 14 Russo, 27 Bergamelli, 2 Celli; 4 Verna, 5 Palumbo (19′ st Sini), 28 Salzano; 7 Furlan (19′ st Defendi); 10 Vantaggiato (86′ Partipilo), 21 Torromino (27′ st Ferrante). Allenatore: Gallo.

Arbitro: Fabio Natilla di Molfetta.

Note: ammonito Vantaggiato, espulso Silvestri. Recupero: 5′.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]