Catania, tra scelte di mercato, capitolo allenatore e i lavori allo stadio Angelo Massimino

Bocche cucite e in casa Catania tutto tace. Nessuno spiffero sulle scelte di mercato del club per quanto riguarda il capitolo allenatore e le possibili riconferme di una parte della rosa che nella stagione appena conclusa ha riportato tra i professionisti il club etneo. Un silenzio che fa intuire che a piazza Spedini, sede della società rossazzurra, si sta riflettendo con attenzione sul futuro per evitare al minimo gli errori.

Rientro

Dopo la riunione di Lega, svoltasi lunedì scorso a Firenze, i vertici dirigenziali del Catania sono tornati in città per definire gli ultimi punti del piano di programmazione della prossima stagione. Sino al termine di questo mese, infatti, sarà un tour de force per Grella, Carra e Laneri. Gli impegni in agenda sono molti e tutti importanti e non riguardano solo la gestione sportiva. La dirigenza etnea, infatti, dovrà valutare anche lo stato dei lavori al Massimino.

Stadio


Lo sbancamento del terreno di gioco, circa 8000 metri quadrati, è cominciato da da oltre una settimana e sino ad oggi è stata semplicemente scorticata l’erba che era presente. Occorre ricordare che è previsto uno sbancamento di 40 centimetri per poter consentire un corretto posizionamento prima della ghiaia drenante e successivamente della sabbia silicia. In base alle foto scattate nella mattinata di oggi, si può evincere, dalla presenze delle porte, che questo sbancamento è stato fatto solo in minima parte. Come si dovrebbe chiedere alla SAMA, l’azienda a cui è stato appaltato il lavoro, del perché della presenza di mezzi pesanti sul campo di gioco che inevitabilmente non fanno che compattare ancora di più il terreno. Domanda che sorge anche in considerazione che la SAMA, tra le aziende leader nel settore avendo realizzato i manti erbosi del Maradona di Napoli e del Mapei di Reggio Emilia, abbia deciso di adoperare un sistema di lavorazione diverso per lo sbancamento del Massimino rispetto a quello che ha utilizzato in altre strutture (foto).

Bando


Nel frattempo, oggi il Comune di Catania ha annunciato che è in pubblicazione il bando per l’affidamento della gestione del Massimino per dieci anni, prorogabili per altri dieci. Come si legge nella nota dell’amministrazione, «il presupposto di questo risultato da cui trae grandi vantaggi il Comune in termini di risparmi di spesa, è frutto delle delibere della giunta comunale del 6 e del 9 agosto 2022 e successivamente della delibera n. 19 del 25 agosto 2022 del Consiglio Comunale che ha approvato l’esternalizzazione della conduzione, gestione ed uso dell’impianto sportivo Stadio Angelo Massimino, unico impianto considerato di rilevanza economica che verrà aggiudicato sulla scorta di una complessa procedura di valutazione. Con la citata deliberazione consiliare, infatti, è stato dato mandato al Servizio «Attuazione con fondi U.E. di progetti di riqualificazione urbana e transizione green – Sport» di redigere il piano economico finanziario, quello di conduzione della struttura, lo schema di contratto e il relativo bando finalizzati all’esternalizzazione della conduzione, gestione ed uso a terzi dell’impianto e di porre in essere tutti gli adempimenti consequenziali e necessari a dar corso al procedimento di affidamento». L’avviso di gara sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Europea il prossimo 26 Maggio e contestualmente sul sito internet del Comune di Catania: per presentare offerte ci saranno 45 giorni di tempo.

Lavori


Una buona notizia a cui segue l’aggiornamento sullo stato dei lavori di restyling nel impianto di piazza Spedini. Secondo le stime dei tecnici della direzione lavori si è già al 50 per cento delle opere previste. Completato lo sbancamento del terreno di gioco si sta provvedendo al movimento terra, fase propedeutica al rifacimento del drenaggio, a cui seguirà la posa in opera dei rulli di manto erboso. Si sta lavorando anche negli spalti delle curve, che da metà giugno accoglieranno i nuovi seggiolini e a seguire anche nelle tribune A e B. Operai in azione anche per rifare tutti i bagni dei vari settori e nel Cibalino, il piccolo campo attiguo a quello maggiore, che avrà un manto in erba sintetica.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]