Catania, rischio sismico dal sottosuolo Lo speleologo: «Edifici costruiti sulle cave»

Sono decine, forse centinaia le cavità presenti nel sottosuolo di Catania. «E sono un serio pericolo alla stabilità degli edifici, tanto che si dovrebbero studiare nel nuovo piano regolatore». A sostenerlo è Franco Politano, tra i fondatori del Centro speleologico etneo (Cse) ed esperto del sottosuolo urbano catanese, che esplora fin dalla metà degli anni ’70. Sotto le fondamenta di alcuni palazzi del centro, denuncia lo speleologo, la pietra lavica ha solo un metro di spessore. E, sotto lo strato di roccia, spesso si estendono grandi cave artificiali di ghiara. Sono delle piccole miniere, create nel corso dei secoli per recuperare la sabbia rossa, usata per creare la tipica malta che ha caratterizzo ogni edificio della città, almeno fino all’arrivo del cemento. Le cave costituiscono un rischio serio secondo Politano che, in occasione del dibattito sul nuovo piano regolatore generale, chiede ai consiglieri comunali di Palazzo degli elefanti di prendere in considerazione «la creazione di una norma per le indagini speleologiche preventive».

[slideshow exclude=”7″]

«Sono almeno trenta le cavità note ed esplorate all’interno della città di Catania – spiega Politano – Ma potrebbero essere tantissime le cavità ancora sconosciute, in zone che un tempo erano solo la periferia cittadina». Una periferia che si estendeva dal limite nord ovest della via Plebiscito fino a zone oggi altamente abitate, come il quartiere San Leone e il viale Mario Rapisardi. La presenza delle cave prosegue lungo il percorso della grande colata lavica del 1669 fino ai paesi alle pendici dell’Etna come Gravina di Catania e San Pietro Clarenza, «dove c’è grande cava con ritrovamenti archeologici di epoca romana».

Le cave del centro storico, oggi dimenticate, erano ben note negli anni della guerra e utilizzate come rifugi anti-aerei. Oggi molti di questi ex rifugi, come la cava Daniele che prende nome dall’omonima via del centro e si estende per centinaia di metri, «presentano segni di crollo e lo spessore della volta rispetto al livello stradale è notevolmente ridotto» racconta Politano. Che mostra le immagini della cavità, che occupa la zona dell’antico lago di Nicito. E, sui pericoli, lo speleologo cita un eclatante caso di pochi anni fa, il 2002, in piazza Duomo: «Noi del Cse denunciammo la possibilità di crollo del pavimento della piazza – racconta Politano – al di sotto della quale scorre il fiume Amenano e sono presenti le terme Achilleane. Era il nel periodo di Sant’Agata – continua – l’amministrazione non prese in considerazione la nostra denuncia. Ma il crollo avvenne, per fortuna una settimana dopo la festa, senza nessun ferito».

Non vuole passare per un «allarmista», avverte, ma il pericolo che i solidi terreni in pietra lavica crollino, sotto l’apparente azione del fato, è reale anche oggi. «Un esempio è quello di pochi mesi fa, in via Acquicella. «Sotto la parete crollata c’è una grande cava, di cui si era perduta memoria» continua Politano, che cita gli esempi di Roma e Napoli, città oggetto di approfondite indagini speleologiche «dopo tragedie simili a quella che, negli anni ’50, portò al crollo apparentemente inspiegabile di una palazzina di viale Vittorio Veneto a Catania». L’edificio era costruito «sopra una cavità».

Il sottosuolo catanese è di natura diversa rispetto a quello di Roma e Napoli ma, nonostante la presenza della pietra lavica, i problemi sono molto simili a quelli delle due grandi città. «In media a Catania lo spessore del terreno lavico è di circa sei o sette metri – continua Politano – ma gli scavi per le fondamenta degli edifici hanno spesso ridotto lo strato di roccia fino a raggiungere le volte delle eventuali sottostanti cave di ghiara». Un problema particolarmente grave dal dopoguerra quando, con l’arrivo del cemento, c’è stato un aumento esponenziale delle costruzioni in periferia, in terreni ricchi di cave non adeguatamente segnalate. «La mancanza di utilizzo ha portato a dimenticare la loro posizione, con la conseguenza che oggi molti edifici sono costruiti su terreni che si ritengono robusti, pur non essendolo. Potrebbero resistere secoli, ma un’indagine specifica potrebbe individuare e risolvere subito i problemi», conclude Politano.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il capoluogo etneo poggia su un solido strato di roccia lavica ma, in alcune zone, questo è spesso solo pochi metri. «Sotto la roccia la città è piena di cave, un grave pericolo soprattutto in caso di terremoto», mette in guardia Franco Politano del Centro speleologico etneo. Che lancia un appello al consiglio comunale: «Inserite una norma per effettuare indagini speleologiche preventive nel nuovo piano regolatore». Guarda le foto

Il capoluogo etneo poggia su un solido strato di roccia lavica ma, in alcune zone, questo è spesso solo pochi metri. «Sotto la roccia la città è piena di cave, un grave pericolo soprattutto in caso di terremoto», mette in guardia Franco Politano del Centro speleologico etneo. Che lancia un appello al consiglio comunale: «Inserite una norma per effettuare indagini speleologiche preventive nel nuovo piano regolatore». Guarda le foto

Il capoluogo etneo poggia su un solido strato di roccia lavica ma, in alcune zone, questo è spesso solo pochi metri. «Sotto la roccia la città è piena di cave, un grave pericolo soprattutto in caso di terremoto», mette in guardia Franco Politano del Centro speleologico etneo. Che lancia un appello al consiglio comunale: «Inserite una norma per effettuare indagini speleologiche preventive nel nuovo piano regolatore». Guarda le foto

Il capoluogo etneo poggia su un solido strato di roccia lavica ma, in alcune zone, questo è spesso solo pochi metri. «Sotto la roccia la città è piena di cave, un grave pericolo soprattutto in caso di terremoto», mette in guardia Franco Politano del Centro speleologico etneo. Che lancia un appello al consiglio comunale: «Inserite una norma per effettuare indagini speleologiche preventive nel nuovo piano regolatore». Guarda le foto

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]