Catania, rigettata proposta d’acquisto del Comitato Pellegrino: «Zero alternative, i debiti sono enormi»

È successo tutto in tempo reale. Mentre Maurizio Pellegrino dal canale social dell’emittente Futura production si accingeva a spiegare a pubblico e giornalisti il perché dell’offerta presentata dal Comitato promotore, il Calcio Catania ha divulgato un comunicato ufficiale che non ha lasciato spazio a interpretazioni. «Finaria spa, nell’accogliere di buon grado la manifestazione d’interesse relativa al Calcio Catania spa in cui sono riportate le modalità di pagamento in caso di accordo e l’entità delle stesse, ritiene la proposta d’acquisto non congruente con le specifiche della procedura in atto e con gli aspetti materiali e immateriali dell’asset Calcio Catania».

Una doccia fredda che, però, non ha scomposto più di tanto Pellegrino, passato al contrattacco. «Ne prendiamo atto – ha tuonato il segretario del Comitato promotore – può darsi sia una prima tappa, o un primo approccio. Avranno avuto le loro ragioni per rifiutare: noi abbiamo fatto una proposta che riteniamo adatta. Ribadisco che al momento non esiste un’alternativa alla nostra. Il Calcio Catania è destinato a esiti drammatici: i debiti complessivi sono davvero enormi per una società che oggi si trova in Lega Pro. In tanti hanno lavorato in questi anni con Pulvirenti: non ho visto nessuno dare una mano per attivarsi e provare a capire come salvare la società».

L’offerta sarebbe la seguente: due milioni di euro circa per rilevare la società di via Magenta, più il totale accollo dei debiti. Si parla, in tal senso, di una cifra superiore ai 50 milioni di euro. «Facciamo riferimento – specifica Pellegrino – sia alle rate del mutuo di Torre del Grifo sia ai debiti verso fornitori, erario e banche. Ritengo che tutto questo rappresenti una somma abbastanza corposa e forte. In questo momento servono trasparenza e responsabilità: stiamo assolvendo a questo compito». In merito al presunto interessamento di Giuseppe Leonardi, attuale presidente della Sicula Leonzio: «La cordata è aperta a tutti coloro i quali hanno a cuore le sorti della città e del Calcio Catania. A oggi, però, non ho ricevuto alcuna telefonata da imprenditori disposti ad aiutarci». 

Maurizio Pellegrino ha glissato in merito alle domande sui componenti della cordata da lui rappresentata, affermando come non fosse giusto svelare i nomi in questo frangente. «Sono dei grandi tifosi – ha comunque ribadito l’ex tecnico del Catania – che hanno subito dato la loro disponibilità. Ringrazio tutti i componenti del Comitato, autentici incoscienti (scherza, ndr) con grande passione verso questi colori: la possibilità di salvare la matricola è stata più forte della razionalità e di qualsiasi pensiero qualitativo. La cosa importante oggi non è tanto il nome, ma la capacità di essere riusciti a mettere insieme una cifra congrua e onesta, dando garanzie per l’acquisto del Catania».

Tirando le somme, però, si ha l’impressione che l’odierna occasione di fare maggiore chiarezza su componenti, forza economica e intenti del Comitato promotore non sia stata sfruttata al meglio. Il destino del Catania continua dunque a restare un grande punto interrogativo, con tanti scenari ancora aperti e percorribili. Lo stesso Pellegrino ha lasciato intendere come questo possa rappresentare solo il primo atto delle trattative. È probabile poi che il nuovo presidente rossazzurro (nonché liquidatore di Finaria) Gianluca Astorina voglia tenere aperti più tavoli su cui trattare. La corda, però, non potrà essere tirata per troppo tempo: mai come in questi frangenti il futuro della gloriosa società etnea (e della matricola federale 11700) sembra essere a rischio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]