Catania, Porcino e Brodic ultimi colpi di mercato Caccetta a Pordenone, chiuso contratto con Calil

Si è chiusa ieri sera, nella cornice dell’Hotel Melià di Milano, la finestra invernale di mercato del Calcio Catania. Alla fine sono due gli innesti in entrata frutto dell’intenso lavoro portato avanti nelle ultime, febbrili ore di trattative da parte di Pietro Lo Monaco e del direttore sportivo Christian Argurio: si tratta di Antonio Porcino e del croato Fran Brodic, due giovani che rimpolpano la rosa e daranno a Lucarelli valide alternative nella lunghissima volata a due per la promozione in B con il Lecce. Porcino, classe 1995, è un reggino doc: nato nella città dello Stretto e cresciuto nelle giovanili amaranto, il terzino sinistro ha vestito anche le maglie di Santarcangelo, Taranto, Benevento e Ischia. Quest’anno, con la casacca della Reggina, ha disputato 19 presenze in Serie C siglando anche due reti: sarà lui, assieme a Khalifa Manneh, l’alternativa di Giovanni Marchese sull’out mancino. Il contratto che lo lega al Catania, a titolo definitivo, scadrà il prossimo 30 giugno.

Lo Monaco, in occasione della conferenza stampa di presentazione di Rizzo e Caccavallo, lo aveva anticipato: «Prenderemo dei giocatori Under (nati dopo il 1 gennaio 1995, ndr)». Così, dopo Porcino, l’altro nuovo arrivo in casa Catania parla croato: Brodic, 21enne nazionale Under 21, detiene il record di più giovane debuttante in prima squadra nella storia della Dinamo Zagabria (16 anni, 3 mesi e 6 giorni, ndr). Punta centrale, Brodic arriva a titolo temporaneo dal Club Bruges, squadra in cui quest’anno ha totalizzato tre presenze in campionato e due in Coppa del Belgio, con una rete messa a segno e due assist. Durante la sua esperienza belga, il centravanti ha giocato anche con le maglie di Royal Anversa e il KSV Roeselare: sarà lui a completare il parco di prime punte degli etnei, con Curiale e Ripa che ovviamente partono avanti nelle gerarchie.

Sorprese, invece, per quanto riguarda i movimenti in uscita: Djordjevic e Semenzato, infatti, avevano già la valigia pronta per disputare altrove la seconda parte del campionato. Resteranno invece entrambi alle falde dell’Etna, anche se il loro destino nei prossimi mesi sarà diverso. Daniel Semenzato, infatti, era arrivato a Catania la scorsa estate con grandi attese, sulla scorta delle positive stagioni a Pordenone e Bassano: l’ambientamento non è stato dei migliori e, per questo, sembrava ormai in dirittura d’arrivo la trattativa che lo stava per legare al Venezia, in Serie B. Tutto saltato nelle ultime ore di mercato: il terzino destro rimarrà a Torre del Grifo e, dato l’infortunio di Caccavallo (lesione all’addome, un mese di stop per lui), il suo rientro nei ranghi sarà molto importante per Lucarelli. A Djordjevic, invece, toccherà la stessa sorte di Calil e Da Silva a fine agosto: il serbo ha rifiutato tutte le destinazioni proposte e, per questo, sarà messo fuori rosa dato che la lista dei giocatori Over è già piena.

Lasciano Catania anche Cristian Caccetta e Caetano Calil. Il primo è stato ceduto a titolo temporaneo al Pordenone, dopo una prima parte di stagione comunque positiva: 20 presenze in campionato con la maglia del Catania (e la rete decisiva segnata al Catanzaro), più due apparizioni in Coppa Italia per il centrocampista ex Cosenza e Trapani. Si chiude anche la telenovela Calil: l’attaccante era stato messo fuori rosa questa estate, dopo aver rifiutato tutte le destinazioni paventategli. Ieri è arrivata la notizia della risoluzione consensuale del contratto: il calciatore brasiliano lascia la Sicilia dopo 44 presenze e 12 gol in Serie C. Vestirà infine la casacca dell’Alessandria il croato Dragan Lovric, classe 1996 e di proprietà del Catania dal gennaio 2014: il difensore centrale, tre presenze quest’anno in rossazzurro, andrà in Piemonte con la formula del prestito con diritto di riscatto.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]