Catania ko, tutta la delusione di mister Lucarelli «Mi preoccupa la difficoltà a farcela in trasferta»

Nel post partita di Casertana-Catania l’allenatore rossazzurro Cristiano Lucarelli ha analizzato con durezza e franchezza i perché della sconfitta, spaziando dalla mancanza di carattere ai cambiamenti avvenuti durante l’ultimo giorno di mercato. Il tutto con un denominatore comune: quello di non cercare alibi, mettendoci la faccia e provando a giustificare determinate scelte tecniche. L’1-0 firmato da De Rose sancisce un preoccupante passo indietro dal punto di vista del gioco e dell’intensità, certificato dalle parole del tecnico livornese: «La Casertana aveva il sangue agli occhi e noi no, giusto che abbiano vinto loro. Non ho visto nulla di quello che proviamo in allenamento da due mesi a questa parte. Gli errori di posizionamento di Ciccio Lodi – evidenzia Lucarelli in conferenza stampa – sono un esempio: Lodi veniva a prendere palla dai difensori centrali e noi, così facendo, abbiamo perso un uomo in mezzo al campo e la nostra manovra è diventata prevedibile. A mio parere i nostri difensori centrali sono in grado di portare palla: questo avrebbe permesso a Lodi di posizionarsi alle spalle del loro attaccante, avendo così più libertà in fase di costruzione».

L’aspetto caratteriale, ovviamente, va di pari passo con quello tattico: «A me non interessa avere una squadra di leoni in casa e di gatti fradici in trasferta. Io voglio un gruppo che avvia una sola identità – ribadisce Lucarelli – non mi interessa se giochiamo a Caserta, a Fondi o al Bernabeu. La squadra deve avere un solo modo di interpretare le partite: la partita di oggi (ieri, ndr) mi è sembrata un film che voi avete visto tante volte negli anni precedenti. Possiamo essere tecnicamente superiori, ma se non abbiamo rabbia e fame si fa fatica».

Il discorso, ovviamente, cade anche sul mercato e la precaria condizione fisica di alcuni calciatori. L’esclusione dalla lista Over di Da Silva sembra aver danneggiato i piani tattici di mister Lucarelli, che si trova privato di una pedina importante nella zona mediana, forse unica per caratteristiche nella rosa etnea. «Ci siamo preparati in un determinato modo, avendo a disposizione dei centrocampisti con determinate caratteristiche di ritmo, inserimento ed aggressione degli spazi. Con gli ultimi giorni di mercato qualcosa è cambiato – precisa Lucarelli – quindi dobbiamo lavorare cercando di valorizzare le caratteristiche dei nuovi arrivati». Il riferimento indiretto è a Gladestony Da Silva, titolare nel debutto in campionato contro il Fondi e adesso finito ai margini della rosa. «Giuseppe Fornito (ultimo arrivato a centrocampo, ndr) aveva fatto un solo allenamento con noi, l’ho comunque inserito perché era l’unica mezzala rimasta con determinate caratteristiche: col cambio di modulo – specifica Lucarelli – mi è sembrato giusto farlo giocare, perché senza i quinti di centrocampo avevamo perso ampiezza».

La delusione per la sconfitta è ovviamente forte, ma il mister toscano è comunque fiducioso del fatto che determinati errori non si ripetano più: “non mi spaventa la classifica, quanto la difficoltà con cui ci esprimiamo in trasferta. Ci sono rimasto male: pensavo che sul piano del gioco avessimo capito cosa chiedo e quel tipo di sacrificio che pretendo. In questa categoria se non corri e pedali è dura e fai fatica: prendiamo comunque questa sconfitta come un incidente di percorso, sperando che non si ripeta più in futuro». Ultima chiosa di Lucarelli sugli attaccanti: «Avevo detto che avremmo fatto fatica per cinque o sei partite. Curiale non è in forma, ha saltato molti allenamenti a causa del mal di schiena: al momento può giocare un’ora. Ripa l’ho rischiato nel finale, anche contro il parere dei medici: in quel momento, però, ho provato a vincere la partita».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]