Catania, il presidente Davide Franco è dimissionario In bilico anche Di Natale? Il 18 marzo giorno decisivo

Una nuova valanga rischia di travolgere il Calcio Catania. Le possibili dimissioni del presidente del club Davide Franco, anticipate lo scorso lunedì dalla testata giornalistica Unica Sport, potrebbero infatti innescare un effetto domino che andrebbe a smantellare l’intera dirigenza. Tutto sarà deciso nel Consiglio d’amministrazione di mercoledì 18 marzo. Nel caso in cui la proprietà del club accettasse la posizione assunta dal massimo dirigente rossazzurro, infatti, tutte le cariche sarebbero azzerate: non è da escludere, in tal senso, che il patron Antonino Pulvirenti possa dunque rivoluzionare il CdA, estromettendo l’attuale amministratore delegato Giuseppe Di Natale. Anche il vice-presidente Giuseppe Gitto  potrebbe abbandonare via Magenta. «Il momento è delicato», dice Di Natale a MeridioNews prima di chiudersi in un no comment.

Si tratterebbe di una mossa a sorpresa: il successore di Pietro Lo Monaco, infatti, ha svolto un’importante opera in coppia con mister Cristiano Lucarelli nel rasserenare l’ambiente, costituendo una guida sicura. Le difficoltà non sono mancate e lo stesso Di Natale lo ha sempre dichiarato. La sua estrema chiarezza, unita a un approccio assai professionale, ha senza dubbio contribuito all’impennata nelle prestazioni di capitan Marco Biagianti e compagni. Lo stop al campionato, nell’ambito delle misure atte a contrastare la pandemia da Covid-19, ci ha lasciato in dote un Catania reduce da sei risultati utili consecutivi: quattro vittorie, due pareggi e un quinto posto a portata di mano.

Nonostante questi dati incontrovertibili, però, Pulvirenti potrebbe decidere di cambiare comunque. Il nome considerato in pole position per sostituire Di Natale è quello del commercialista Gianluca Astorina. È evidente come il passaggio del 18 marzo costituirà in ogni caso un bivio fondamentale per il destino della società rossazzurra nel breve e medio periodo. Col nuovo amministratore delegato in plancia di comando, infatti, l’intera struttura pare aver raggiunto un equilibrio importante: elemento potenzialmente decisivo anche nel caso di eventuali trattative per il cambio di proprietà. Se ci sarà un cambiamento radicale, invece, l’effetto domino potrebbe avere proporzioni inattese.

Non è infatti da escludere che l’addio di Giuseppe Di Natale possa anche portare l’allenatore Cristiano Lucarelli a compiere un passo simile, con clamorose e ovvie ricadute anche sulla stabilità del gruppo di giocatori ai suoi ordini. Al momento, però, lo spettro di possibilità è molto ampio. Il verbale del consiglio d’amministrazione è infatti ancora aperto, e le dimissioni di Franco sono sul tavolo: tutto può succedere, anche scenari che al momento appaiono improbabili. La speranza è che, in ogni caso, il bene e la sopravvivenza stessa della società vengano considerati come elementi primari al momento di prendere le decisioni definitive. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]