Catania, volano gli stracci in vista del congresso di Italia viva: «Competizione falsata e a Mineo boom di iscritti»

Un congresso su cui si addensa l’ombra di una competizione con un risultato già scritto. Il timore che il partito finisca in mano a infiltrati e volti sconosciuti. Ma anche la possibilità che della vicenda venga investita la procura di Catania. Sotto i riflettori c’è la gestione, a Catania e provincia, di Italia viva, il partito dell’ex premier Matteo Renzi. Domenica gli iscritti saranno chiamati alle urne per l’elezione del presidente e di tutte le articolazioni territoriali ma alle pendici dell’Etna il clima è tutt’altro che sereno. A metà settembre si sono dimessi il vice coordinatore Carmelo Finocchiaro e con lui tre componenti del coordinamento provinciale etneo. «Non ci sono stati forniti nemmeno i moduli per il tesseramento cartaceo – spiega Finocchiaro a MeridioNews – Ci è stato risposto che, se volevamo utilizzare i modelli, dovevamo accompagnare gli aspiranti iscritti presso gli uffici del coordinatore provinciale Salvo Nicosia. Per questo abbiamo deciso di non partecipare a una competizione falsata dall’inizio».

Nella battaglia per il tesseramento – i cui numeri sono decisivi in sede congressuale – spicca il dato di Mineo. Il piccolo centro del Calatino si è trasformato in una roccaforte del partito. Qui è consigliera comunale d’opposizione e co-coordinatrice provinciale, a caccia della riconferma dopo la designazione a febbraio scorso, Giusy Infantino. La sua nomina ha fatto storcere più di un naso. Colpa anche di un precedente incarico – risalente a dicembre 2022, appena due mesi prima della nomina in Italia viva – nel direttivo della sezione comunale del Movimento per le autonomie, partito dell’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo. «Se dobbiamo parlare di partiti, bisogna dire anche che Finocchiaro era con Azione di Carlo Calenda (fino all’estate 2022, un passaggio tra liste alleate alle Regionali, ndr), di cui è stato coordinatore cittadino – replica Infantino a MeridioNews – Io dieci anni fa ero tesserata con il Partito democratico, ma questo nulla aggiunge alla questione e a questo genere di accuse». La coordinatrice provinciale replica anche sulla gestione del tesseramento: «Abbiamo seguito un iter scrupoloso e lo stesso prevedeva che i moduli venissero mandati ai vari coordinatori – spiega -. C’erano delle sedi fisiche dove potersi tesserare, ma anche dei banchetti e la possibilità di fare tutto online. Inoltre non abbiamo avuto nessuna richiesta di tesseramento da parte del gruppo Finocchiaro».

Tra le accuse che vengono rivolte a Infantino c’è anche quella relativa alla sua vicinanza a Paolo Ragusa. Volto simbolo delle cooperative calatine, candidato a sindaco perdente alle ultime amministrative a Mineo (appoggiato da Italia viva) e a processo – prossima udienza il 7 novembre – per la vicenda del Centro d’accoglienza per richiedenti asilo di Mineo. Infantino, che nella vita è presidente di una cooperativa con sede a Caltagirone, parla di «gravi illazioni su quella che è un’amicizia. Non capisco il motivo di certi collegamenti e sono pronta a rivolgermi a un legale per tutelarmi». Ultimo passaggio della controversia è poi quello relativo alle verifiche sui tesseramenti che Finocchiaro, attraverso il Comitato Crescita Catania, ha presentato agli organi nazionali di Italia viva: «Abbiamo chiesto anche una verifica dei flussi finanziari per capire se ci siano stati dei tesseramenti a blocchi unici, ma il nostro ricorso è stato respinto, adesso valutiamo anche la possibilità di fare un esposto in procura». «Al nazionale – replica Infantino – abbiamo inviato tutta la documentazione richiesta e l’esito delle verifica ha dato ragione circa il corretto operato». Adesso l’ultima parola spetterà agli iscritti che domenica, nel Catanese, potranno votare in tre seggi: a Catania, allo stesso civico della società di cui è referente il coordinatore Nicosia; a Mineo, con lo stesso indirizzo della sede politica di Paolo Ragusa; e a Caltagirone presso un circolo ricreativo di piazza Borsellino.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un congresso su cui si addensa l’ombra di una competizione con un risultato già scritto. Il timore che il partito finisca in mano a infiltrati e volti sconosciuti. Ma anche la possibilità che della vicenda venga investita la procura di Catania. Sotto i riflettori c’è la gestione, a Catania e provincia, di Italia viva, il […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]