Cassa integrazione, assessore apre un’indagine interna Dai consulenti del lavoro dubbi sull’ordine cronologico

Non solo ritardi inaccettabili per chi non ha stipendio da due mesi. Nella storia della cassa integrazione in deroga per le imprese siciliane le perplessità si concentrano anche sul tema dell’ordine cronologico. A sollevare il quesito sono ancora una volta i consulenti del lavoro. Gli stessi che, per conto dei loro clienti, hanno aspettato la mezzanotte del 7 aprile, primo giorno disponibile per caricare le pratiche sul sito della Regione. La velocità in questo caso è requisito fondamentale, perché chi arriva prima ha maggiori garanzie di ottenere i pagamenti. Al momento, infatti, i fondi a disposizione sono 220 milioni e non bastano a coprire tutte le 39mila domande presentate. «Le stime dicono che ogni pratica vale 8.200 euro», spiega l’assessore regionale al Lavoro Antonio Scavone. Con queste cifre i soldi disponibili riusciranno a coprire circa 26mila domande. Ma le imprese interessate in Sicilia sono quasi 14mila in più. «Confido che da Roma arrivi una terza tranche di fondi per pagare tutti – aggiunge l’assessore – Il sistema creato a livello nazionale prevede un’integrazione, alla luce delle richieste. In ogni caso è importante il vincolo dell’ordine cronologico». 

È proprio questo il punto che tiene in allarme i consulenti. Scorrendo sull’apposito sito della Regione l’elenco delle pratiche già istruite, nascono le domande. «Com’è possibile che, ad esempio, il 23 aprile il centro per l’impiego di Messina dia via libera alla pratica numero 664 e tre giorni dopo quello di Catania istruisca la numero 473?», fa notare un consulente del lavoro catanese. Emblematico il caso della domanda numero 36.667 presentata da un’impresa di Agrigento il 17 aprile, cioè dieci giorni dopo il click day, ma già esitata dal Cpi, mentre molte altre migliaia precedenti sono ancora ferme. «Che criterio cronologico è mai questo?», si chiede il consulente sospettando trattamenti di favore. Le spiegazioni tecniche a queste anomalie ci sarebbero: capita, e sarebbe il caso dell’impresa agrigentina, che la stessa azienda presenti più volte la stessa domanda. A volte per errore. Più spesso per integrarla. In questo caso, per l’ordine cronologico vale comunque la data della prima istanza. Capita anche che un centro per l’impiego, a cui vengono assegnati pacchetti di pratiche (ad esempio dalla 1 alla 100 e così via), sia più rapido di un altro. Ma in un sistema lento e farraginoso i dubbi sono destinati ad amplificarsi e a diventare sospetti. 

La Sicilia resta indietro rispetto alla gran parte delle altre Regioni nell’invio delle pratiche all’Inps, che deve poi effettuare i pagamenti. Stando ai dati diffusi dall’ente di previdenza, fino a lunedì sera i lavoratori siciliani liquidati sono appena 51 divisi in 21 imprese (nelle Marche e nel Lazio, gli esempi migliori, i beneficiari pagati sono oltre quattromila). E 524 le domande trasmesse dalla Regione siciliana all’Inps che ne ha autorizzate 507. Eppure per l’assessore Scavone i dati sono diversi. «L’Inps è in ritardo con la lettura – dice a MeridioNews – fino a ieri sera abbiamo pubblicato 1.417 decreti». Comunque lontani dalle «2mila, 2.500 domande al giorno» annunciate dallo stesso Scavone la settimana scorsa. «Sono sicuro che la macchina regionale ha funzionato, ma ho comunque avviato un’indagine amministrativa interna – annuncia l’assessore – e ho chiesto alla dirigente generale una relazione».

C’è, infine, un altro dato che preoccupa: oltre 400 pratiche sono state al momento respinte. Circa un quarto del totale di quelle trattate. Non si tratterebbe, però, di respingimenti definitivi, perché spesso il problema non sta nel merito (nelle cifre richieste o nel numero dei lavoratori) ma in piccoli dettagli che nei centri per l’impiego si sta cercando di superare. «Il problema – lamenta Giovanni Greco, presidente dell’ordine dei consulenti del lavoro di Catania – è che non ci viene notificato l’esito. Non sappiamo se una pratica è stata accolta o meno. E un procedimento amministrativo senza notifica è viziato». Tradotto: rischio ricorsi. Ad appesantire una macchina già elefantiaca. E che, a breve, dovrà fare i conti anche con le domande di proroga della Cig in deroga. Perché, anche se la gran parte dei lavoratori siciliani non ha ancora visto un euro, le nove settimane di copertura finiranno nei prossimi giorni. E il governo nazionale si appresta a pubblicare il decreto per chiedere l’allungamento. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]