Caso Scieri, legali di un imputato «rimasti fermi al 1999» Parti civili hanno ripercorso le fasi della notte in caserma

«Con la loro tesi difensiva, gli avvocati di Andrea Antico sono rimasti fermi a oltre 20 anni fa». Nell’udienza di oggi del processo con rito abbreviato per l’omicidio volontario aggravato dai futili e abietti motivi di Emanuele Scieri  il parà siracusano ucciso il 13 agosto del 1999 all’interno della caserma Gamerra di Pisa – hanno discusso Fiorenzo e Alberto Alessi, padre e figlio che difendono l’ex caporale. Per lui, la scorsa settimana, la procura ha chiesto una condanna a 18 anni di reclusione. Per gli altri due ex caporali imputati per lo stesso reato, Alessandro Panella e Luigi Zabara, per cui si procede con il rito ordinario, la procura ha già chiesto il rinvio a giudizio

Ancora in servizio nell’esercito e in carica come consigliere comunale a Monte Colombo-Montescudo (in provincia di Rimini, in Emilia Romagna), Antico anche oggi non era presente in aula. «La tesi difensiva è che lui non era in caserma – spiegano a MeridioNews gli avvocati di parte civile Ivan Albo e Alessandra Furnari – Nella loro discussione di oggi hanno sollevato dubbi sulla ricostruzione fatta dalla procura ipotizzando anche che l’aggressione non sia mai avvenuta. In conclusione, per loro avevano ragione le archiviazioni del 1999», affermano i due legali che oggi hanno discusso in aula. «Ho contestato la loro perizia medico-legale di parte – sottolinea l’avvocata Furnari – in cui si sostiene che non c’è prova della presenza di terzi e che le ferite sul cadavere di Lele sono riconducibili alla caduta». Anche quella sul dorso del piede, quelle sulle nocche delle mani e al polpaccio, compresi i frammenti di ghiaia trovati all’interno dei jeans che indossava Scieri. 

In un paio d’ore, l’avvocato Albo ha ripercorso la cronologia di quella sera dalle 22.15 all’1 di notte. Cioè dal momento in cui Stefano Viberti (l’ultimo ad avere visto il parà in vita) lascia Scieri lungo il viale della caserma, dove avevano fumato insieme una sigaretta, fino a quando «l’ex caporale Meucci ha visto nella camerata i tre imputati nervosi che sudavano freddo», dice il legale riferendosi alle dichiarazioni rese dal teste. «Lo spostamento in avanti delle lancette dell’orologio non può essere una linea difensiva – afferma il legale – Dopo l’aggressione, durata venti minuti o mezz’ora al massimo, c’è stata la fase dell’occultamento del cadavere con cui – aggiunge – sarebbe compatibile anche l’orario della chiamata a Enrico Celentano». 

L’ex comandante della Folgore che, insieme all’allora aiutante maggiore Salvatore Romondia, è accusato di favoreggiamento e per cui la procura ha chiesto quattro anni di carcere e la valutazione dell’ipotesi che si tratti di depistaggio. Come ha già detto il procuratore capo di Pisa Alessandro Crimi, «il livello di conoscenza dell’episodio fu abbastanza immediato da parte della struttura di comando». Conosciuto per essere l’autore dello Zibaldone – una sorta di manuale con un elenco di atti di nonnismo a cui sottoporre le reclute – Celentano viene intercettato nel 2018 mentre al telefono dice al fratello una frase che dà l’idea del suo modo di intendere la gerarchia militare: «Il corpo è la bottiglia e il comandante è il tappo. Tutto quello che succede sotto a me non riguarda».

Leggi il dossier di MeridioNews sul caso di Lele Scieri.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]