Caso Scieri, commissione chiede di riaprire indagini «Individuati nuovi elementi e responsabilità penali» 

Dopo 17 anni, arriva a una svolta il caso di Emanuele Scieri. La commissione d’inchiesta parlamentare sulla morte del paracadutista siracusano ritrovato senza vita nella caserma Gamerra di Pisa il 16 agosto del 1999, ha depositato alla procura di Pisa la richiesta di riapertura delle indaginiIstituita il 4 novembre del 2015, la commissione ha indagato «senza pregiudizi», come precisa la presidente Sofia Amoddio durante la conferenza stampa che si è tenuta a partire dalle 13 di oggi nella sala stampa della Camera dei Deputati

«La commissione – ha dichiarato Amoddio – ha acquisito nuovi elementi non rivelati in passato. Siamo convinti che Scieri sia morto dopo un periodo di agonia e che poteva essere salvato se fosse stato soccorso. Nel procedimento penale di allora, il dottor Iannelli scrisse che era certo che Lele fosse precipitato dalla scala della torre di prosciugamento, sul dorso del piede sinistro furono rilevate tre aperture cutanee a stampo non ricollegabili alla caduta e la logica deduzione era che fu indotto a salire su quella scala – ricorda – da soggetti che ne provocarono la caduta». 

Il procedimento di allora venne archiviato perché rimasero ignoti gli autori del reato e il procuratore di Pisa dichiarò: «Mi arrendo. Del resto ci sono delitti perfetti che nessuno scopre». Il Gip archiviò il caso dicendo che erano emersi elementi per affermare che la morte di Emanuele Scieri potesse essere ricondotta alla responsabilità di soggetti rimasti però non identificabili, e che quindi si potesse trattare di omicidio colposo o preterintenzionale.

«All’interno della caserma – ha aggiunto Amoddio, riportando i contenuti di alcune delle audizioni pubbliche – avvenivano all’ordine del giorno gravi atti di violenza e nonnismo non riconducibili a semplice goliardia e che venivano tollerati e coperti, i controlli erano blandi e la zona in cui è stato poi ritrovato il corpo di Scieri non era isolata, ma usata come luogo di svago dai commilitoni anche più adulti e graduati. È questo il contesto in cui maturano le condizioni che portano alla morte di Emanuele Scieri».

Nei quasi due anni di attività, la commissione d’inchiesta ha audito circa 70 fra commilitoni, capi e altri membri folgore. Nonostante i troppi «non ricordo» e «qualcosa che ci è sembrata omertà – ha detto l’onorevole siracusana Stefania Prestigiacomo – da alcuni elementi puntuali e concreti e dagli incroci di varie dichiarazioni, abbiamo riscontrano delle falle da cui devono essere individuate delle responsabilità penali personali e siamo arrivati alla determinazione che ci sono i presupposti per chiedere la riapertura delle indagini».

Durante la conferenza stampa, in particolare, sono state ricordate le audizioni del supertestimone Stefano Viberti che è l’ultima persona ad aver visto Emanuele e quella dell’ex comandante della Folgore, il generale Enrico Celentano. Quest’ultimo, la notte prima del ritrovamento del corpo senza vita di Scieri si recò in caserma per quella che pure il colonnello Fantini – anche lui audito dalla commissione – ha definito una «ispezione anomala alla quale sono stato invitato a partecipare forse per poter fornire un alibi, anche perché Celentano non aveva mai effettuato una cosa simile in tutta la sua carriera». 

Racconti, omissioni e reticenze che hanno fatto emergere elementi di responsabilità nei membri della commissione d’inchiesta e che adesso saranno sottoposti al vaglio della procura della repubblica di Pisa. «La riapertura delle indagini rappresenterebbe, in ogni caso, una vittoria – commenta a MeridioNews, Carlo Garozzo amico del militare e membro del comitato Verità e giustizia per Lele – per chi lotta da 17 anni e non vuole arrendersi. È chiaro che ci sono delle chiare responsabilità da parte dei vertici della caserma che non hanno fatto nulla, e ne avevano il potere, per cercare di fare luce su quello che è e resterà un omicidio avvenuto all’interno di un presidio dello Stato. Sarà difficile avere i nomi degli assassini – conclude Garozzo – ma ulteriori indagini potrebbero ridare dignità a Emanuele, a un ragazzo che stava facendo il proprio dovere».

Leggi il dossier sul caso Scieri


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]