Caso Mered, sentita la Guardia costiera «Il trafficante era a Dubai l’estate scorsa»

«La fonte della polizia olandese ha riferito che fino all’estate scorsa Medhanie si trovava a Dubai». A pronunciare questa frase di fronte alla seconda Corte d’Assise, riunita nell’aula bunker dell’Ucciardone, è il sergente Samuel Sasso del nucleo speciale di intervento della capitaneria di porto, chiamato a testimoniare nel processo contro il presunto trafficante di uomini Medhanie Yehdego Mered. In carcere, da oltre un anno, c’è un detenuto che dichiara sin dal suo arresto avvenuto a maggio dell’anno scorso di essere un semplice rifugiato in attesa di imbarcarsi e di chiamarsi Medhanie Tesfamariam Behre. «Dalla Dda di Roma abbiamo ricevuto la richiesta di impegno integrativo, in supporto al contrasto della criminalità organizzata dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina», spiega il sergente. Lavorano sulle intercettazioni e riferisce che glil interlocutori prediligono come lingua il tigrino, ma in alcune conversazioni parlano anche l’arabo. Lingua che l’uomo detenuto al Pagliarelli ha sempre dichiarato di non conoscere.

Sono due, poi, le donne più importanti nella vita del trafficante Mered: la prima è la ex compagna Semhar, con la quale condivide la figlia Milena; la seconda, invece, è l’attuale moglie Lidya Tesfu, anche con lei concepisce un bambino, Raeiy. Attraverso il profilo Facebook di quest’ultima, i militari ricostruiscono la rete di parenti del trafficante. Ci sono tutti, non manca nessuno all’appello, dal fratello Merhawi alla sorella Mhret. Mentre non risulta nessun contatto col profilo denominato Medhanie Meda, riconducibile all’uomo attualmente detenuto. E il sergente parla anche di Seifu Haile, attualmente detenuto a Roma, la cui testimonianza davanti ai giudici romani potrebbe entrare presto nel dibattimento palermitano: «Lui era quello che aveva il compito di redigere le famigerate liste: c’era un complice anche a Roma che manteneva i contatti coi trafficanti in Libia e con i famigliari dei migranti in Italia e in Europa – spiega -. Abbiamo intercettato oltre 40mila comunicazioni, il parente di turno veniva istruito su come mandare il pagamento e in genere a curare questi contatto erano gli intermediari, non il trafficante in prima persona».

Il sergente spiega anche come lo stesso telefono veniva usato da più trafficanti contemporaneamente. «Abbiamo acquisito una serie di elementi che ci hanno dimostrato che spesso Seifu Haile e Medhanie fossero direttamente insieme, durante le telefonate spesso il primo diceva “Attendi un attimo” e poi passava il telefono a Medhanie». Ed è dall’ascolto delle telefonate che risalgono anche al patronimico del trafficante, quando sentono «wedi Yehdego», cioè il figlio di Yehdego. Dall’analisi di Facebook notano anche alcuni movimenti nei due profili attribuiti a Mered, meda.yehdego uno e due: mentre già al Pagliarelli c’è un uomo in stato di detenzione che affronta un processo in Italia, in uno dei due profili viene cambiata l’immagine di copertina con la foto di un bar di Dubai, e condiviso anche un post identico in entrambi gli account.

Prima del sergente Sasso, a sedere sul banco dei testimoni è Massimo Maiolo della Guardia costiera di Roma, coinvolto nella stessa indagine dall’ottobre 2016 e che incontra anche l’uomo detenuto: «Ci disse di non chiamarsi Medhanie Yehdego Mered ma Medhanie Tesfamariam Behre, di essere di Asmara, di non avere né figli né moglie, e di avere una sorella che viveva in Norvegia». Anche lui riceve un incarico speciale di supporto alle indagini dalla Procura della capitale, tesa all’epoca a individuare la cosiddetta cellula romana dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Nell’aula bunker dell’Ucciardone sono stati ascoltati questa mattina Maiolo e Sasso: entrambi hanno preso parte alle indagini su incarico della Dda di Roma, col ruolo di supporto al contrasto dell’immigrazione clandestina. «Profili Facebook riconducibili al trafficante aggiornati mentre lui era già in carcere»

Nell’aula bunker dell’Ucciardone sono stati ascoltati questa mattina Maiolo e Sasso: entrambi hanno preso parte alle indagini su incarico della Dda di Roma, col ruolo di supporto al contrasto dell’immigrazione clandestina. «Profili Facebook riconducibili al trafficante aggiornati mentre lui era già in carcere»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]