«Caro Martone, sfigato sarà lei Laurearsi a 30 anni è un atto di coraggio»

Mi chiamo Alessandra Litrico, ho 26 anni e sono una studentessa iscritta all’ultimo anno in giurisprudenza, ormai prossima alla laurea. Ho scelto di iscrivermi all’università all’età di 20 anni, dopo aver riflettuto un attimo sul mio futuro: volevo che fosse una mia decisione, ponderata, razionale. Questo non depone a mio favore, immagino, ma ho l’abitudine di attribuire un certo peso alle scelte che riguardano la mia vita.

Ammetto di non aver gradito le parole del Viceministro Michel Martone , il quale – occorre dirlo – si è scusato poco dopo per la mancanza di «sobrietà». Orbene, chiedo scusa io adesso, ma non credo che il reale problema sia stato quello. Ho letto il suo curriculum, di tutto rispetto, ma sono totalmente d’accordo con le parole del mio ex collega Agatino Lanzafame, quando fa le sue riflessioni circa il pulpito da cui proviene la predica.

L’ indiscusso talento ha giocato a favore di questo titolato signore, come parimenti il fatto di essere figlio del giudice Antonio Martone. Quando si dicono certe cose, quando si spara a zero, bisognerebbe anche ricordare che noi giovani, sfigati, brillanti, bamboccioni e quant’altro, siamo tutti più o meno in grado di fare una elementare ricerca su Google.
E se la memoria fa brutti scherzi, nonostante la giovane età del Signor Martone, si rischiano magre figure. Un’affermazione cosi generica, volta a sentenziare, non può che scontrarsi con le idee ed i principi di studenti come me.

Beninteso, non ho ancora 28 anni, ma poco importa, sarei provata in qualunque caso, perchè credo fortemente che l’età non c’entri assolutamente nulla. Essa non può essere il parametro per valutare il percorso umano di una persona, né per valutarne la competenza, il talento, la voglia di fare ed i sacrifici per conseguire una laurea.
E non può essere un parametro, perchè non tutti hanno le stesse possibilità, non tutti vivono le stesse situazioni e la carenza di meritocrazia, nel nostro paese, non è un dettaglio irrilevante .

La mia opinione è che, anche se stenterei comunque a definirlo tale, lo sfigato sia quel genere di persona che conclude brillantemente gli studi a 24 anni, tramite raccomandazioni. Ci penserei due volte, pertanto, prima di pronunciare una frase che palesa un certo distacco dalla realtà.

Se fossero più vicini alle concrete esigenze del paese e dei giovani, nella fattispecie, non si sognerebbero di fare affermazioni simili, perchè sarebbero a conoscenza delle difficoltà che abbiamo giornalmente nel seguire le lezioni universitarie, della carenza di aule, del fatto che non tutti possono permettersi di pagare le tasse e che, anzi, la maggior parte degli studenti lavora per mantenersi gli studi. Ciò, tra l’altro, induce inevitabilmente ad uno studio individuale, lontano dalla facoltà, dal supporto dei docenti, tra il lavoro e le faccende quotidiane, per aiutare la famiglia .

Questa è la realtà, questo è ciò che viviamo. Sono pronta a dire con fermezza, in mezzo a tutto ciò, che ambire alla laurea (anche a 30 anni) non sia da sfigati, ma addirittura un atto di coraggio.

 

[Foto di Rahego]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una lettrice di 26 anni, Alessandra, ha raccolto il nostro appello e ci ha raccontato la sua storia di studentessa a un passo dalla laurea. L'età «non può essere il parametro per valutare il percorso umano di una persona, né per valutarne la competenza, il talento, la voglia di fare ed i sacrifici per conseguire una laurea»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]