Catania, in un anno diecimila nuovi poveri. Caritas: «La disoccupazione è il problema più grave»

«Mi chiedo quanto le nuove amministrazioni potranno progettare per mettere in atto politiche per sconfiggere le povertà del nostro territorio, che hanno varie sfaccettature». Alla vigilia del voto a Catania, è l’arcivescovo Luigi Renna a porre questa domanda nel corso della presentazione del report Un cuore che vede dove c’è bisogno di amore dell’osservatorio delle povertà e delle risorse della Caritas. Un documento che fotografa la panoramica degli interventi di supporto alle persone vulnerabili: nel 2022 sono stati 343.333, in crescita di 10mila unità rispetto all’anno precedente. L’utente medio è uomo, italiano, di età compresa tra i 34 i 54 anni e con problemi abitativi. La disoccupazione è la problematica più rilevante, tra le richieste spiccano alimenti, pagamento di utenze e farmaci. «Ci troviamo di fronte ad una realtà composita e sofferente – analizza Carmela Impeduglia, referente dell’osservatorio delle povertà e delle risorse – con un’ampia presenza di famiglie multiproblematiche, caratterizzate da povertà economiche, occupazionali, culturali, educative e relazionali, a cui non ha senso dare risposte parziali, seppure qualificate, ma necessitano interventi integrati nell’ottica della sussidiarietà, all’interno di una comunità solidale e generativa».

Nel corso del 2022, gli interventi dei servizi della Caritas di Catania sono cresciuti per rispondere in maniera adeguata alle molteplici richieste arrivate dal territorio. Il numero più alto riguarda le persone che quotidianamente frequentano l’help center della stazione centrale per colazione, cena, vestiario, prodotti per l’infanzia, per usufruire dei servizi igienici e di una doccia calda. Ogni giorno, festivi inclusi, gli oltre
300 volontari suddivisi in gruppi coprono sette turni settimanali per preparare e distribuire pasti caldi e altri beni di prima necessità per circa 700 interventi alimentari, pari a 267.434 all’anno. Per i più fragili, anche forme di supporto più complesse come le accoglienze per donne vittime di violenza con minori, le consulenze dedicate al disbrigo della burocrazia, il sostegno economico per il pagamento delle utenze, attività di consulenza legale e psicologica e mediazione bancaria tramite il microcredito. E, in tal senso, sono cresciuti anche gli aiuti del centro di ascolto dell’help center, passati da 2.465 a 3.796: si tratta di cura e igiene della persona, supporti economici (pagamento delle utenze, acquisto di titoli di viaggio), distribuzione di vestiario e coperte, servizi tecnologici (ricarica dello smartphone, prenotazioni online, redazione di curriculum vitae, telefonate, gestione della posta elettronica o l’invio email), orientamento nelle strutture di accoglienza. «La Comunità ecclesiale, dinanzi alle molteplici povertà esistenziali – sottolinea il direttore don Piero Galvano – non può restare indifferente, ma si deve innanzitutto interrogare su cosa è possibile fare e, con l’aiuto della preghiera, deve impegnarsi a trovare risposte adeguate ai problemi del nostro tempo».

Un censimento che si estende anche alle Caritas vicariali e parrocchiali dell’arcidiocesi di Catania – 5.740 persone assistite nel 2022 – e al mondo delle associazioni – 1.676 persone aiutate nel 2022 – che operano in città e nei comuni limitrofi in diverse forme: dalla lotta alla dispersione scolastica alla consulenza per i permessi di soggiorno passando per la prima accoglienza e fino alle attività laboratoriali per minori e genitori in quartieri difficili. «Non è bello essere poveri – ha detto monsignor Renna – È sempre una sconfitta per tutti, è imbarazzante per chi vive questa condizione. Ma questo non toglie nulla alla dignità della persona, al suo modo di essere, alla sua cultura, alla sua fede. Su questi tre aspetti dovremmo fermarci ogni volta che offriamo un servizio a una persona bisognosa, per renderci conto che non siamo dei benefattori che danno tutto a chi non ha niente, ma persone che gli danno qualcosa e ricevono tanto. Questo mi auguro che sia l’esperienza di ogni cristiano e di ogni volontario».

Il profilo dell’utente medio: uomo e senza casa

Diverse centinaia di persone si presentano quotidianamente all’help center della stazione centrale per chiedere un aiuto di varia natura. Dai dati statistici registrati tramite il sistema OspoWeb di Caritas italiana emerge che mediamente si tratta di uomini (66 per cento), privi di abitazione, con domicilio di fortuna oppure ospitati da amici e parenti temporaneamente (30 per cento), nella fascia di età compresa tra 34 e 54 anni (65 per cento). La provenienza, invece, è pressoché identica: 50 per cento gli italiani e 50 per cento gli stranieri.

L’impegno delle parrocchie e delle associazioni

A fronte di 157 parrocchie presenti sul territorio dell’arcidiocesi di Catania, sono state 38 a rispondere al censimento operato dall’Osservatorio delle povertà e delle risorse. Uno spaccato importante dell’impegno dei tanti volontari delle Caritas parrocchiali che, nel corso del 2022, hanno aiutato 5.740 persone, principalmente italiani (87 per cento), che hanno chiesto soprattutto alimenti, farmaci e supporto per il pagamento delle utenze. La problematica maggiormente riscontrata è stata legata alla mancanza di lavoro. Il terzo settore è particolarmente attivo a Catania e lo testimoniano le tantissime iniziative messe in campo dalle associazioni che hanno supportato 1.676 persone (64 per cento italiani): sportello legale, iniziative contro la dispersione scolastica, orientamento al lavoro, corsi di alfabetizzazione, supporto ai detenuti, consulenza legale, supporto domiciliare, e molto altro.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Mi chiedo quanto le nuove amministrazioni potranno progettare per mettere in atto politiche per sconfiggere le povertà del nostro territorio, che hanno varie sfaccettature». Alla vigilia del voto a Catania, è l’arcivescovo Luigi Renna a porre questa domanda nel corso della presentazione del report Un cuore che vede dove c’è bisogno di amore dell’osservatorio delle […]

«Mi chiedo quanto le nuove amministrazioni potranno progettare per mettere in atto politiche per sconfiggere le povertà del nostro territorio, che hanno varie sfaccettature». Alla vigilia del voto a Catania, è l’arcivescovo Luigi Renna a porre questa domanda nel corso della presentazione del report Un cuore che vede dove c’è bisogno di amore dell’osservatorio delle […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]