Caos Sidra, in commissione Bilancio sentito Fatuzzo «Soldi a società sportive? Per non perdere utenti»

Il nodo della sponsorizzazione sportiva da 200mila euro e quello delle consulenze esterne. In mezzo il capitolo sugli incarichi agli avvocati per recuperare i crediti e le pesanti ombre gettate, senza giri di parole, sulla passata governance. Sul tavolo della commissione Bilancio del Comune di Catania oggi è finito il delicato caso Sidra, la società dell’acqua partecipata interamente da Palazzo degli elefanti. A rispondere alle domande dei consiglieri di maggioranza e opposizione il presidente Fabio Fatuzzo affiancato dal consigliere d’amministrazione Marco Navarria. Assente invece Dario Moscato, leader giovanile di Fratelli d’Italia e anche lui componente dell’organo direttivo come vicepresidente. 

Il coro d’indignazione di ieri, durante la conferenza stampa indetta dall’opposizione, si è riproposto oggi al primo piano di palazzo dei Chierici. A partire proprio dalle sponsorizzazioni riservate alle società sportive dilettantistiche, rese pubbliche da Sidra attraverso il proprio portale con un avviso, scaduto il 28 febbraio, in cui venivano indicati i criteri per partecipare. Nei giorni scorsi sull’opportunità di questa scelta, contestando pure i profili giuridici, aveva tuonato il consigliere comunale Graziano Bonaccorsi (M5s). «Ma qual è l’obiettivo?», chiede il presidente della commissione Santi Bosco. «Andiamo verso la gestione unitaria del servizio (solo aziende pubbliche e non privati, ndr) – replica Fatuzzo – La sponsorizzazione serve a prendere nuovi utenti e a evitare di perderne altri in favore dei privati. Gli stessi che poi dovranno essere indennizzati quando cambierà la gestione». 

Al momento, secondo quanto reso noto oggi, otto società sportive hanno avanzato richiesta di accesso alla sponsorizzazione. Di queste però due sono state già escluse per delle difformità nei requisiti. Il presidente non si sbottona e quando gli domandano di elencare i nomi rimanda alla pubblicazione sul sito internet. La discussione però è tutt’altro che serena. Sul punto il consigliere comunale di Italia Viva Giuseppe Gelsomino non lascia spazio a interpretazioni: «Noi chiediamo l’annullamento – spiega – se non verrà fatto bloccheremo i lavori in Consiglio comunale». Parole di fuoco commentate sottovoce da un cittadino presente ai lavori. In pochi secondi la commissione si trasforma in una arena. I toni si alzano e solo dopo i ripetuti inviti alla calma del presidente Bosco si ritorna alla calma. 

Una puntata a parte è quella che riguarda incarichi e consulenzeFilone a cui MeridioNews ha dedicato due approfondimenti. «Prima del nostro insediamento – spiega Fatuzzo –  i morosi non pagavano ed è per questo che abbiamo 25 milioni di euro di crediti da recuperare». La ricetta per riuscirci è semplice: «Avremo bisogno di 200 o 300 avvocati – continua – e ognuno di loro avrà dai 50 ai 70 incarichi». Ma con quale criterio vengono scelti i legali? Al momento il presidente rimanda all’elenco dei professionisti di fiducia e cioè una lista di 90 avvocati. Gli incarichi però, come documentato da MeridioNews, sono finiti in prevalenza a personaggi legati al centrodestra e, in modo particolare, a Fratelli d’Italia e al movimento politico Avanguardia. «Mi auguro che venga applicata una rotazione – spiega il consigliere comunale Sebastiano Anastasi – Ma se da ottobre questo non è avvenuto la situazione mi lascia perplesso».

Ma quanti sono i consulenti in Sidra nominati dalla gestione Fatuzzo? Chiede il consigliere comunale M5s Emanuele Nasca. Il presidente li conta sulle dita di una mano. C’è l’architetto, in quota Fratelli d’Italia, che si occuperà di organizzare meglio i locali per il personale e quattro avvocati: «Uno si occuperà di diritto del lavoro, poi c’è chi seguirà il responsabile unico dei procedimento, un avvocato civilista e un penalista per tutta la questione degli allacci abusivi». Nessun accenno, se non dopo i solleciti di qualche consigliere, a chi, per esempio, è stata incaricata di redigere il piano industriale dell’azienda: cinquemila euro con un termine di cinque mesi. 

Che il caso di Sidra non si esaurirà oggi è praticamente certo. Anche perché in mezzo potrebbe mettersi la procura. Fatuzzo spiega chiaramente di avere fatto almeno due esposti contro la passata gestione, quella del presidente Antonio Vitale, affiancato però dagli attuali consiglieri d’amministrazione Navarria e Moscato. «Lo scorso anno è stato dato un affido diretto per 200mila euro. L’amministrazione trasparente? In passato non tutto veniva pubblicato». Parole come macigni che, dopo uno sterile tentativo di giustificazione di Navarria, costringono il consigliere Anastasi, decisamente infuriato, a lasciare i lavori. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]