Cantieri in Sicilia, intervista all’assessore Marco Falcone «Nel 2021 opere per 3 miliardi. I contenziosi? Sono calati»

Infrastrutture. Un tema sempre caldo in Sicilia, specie dopo una domenica d’estate trascorsa in coda sulle autostrade dell’Isola dove fioccano i lavori in corso. E nello specifico della metropolitana etnea si è parlato ieri in un confronto a Belpasso, nel Catanese. Tra gli ospiti anche l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. Prima della tavola rotonda, la visita alla sede del gruppo Radiofonico RMB e alla nostra redazione ha permesso di rivolgere alcune domande: dagli appalti alla risalita del presidente della Regione Nello Musumeci nella classifica stilata dal Sole 24 ore

Fce e la metropolitana si confermano protagonisti nell’area etnea. A quanto ammontano gli investimenti?
«La tratta su cui puntiamo di più è quella Stesicoro-Aeroporto per un importo di 400 milioni di euro, soldi recuperati nel 2019 dai fondi comunitari. Abbiamo un finanziamento ulteriore di 115 milioni di euro per la tratta da Misterbianco a Belpasso e, con un impegno del governo nazionale, che si sta concretizzando, per completare la tratta da Belpasso fino a Paternò per circa 300 milioni di euro. Questi finanziamenti collocano la Sicilia come una delle più importanti stazioni appaltanti d’Italia. Nel 2021 aggiudicheremo opere per 3 miliardi di euro. Una mole importante per fare crescere il nostro territorio e redistribuire ricchezza». 

Una crescita misurabile quando le opere vengono effettivamente concluse. E su questo, purtroppo, la decennale vicenda della metro non è proprio d’esempio…
«Fortunatamente questo luogo comune, secondo cui da un lato si stanziano i soldi e dall’altro non si vedono le opere, lo abbiamo sfatato. Siamo riusciti a finanziare lavori importanti come il raddoppio ferroviario Catenanuova-Bicocca. O appunto la metro Stesicoro-Aeroporto i cui lavori inizieranno a fine 2021. Altri lavori, come il raddoppio ferroviario a Castelbuono, sono avviati e, tra 15 giorni, consegneremo ai cittadini i primi dieci chilometri della Rosolini-Ispica, autostrada che vale 300 milioni di euro. Potrei continuare con la stazione Fontanarossa e altre. Le fasi fondamentali sono tre: lo stanziamento dei soldi, l’attivazione della spesa e i lavori sul territorio».

Lavori spesso con troppe ombre. Quasi non passa settimana senza che sulla nostra testata venga raccontato un appalto dubbio, con principi di rotazione non rispettati e inviti non proprio a sorpresa. Che idea si è fatto del fenomeno e di come arginarlo?
«Per come la vedo io, dal 2018 a oggi è aumentato il numero delle gare d’appalto. Nei servizi di ingegneria e architettura si è passati da 280 nel 2019 a 555 nel 2020. Nelle gare d’appalto avevamo 111 milioni di gare aggiudicate con l’Urega contro i 300 dello scorso anno. E nel 2021 toccheremo quota 400 milioni. Una mole di soldi che può solleticare qualcuno, ma è anche vero che sono calati i contenziosi. Se qualcuno vuole sporcare le cose buone che facciamo, allora è giusto che la magistratura intervenga. Anche se non mi sembra che ci siano indagini estese e, nei casi di poca trasparenza, i vari dirigenti hanno fatto un passo indietro, hanno raccolto la responsabilità di chi ha un ruolo e deve rispettarlo. Di una cosa siamo convinti: il principio di legalità e trasparenza serve anche all’efficienza della pubblica amministrazione».

Magari affinché la Sicilia diventi bellissima ci vorrà ancora un po’, ma intanto è di oggi (ieri per chi legge, ndr) la notizia della risalita nei sondaggi del governatore Nello Musumeci. Un’inversione di tendenza rispetto al recente passato. Come se lo spiega?
«Oggi amministrare è molto difficile. Lo vediamo ogni giorno e può succedere che qualche amministratore locale non venga premiato, temporaneamente, dalla classifiche nazionali. Il governo regionale, dopo qualche difficoltà, sta entrando a sistema nel raccordo della pubblica amministrazione ma anche con le imprese e il mondo produttivo. Va detto, però, che molte cose devono ancora essere fatte; non possiamo essere presuntuosi e pensare di aver raggiunto tutti i risultati necessari. Se Il Sole 24 ore dice che Musumeci ha suscitato un interesse maggiore significa che abbiamo fatto qualcosa di buono. Io posso dire che, da settembre, noi contribuiremo con decine di cantieri, che si aggiungeranno ai 1600 interventi messi in campo finora».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]