Canoa-Kayak, nazionale prepara le Olimpiadi in Sicilia Azzurri si allenano sul fiume San Leonardo a Carlentini

Il rapporto tra Sicilia e canoa continua a essere proficuo: stavolta non solo per il numero di atleti che l’isola ha dato e continuerà a dare all’Italia, ma anche per il fatto che la Federazione ha deciso di preparare le Olimpiadi di Tokyo 2020 a Carlentini. Per il raduno della squadra maschile, infatti, è stato scelto il fiume San Leonardo, con la truppa azzurra che soggiorna in un agriturismo non lontano dal corso d’acqua. Una decisione che ovviamente ha inorgoglito il presidente del Comitato regionale siciliano Ottaviano Gueli: il massimo dirigente ha spiegato a MeridioNews come si sia giunti a questa scelta. 

«Abbiamo iniziato a puntare su questo fiume – ricorda Gueli – per tutte le attività a livello locale, sia test che raduni. Siamo stati anche dei bravi comunicatori: abbiamo sponsorizzato nel migliore dei modi un luogo che è ideale per svolgere questo tipo di attività sportiva». Il tutto nasce dalla visita di un responsabile della nazionale, venuto a Carlentini con la sua squadra per un test. «Oltre ad apprezzare le caratteristiche del corso d’acqua – ricorda l’intervistato – il dirigente in questione ha evidenziato l’ottimo livello della logistica messa in piedi. Da qui è venuta l’idea: perché non proporre alla Federazione nazionale la possibilità di svolgere in Sicilia i raduni preolimpici?». 

Il primo soggiorno è stato a gennaio: quattro settimane di ritiro andate talmente bene da spingere la federazione a replicare anche a febbraio (per altre tre settimane) per poi concludere con quattordici giorni a marzo. Un grande successo, considerando anche come il fiume San Leonardo abbia scavalcato nelle preferenze sia Siviglia che il Lago di Fondi, specchio d’acqua costiero del basso Lazio. L’obiettivo, adesso, è quello di far diventare Carlentini una sorta di tappa fissa per gli allenamenti della nazionale. «Stiamo lavorando assieme alle istituzioni locali – precisa Gueli – in modo tale da creare un protocollo d’intesa in vista del prossimo quadriennio olimpico». 

Quali particolarità consentono a questo piccolo fiume del siracusano di essere così adatto alla canoa-kayak? «La canoa sprint – ricorda Gueli – è uno sport d’acqua piatta. Dunque è fondamentale che il corso d’acqua sia liscio, privo di onde e correnti particolari. Il San Leonardo, da questo punto di vista, si è rivelato fantastico: anche nelle giornate ventose, infatti, è riparato da frasche molto alte. Questo ha consentito ai ragazzi – specifica il presidente – di fare ben due allenamenti giornalieri». Focus finale, poi, sugli atleti siciliani in lizza per il sogno olimpico. Il siracusano Samuele Burgo ha la sicurezza di partecipare a Tokyo 2020 nel K2. Altri due isolani con buone chance sono i palermitani Andrea Schera (Fiamme Gialle) e Andrea Di Liberto (Canottieri Trinacria).

«Proveranno a essere presenti coi ripescaggi. C’è anche Manfredi Rizza – specifica il presidente – che pur non essendo nativo dell’isola ha entrambi i genitori di Palermo. Si tratta, dunque, di una nazionale a forte trazione siciliana». Le speranze ci sono e c’è anche ottimismo per le attività a livello regionale. «Abbiamo da sempre club molto competitivi, i cui atleti hanno portato in Sicilia tanti titoli nazionali. Il nostro non è un movimento dai numeri altissimi, abbiamo molti canoisti di qualità».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]