Canicattini, Miceli per diventare la prima sindaca «Le donne nascono amministratrici per natura»

La prima donna nella storia di Canicattini Bagni a concorrere alla carica di primo cittadino. Si chiama Marilena Miceli, ha 37 anni, lavora come analista bancaria e raccoglie il testimone del sindaco uscente Paolo Amenta, dopo otto anni al suo fianco nell’amministrazione del centro del Siracusano. Attuale assessora al Welfare, alla Pubblica istruzione e allo Spettacolo, ha nella sua lista sei volti nuovi e sei riconferme, fra cui anche il sindaco uscente.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«Ho riflettuto tanto sulla scelta di candidarmi, perché il momento è molto complicato. Alla fine è stato il senso di responsabilità e di appartenenza a un gruppo a non permettermi di fare un passo indietro, perché noi siamo l’amministrazione uscente e, visto che il sindaco non poteva ricandidarsi, era fondamentale che il gruppo scegliesse una figura per garantire la continuità amministrativa nel segno del nostro progetto politico. Se torno indietro a otto fa, a quando ho iniziato, non avrei mai potuto immaginare di rappresentare la possibilità di una guida per la mia città».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Per i Comuni garantire l’ordinario è diventata una situazione straordinaria. Quindi è fondamentale che Canicattini sia collegata al più ampio territorio degli Iblei perché le risorse per i singoli Comuni sono sempre più ridotte e si deve fare il possibile per accedere ai fondi europei, lavoro che è già stato portato avanti in questi anni».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Anche negli anni in cui ancora non militavo attivamente in politica, ho sempre osservato sia soggetti provenienti dal mondo della destra che della sinistra ma non ho trovato, negli ultimi 20-30 anni, dei buoni esempi da seguire. Dovremmo tornare indietro a Sandro Pertini, che ha realmente fatto la politica con la p maiuscola».

Qual è l’avversario che teme di più?
«Non temo nessuno perché vedo la mia candidatura come servizio alla città. Sono aperta a un confronto con tutti anche all’indomani delle elezioni sia da vincitrice che da perdente».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«Il pregio sta nel fatto che in ogni azione amministrativa messa in campo l’unico aspetto che abbiamo tenuto in considerazione è stato l’interesse del territorio e di ogni cittadino. Il difetto è stato nel non sapere trasferire a tutta la comunità l’importanza del senso di apertura e di confronto con tutti i rappresentanti politici, il che in alcuni passaggi amministrativi ci ha fatto prestare il fianco a dei tradimenti».

Il suo rapporto politico con il sindaco uscente Paolo Amenta potrebbe essere un’arma a doppio taglio visto che adesso lui è il capofila della sua lista?
«Posso dire di essere stata io a pretendere e ad accettare di buon grado il fatto che Paolo Amenta fosse al mio fianco. Avrebbe potuto decidere di stare dietro le quinte, come stanno facendo altri in questa tornata elettorale e invece continua a metterci la faccia in questo progetto politico all’interno del quale io stessa ho avuto la possibilità di maturare le competenze giusta perché, specie in un momento come questo, non ci si può improvvisare amministratori».

La sua lista è esattamente divisa a metà: sei riconferme e sei novità. Perché questa scelta?
«Sempre perfettamente in linea con la nostra idea di laboratorio politico. I senior riassumono l’impegno con la città lavorando affianco alle nuove leve che vengono integrate per fare in modo che crescano in modo responsabile e che si preparino a essere le classi dirigenti del futuro».

Solo continuità o ci sarà anche qualche novità?
«La continuità sarà relativa alla progettualità e alla strategia di sviluppo che abbiamo individuato per questo territorio. Per quanto riguarda le novità, ovviamente, io non sono Paolo Amenta ma Marilena Miceli. Negli ultimi anni della sua amministrazione, per esempio, il sindaco uscente, per far salire il gradino al nostro progetto politico, si è allontanato spesso dalla nostra comunità e qualcuno ha potuto pensare che avesse meno attenzione per la città, mentre non era così ma proprio il contrario. Se sarò sindaca, metterò nel rapporto con i cittadini la sensibilità di essere donna anche perché, secondo me, la donna per natura nasce amministratrice».

Lei è la prima donna di Canicattini Bagni che si candida a sindaco. È un valore aggiunto?
«La responsabilità da donna o da uomo se la politica la si fa per bene e con i fatti concreti è la stessa. Da donna, però, devo dire che è motivo di orgoglio tentare di rappresentare per la prima volta la comunità. Una donna ha più spiccato il senso di prendersi cura del prossimo, perché è già amministratrice della famiglia. In ogni caso, sindaco o sindaca non fa differenza, io continuerò a farmi chiamare Marilena, perché credo che l’importante sia lasciare il segno».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dopo otto anni al fianco del primo cittadino uscente Paolo Amenta, la 37enne analista bancaria cerca di raccoglierne l'eredità con un progetto che possa garantire continuità e anche qualche novità. Si propone agli elettori con una squadra di sei volti nuovi e sei riconferme. «In linea con l'idea di laboratorio politico»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]