Camere commercio, Cga sospende nomina dei commissari «Inusuale inversione giuridica non istituire enti con un atto»

La separazione, come previsto, è finita in tribunale e adesso, trascorsi quasi due mesi, si è arrivati al primo giro di boa. Sotto la lente d’ingrandimento c’è sempre la spinosa vicenda delle Camere di commercio siciliane e in particolare la scissione di Siracusa e Ragusa da Catania. L’addio, con accorpamento alla sede centrale di Trapani insieme ad Agrigento e Caltanissetta, si era consumato lo scorso 19 gennaio con il decreto di nomina, da parte del ministro per lo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, di due commissari. Gli stessi, Massimo Giuffrida e Giuseppe Conigliaro, che adesso sono stati stoppati da un decreto del Consiglio di giustizia amministrativa pubblicato questa mattina e firmato dalla presidente Rossana De Nictolis

A presentare ricorso contro la nomina dei commissari, che di fatto aveva fatto tramontare l’ipotesi di una super Camera di commercio della Sicilia orientale, sono stati i consiglieri Riccardo Galimberti, Giosuè Catania e Sebastiano Molino, tutti assistiti dall’avvocato amministrativista Agatino Cariola. «Può ritenersi provato – si legge nel decreto del Cga – che la nomina dei commissari non è stata preceduta da un provvedimento di istituzione delle due nuove Camere di commercio». Una mancanza documentale che, secondo il ministero, era stata superata dalla validità del principio dell’esecuzione diretta di una norma nell’istituzione dei nuovi organi camerali. Secondo i giudici quest’ultimo principio non sarebbe valido poiché «la legge richiede operazioni attuative come accorpamento e ridefinizioni delle circoscrizioni territoriali che non sono compiute direttamente della legge».

Ecco perché le due nuove Camere di commercio dovevano essere istituite «mediante provvedimento amministrativo». La nomina dei commissari, invece, «costituisce una inusuale inversione logica e giuridica». Per il Consiglio di giustizia amministrativa l’attuale organizzazione è da ritenere dannosa «per l’interesse pubblico». I due nuovi commissari, Giuffrida e Conigliaro, per i giudici «non sono in condizioni di operare e possono determinarsi tra loro conflitti di competenza positivi o negativi fino a quando non vengano esattamente definiti i confini territoriali delle due nuove Camere di commercio». La partita è tutt’altro che chiusa. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo