Calcio, il no al nuovo stadio arriva dal Comune Zamparini: «Il prossimo anno potrei farmi da parte»

Nuovo stadio sì, nuovo stadio no. L’ormai eterno dilemma tutto palermitano dura da diversi anni: il braccio di ferro tra Palermo Calcio e Comune è continuo e vive di puntate distanti anche diversi mesi l’una con l’altra. Stavolta, però, l’Amministrazione potrebbe aver dato il colpo di mano definitivo, con una lettera spedita al consigliere delegato del Palermo Angelo Baiguera nella quale sarebbero spiegati i motivi per i quali il nuovo impianto sportivo, che dovrebbe sorgere sulle ceneri del Velodromo, non si realizzerà. Ma procediamo per gradi.

Poco meno di quattro anni fa – era il 14 novembre del 2011 – il Palermo Calcio pubblicò sul proprio sito ufficiale le immagini con il rendering del progetto firmato dall’architetto Gino Zavanella: 35mila posti tutti con ottima visibilità e tutto quello che serviva per far sì che fosse un impianto all’avanguardia, come bar, cinema, palestre, centri benessere, centri riabilitativi, negozi di articoli sportivi e per il merchandising. Un progetto che incontrò subito il consenso dei tifosi palermitani, ma che forse al Comune non è mai piaciuto fino in fondo. E che sarebbe stato finanziato dal Credito Sportivo, come confermato da Zamparini.

Da allora sembrano passati secoli e già diverse società hanno realizzato i loro impianti: dallo Juventus Stadium all’Is Arenas di Cagliari (reso poi inutilizzabile per altri motivi), fino all’ultimo arrivato: il rimodernato stadio Friuli, nuova casa dell’Udinese. E i progetti fioccano: a Milano, Inter e Milan pensano a stadi di proprietà, così come la Roma ha già presentato, recentemente, il suo progetto. A Napoli, invece, De Laurentiis ha provato più volte a dialogare con il Comune, prima per la costruzione di un nuovo impianto, poi per la concessione del “San Paolo”.

A Palermo, invece, il progetto si sarebbe dovuto realizzare, questo almeno fino a oggi, quando il vicesindaco, Emilio Arcuri, ha inviato una lettera ad Angelo Baiguera spiegando i motivi per i quali lo stadio non si farà. Inutile dire che il presidente Maurizio Zamparini non l’ha presa bene: «Non me ne frega niente – ha spiegato il numero uno di viale del Fante al Giornale di Sicilia – è una decisione che non mi interessa più, ci penserà qualcun altro a realizzare il nuovo stadio, non Maurizio Zamparini. Il prossimo anno potrei anche farmi da parte».

A questo punto, immediata la replica da parte del Comune, che con una nota ufficiale ha ribadito un invito esplicito al confronto «che possa portare a condividere l’ipotesi di un nuovo stadio di calcio». «L’Amministrazione comunale – afferma il sindaco Leoluca Orlando – ha tutto l’interesse a che la città sia dotata di impiantistica sportiva adeguata alle aspettative delle nostre squadre di eccellenza e dei tifosi, che possono per altro essere volano di nuova economia e sviluppo».

A fare chiarezza ci prova l’assessore allo Sport, Cesare Lapiana, il quale fa capire che non si tratta di un “no” definitivo, ma di un problema di tempistiche, per cui il vecchio progetto non è più realizzabile. «Ci siamo purtroppo trovati – ha sottolineato Lapiana – di fronte ad una proposta elaborata in un periodo in cui era diverso il contesto normativo e che per questo non può essere presa in considerazione, ma certamente resta, come già detto e ribadito più volte, l’interesse dell’Amministrazione ad avviare un dialogo con quanti vogliono investire per questa importante opera nella nostra città». Insomma, il nuovo stadio non s’ha da fare. Almeno per ora.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]