Business Cosa nostra su discoteche e serate I guadagni milionari, tra sfarzo e prestanome

La mafia a Catania ha fiutato l’affare e ha deciso di camuffarsi tra luci stroboscopiche e deejay. Locali alla moda e discoteche, finiti al centro di alcune importanti inchieste della procura di Catania, che hanno fatto emergere i nuovi canali d’investimento delle cosche. Un ruolo predominante sarebbe quello che si è ritagliato negli ultimi anni il clan dei Carcagnusi di Nuccio Mazzei. Il boss, detenuto al 41bis dopo un periodo di latitanza, sarebbe «l’imprenditore in grado di condizionare l’economia», come lo definiscono nelle intercettazioni i suoi affiliati. Un mafioso etichettato come «forte», grazie «al suo modo di fare che faceva tremare». I particolari emergono dalle carte dell’inchiesta Nuova famiglia. Ultimo capitolo di un corposo faldone che contiene già altre due indagini, incentrate sulla cosca dei Mazzei. 

L’elenco delle discoteche riconducibili ai Carcagnusi è sempre più lungo. Dal 69 Lune, passando per il Moon fino al Moon Beach. Tutte ritenute dagli inquirenti i «canali economici del clan» e gestite, almeno sulla carta, da una fitta rete di prestanome dietro i quali ci sarebbero Nuccio il Carcagnuso e il suo fedelissimo, William Cerbo. L’uomo con il mito della pellicola Scarfacearrestato a metà del 2014 ma che avrebbe mantenuto i suoi interessi sul 69Lune anche da dietro le sbarre. Tramite una lettera avrebbe incaricato Giuseppe Caruso di riscuotere le somme che gli spettavano dalla gestione del locale. Un quota compresa tra due e tremila euro mensili che in un’occasione sarebbero stati prelevati durante una serata direttamente dalla compagna dell’uomo.  

Ulteriori particolari sulla movida emergono anche grazie a una gola profonda. Proprio Caruso, presunto affiliato dei Carcagnusi, poi transitato nelle fila dei Santapaola, fornisce alcuni spunti durante un’intercettazione ambientale. È il mese di novembre del 2014 quando Caruso parla all’interno della sua macchina con una donna. «È una vita che combatto con le discoteche, combattevo al 69Lune, al Moon, al Moon Beach perché erano di Willy (William Cerbo ndr.), ora poi mi sono messo allo Stone». La discussione prosegue con nuovi particolari: «Lui – spiega l’uomo riferendosi a Cerbo – il Moon l’aveva in società con il proprietario dello Stone con Mirko, con quel ragazzo con cui ho parlato sabato, erano soci». A questo punto la donna chiede chi sarebbe il vero proprietario della discoteca Stone: «Di chi è, di Andrea?», domanda lei. «C’è lui», risponde Caruso. Andrea, secondo gli investigatori, sarebbe uno dei fratelli Nizza. Latitante da dicembre 2014, condannato nel processo Fiori bianchi e ritenuto uno degli attuali vertici della famiglia di Cosa nostra dei Santapaola nel quartiere di Librino

Mirko Panebianco viene identificato nell’ordinanza Nuova famiglia come «il figlio della zia Rosa». Nome dell’omonimo ristorante di viale Africa intestato alla madre Agata Carmela Fonte, moglie di Carmelo Panebianco. Quest’ultimo è stato rinviato a giudizio dopo l’inchiesta Scarface per mafia e intestazione fittizia. L’uomo, secondo gli investigatori, sarebbe stato in società con Cerbo nel locale Moon. La discoteca Stone – finita nel dialogo intercettato ma non coinvolta in nessuna indagine – risultata intestata ai fratelli Carmelo e Rosario Coniglione che la gestiscono tramite la società Le pietre rosse srl.

«Non c’è nessun provvedimento della procura di Catania nei confronti di Mirko Panebianco – spiega il legale di famiglia, l’avvocato Salvatore Di Dio -. La mafia nell’operazione Scarface a mio avviso c’entra poco o nulla. Caruso è un elemento di poco conto non contestualizzato a livello associativo per quanto di mia conoscenza. Il riferimento a Panebianco Jr è relativo soltanto all’attività organizzativa di serate nei locali. Sul padre Carmelo Panebianco ci tengo a precisare che è stato scarcerato il 16 luglio 2014, dopo tre mesi e mezzo dal blitz per la mancanza di esigenze cautelari. Il 3 settembre dello stesso anno il tribunale del riesame ha inoltre restituito tutti i beni che gli erano stati sequestrati».  

Musica, privé e piste da ballo non si fermano però al clan Mazzei. Nel recente passato i sigilli sono scattati alla discoteca Empire, di proprietà dall’incensurato Mimmo Di Bella ma di fatto, secondo gli inquirenti, riconducibile a Giacomo Nuccio Ienipresunto capomafia della cosca Pillera-Puntina. Ci sono poi i locali dei fratelli Antonio e Andrea D’Emanuele, figli del boss Natale e cugini di Nitto Santapaola. Nel 2013 la direzione investigativa antimafia confisca loro il Sobha. Uno stabilimento balneare alla Playa. Nelle carte dell’inchiesta Arcangelo del 2007 c’è invece il nome del Martini Plaza. Ritrovo per alcuni anni tra i più in voga della città di Catania ma ormai chiuso, era finito al centro delle attenzioni di Angelo Santapaola. Il reggente della famiglia mafiosa vittima di lupara bianca. 

Gli affari con le discoteche si spostano anche sulla strada; con i numerosi parcheggiatori che ogni sera stazionano nei pressi dei locali. Nell’area della stazione centrale a gestire gli abusivi sarebbero proprio i clan mafiosi. «Tutto quello che c’è in quel territorio – spiega la magistrata Assunta Musella – deve passare sotto il controllo del clan. Serve anche per dare un segnale di controllo e presenza sul territorio». Nel nome di un tacito accordo tra consorterie, come emerso durante l’indagine Capolinea. Il riferimento è al clan santapaoliano di Giuseppe Zucchero, che avrebbe deciso di non pestare i piedi a quello dei Mazzei, pienamente inserito lungo il viale Africa, e al gruppo della Civita, capeggiato in passato dai boss Carmelo Puglisi e Orazio Magrì, con interessi in zona. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il clan di Sebastiano Mazzei, per gli investigatori, sarebbe il più attivo nei locali notturni della città. Una gestione oculata dietro la quale si celerebbe una fitta rete di intestazioni fittizie. Ad allungare i tentacoli su quest'affare sarebbero però anche i Santapaola e il clan di Salvatore Pillera. Guarda l'infografica

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]