Bronte: parte Girolibro, biblioteca a cielo aperto «Dobbiamo essere cittadini attivi e responsabili»

Non bisogna per forza aspettare che gli altri facciano le cose, si può agire in prima persona per concretizzare un sogno e dare il buon esempio ai coetanei e alla cittadinanza. E non bisogna essere chissà chi o inventarsi qualcosa di particolare, ognuno nel proprio piccolo può fare qualcosa per migliorare la vita degli altri e la propria. Per esempio costruendo, legno dopo legno, una biblioteca a cielo aperto come quella inaugurata lo scorso 18 luglio a Bronte. L’idea è partita da Maria Gatto, 31 anni, che ha subito coinvolto nel progetto di Girolibroil fratello 26enne Simone e il fidanzato 31enne Elio Longhitano, tutti e tre originari di Bronte.

«Costruire tutto da sola sarebbe stato complicato, c’era da tagliare il legno, dipingere, verniciare e allestire scaffali e vetrine», spiega Maria, tecnica del restauro con la passione per il riuso e le arti pittoriche, che mette a frutto nel laboratorio casalingo dove insieme ad Elio si cimenta nel recuperare oggetti dismessi a cui dà una nuova vita, per limitare l’impatto ambientale e la produzione di rifiuti. Maria ha studiato Tecnologia applicata al restauro a Siracusa e si definisce la sognatrice del gruppo, mentre Elio, diplomato al liceo della Comunicazione, ha un talento nel disegno che gli ha fatto guadagnare la qualifica di artista. Simone, infine, diplomato in fagotto al Conservatorio di Catania, è il musicista del trio.

«Tempo fa mi sono imbattuta per caso, in una strada di Acireale, in una di queste biblioteche che ho fotografato pensando “Chissà se un giorno qualcuno ne realizzerà una simile a Bronte“. L’anno scorso, poi, si è presentata l’occasione di aderire al bilancio partecipativo del Comune da privato cittadino e allora ho pensato che anche io potevo fare qualcosa per contribuire attivamente alla crescita del mio paese».

L’idea iniziale era quella di riutilizzare materiali, ma i ragazzi non hanno trovato niente che facesse al caso loro e allora si sono messi di buona volontà realizzando di sana pianta gli scaffali e tutto il necessario. Non hanno lavorato giorno dopo giorno perché ognuno ha i propri impegni, da maggio ci hanno impiegato circa un mese e mezzo, giusto in tempo per inaugurare nella stagione estiva le quattro postazioni di Girolibro. «Abbiamo scelto per le nostre istallazioni quattro punti strategici del paese – il circolo N. Spedalieri in piazza Spedalieri, l’area verde di piazza Aldo Moro, l’ingresso della villa comunale in viale Catania e quello dei campetti in via Selvaggi -, luoghi di aggregazione sia per persone adulte che per ragazzi dove abbiamo posizionato i libri donati da insegnanti e amici lettori che hanno ripulito le loro librerie per darci qualche volume».

E già da mercoledì si contano tanti visitatori, che attratti dai colori sgargianti delle vetrine si incuriosiscono e si avvicinano per capire come funziona il progetto. Che è molto semplice e permette a chiunque, gratuitamente e senza tesserarsi, di prendere in prestito un libro, sfogliarlo sul posto, lasciarne un altro in cambio. Qualcuno ha già mostrato il proprio scetticismo, pensando a qualche possibile atto vandalico. Ma è proprio questa la sfida più grande per Maria: responsabilizzare i cittadini a cominciare dai ragazzi e dai bambini, anche chiedendo il supporto di genitori e insegnanti.

«Mi auguro che le persone diventino non solo fruitori della biblioteca, ma anche responsabili. E gli adulti devono essere i primi a dare il buon esempio. Se qualcuno deturpa un bene della comunità bisogna intervenire, sottolineare che quella cosa è di tutti e non va distrutta. Spesso invece ci si tira indietro. Io, invece, sono convinta sia arrivato il momento di fare un passo avanti. Magari cominciando proprio da un libro».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]