Briosce e panettoni come vuole la tradizione. Per Siculabrioche «il segreto è nella preparazione artigianale»

C’è un posto in Sicilia dove le briosce col tuppo – col nome rigorosamente in dialetto -, simbolo della tradizione, vengono realizzate a mano seguendo l’antica ricetta. Protagonista è l’azienda Siculabrioche, con sede ad Acireale (in provincia di Catania): una realtà partita nel 1997 e che oggi conta 60 dipendenti. Le mani, e non i macchinari, sono il mezzo principale. «Lavoriamo tutto noi – racconta a MeridioNews il responsabile della produzione Anthony Lanzafame – E ci impegniamo affinché non manchi nulla delle nostre tradizioni sulle tavole dei siciliani». Cavallo di battaglia del periodo natalizio – e non solo – è la brioscia da 700 grammi: Carlotta. «Un’alternativa al panettone tradizionale. Stesso impasto, ma forma diversa» aggiunge il responsabile commerciale Fabio Rizzo.

In prima linea la qualità, non solo dei prodotti, ma anche dei processi di lavorazione: vengono controllati i singoli ingredienti e anche le temperature. Il segreto della freschezza a lungo termine? Una lievitazione di 70 ore e una preparazione di almeno tre giorni per arrivare al prodotto finale. Altro ingrediente fondamentale è la passione. «Faccio questo lavoro da cinque anni. Ho iniziato a 23 anni e ho imparato tutto in questo posto, partendo da come fare una brioscia». Che, a seconda dei gusti personali, può essere gustata con il gelato, con la granita e, in inverno, soprattutto con le creme spalmabili. Tra queste c’è la Giordana (una crema al cioccolato modicano) che farcisce l’interno di uno dei panettoni del menù.

Prodotti che riscontrano un grande apprezzamento nel territorio, ma non solo. «Le briosce confezionate, da circa dieci anni, vengono vendute in tutta Europa, in America e anche in Australia», spiega Rizzo. La maggiore richiesta italiana, invece, arriva dal Piemonte e dalla Lombardia. Con un picco di vendite nel periodo estivo, in cui si concentra la maggiore richiesta di briosce, specie per le gelaterie. Durante l’anno, vengono poi proposte anche altre linee di prodotto tra cui i dessert, le paste di mandorla e le colombe nel periodo pasquale. «Freschezza e celerità nelle consegne sono il punto di forza dell’azienda. Il panettone – afferma Rizzo – viene preparato al momento della richiesta. Non abbiamo infatti magazzini».

Il record relativo alla produzione di briosce è di due milioni di pezzi all’anno, per una cifra pari a 20-30mila unità al giorno. Nell’ultimo anno, l’attività sta puntando ad allargare la sua offerta anche attraverso una novità: la produzione di panini, agganciata a importanti catene come Rosso Pomodoro. Anche i panini vengono fatti a mano senza macchinari, con un passaggio in meno rispetto alla brioscia, quello del tuppo. Per questo Natale, intanto, la proposta punta sui panettoni: dal classico, con glassa e mandorle di Sicilia, a quello al pistacchio con una copertura di cioccolato al pistacchio e una sac à poche con crema spalmabile al pistacchio; passando per le proposte adatte a palati curiosi come il panettone al mandarino con pasta e scorze candite, alla pera con frutta candita e glassa al cioccolato fondente, e al cioccolato di Modica con pepite di cioccolato modicano e uno strato di cioccolato bianco in superficie, accompagnato da una crema aromatizzata alla zuppa inglese con altre pepite. Quest’anno in produzione anche il panettone al caramello.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]