Bisceglie-Catania 0-1, terzo successo di fila per gli etnei Rossazzurri cinici: il match-winner è Francesco Salandria

È un Catania formato-Lucarelli quello che espugna Bisceglie, dando ulteriore sostanza e continuità al lavoro encomiabile svolto dal tecnico toscano. La striscia utile vede i rossazzurri non perdere da sei partite, con un filotto ancora aperto di tre vittorie consecutive. L’Elefante si dimostra ancora una volta squadra pratica, perfettamente calata nella dimensione del Girone C della terza serie: lotta su ogni pallone dal primo all’ultimo minuto, solidità difensiva, capacità di essere compatti e sapere soffrire, abilità nello sfruttare al momento giusto il superiore tasso tecnico. Questa la ricetta predicata dal mister rossazzurro e applicata ormai alla perfezione dai suoi ragazzi. Un Bisceglie non certo trascendentale, ma comunque capace una settimana fa di pareggiare a Terni, è battuto grazie al lampo di Salandria, bravo a superare il giovanissimo Messina con un potente destro da fuori area. 

Nel silenzio del Ventura scelte obbligate per Lucarelli, con la batteria di trequartisti dietro l’unica punta Beleck composta da Capanni, Curcio e Di Molfetta. La gara è resa palesemente difficoltosa da un terreno ai limiti della praticabilità che spinge entrambe le squadre, Catania in primis, a lasciare il fioretto negli spogliatoi. L’azione più pericolosa della prima frazione arriva dopo otto minuti: Pinto entra in area da sinistra e scarica per l’accorrente Vicente che, da fuori area, conclude con un preciso tiro di collo destro che si stampa sulla traversa. Si tratta del secondo legno per il numero 4 etneo, dopo quello colto contro la Ternana al Massimino

Il Catania mantiene il pallino del gioco, non riuscendo però mai a trovare la precisione nell’ultimo passaggio a causa del pessimo manto erboso: si predilige quindi gettare la palla in avanti, cercando sponde e spizzate pericolose. L’occasione più pericolosa per i padroni di casa, schierati con un assetto assai guardingo, arriva al 21′: punizione di Zibert da sinistra, Gatto colpisce di testa in area ma la palla va fuori di poco. Otto minuti più tardi Beleck spreca una potenziale buona occasione, perdendo l’equilibrio e concludendo con una inoffensiva palombella per il portiere. Le restanti emozioni arrivano al 31′ e 36′: prima Zibert prova un destro potente da fuori area che termina a lato, poi Calapai conclude alto al termine di una azione lunga ed elaborata. 

Nella ripresa Lucarelli inserisce subito Biagianti per l’ammonito Vicente, con un immediato botta e risposta tra le due squadre. Sono gli etnei a sfiorare per primi il vantaggio, con la girata di Curcio servito da Pinto che si spegne a pochi centimetri dal palo alla destra di Casadei. Poi è Zibert, al 50′, a mettere i brividi a Furlan scoccando un diagonale a incrociare fuori di un soffio. Una svolta alla gara arriva al 55′, quando Casadei esce su Beleck e si infortuna alla spalla: entra il classe 2002 Messina, all’esordio tra i pali nei professionisti. Otto minuti dopo, per sua sfortuna, arriverà anche il primo gol subito in carriera in Serie C. Il Catania va in vantaggio al termine di una azione di contropiede: Di Molfetta in transizione serve Salandria libero sulla destra: il numero 16 scocca una bordata da fuori area su cui Messina può nulla. 

Biondi e Manneh rilevano poi Capanni e Di Molfetta, con gli uomini di Lucarelli bravissimi a gestire il vantaggio ma non altrettanto a chiudere la gara. E’ così che, fino all’ultimo, i nerazzurri pugliesi provano a dare grattacapi a Furlan, senza però riuscirci: a parte qualche pericoloso spiovente, va soltanto annotata la botta di Zibert al minuto 89 che viene murata dalla difesa siciliana. La gara si chiude virtualmente con il fallaccio di Montero, espulso per doppia ammonizione dopo un intervento su Pinto. Il triplice fischio dell’arbitro consegna al Catania tre punti e tante certezze: la zona playoff è solidissima e il quinto posto della Ternana è lontano solamente quattro lunghezze. Domenica prossima in calendario ci sarebbe la stimolante gara in casa del Bari vice-capolista: al momento, però, di certo ci sono solo le pacche e i sorrisi tra Lucarelli e i suoi giocatori alla fine della partita di oggi. 

Il tabellino

Bisceglie-Catania 0-1

Marcatori: 63′ Salandria

Bisceglie (3-4-1-2): 1 Casadei (56′ Messina); 19 Karkalis, 20 Diallo, 2 Silva; 6 Mastrippolito (83′ Longo), 30 Trovade (68′ Rafetraniaina), 29 Zibert, 31 Petris (82′ Ungaro), 27 Ferrante (68′ Nacci); 9 Montero, 10 Gatto. Allenatore: Mancini.

Catania (4-2-3-1): 1 Furlan; 26 Calapai, 5 Silvestri, 3 Mbende, 20 Pinto; 16 Salandria, 4 Vicente (46′ Biagianti); 8 Di Molfetta (78′ Manneh), 10 Curcio, 7 Capanni (64′ Biondi); 9 Beleck. Allenatore: Lucarelli.

Arbitro: Michele Di Cairano della sezione di Ariano Irpino

Note: ammonito Vicente, Capanni, Silvestri (Catania). Espulso Montero (Bisceglie)



Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]