Berlino, presunto attentatore fu arrestato a Belpasso Molestie e disordini, 6 carceri siciliane in quattro anni

Una protesta contro i tempi della burocrazia, troppo lunghi per ottenere lo status di rifugiato politico. E per la qualità del cibo, ritenuta troppo scarsa nel centro di accoglienza Giovanna Romeo Sava di Belpasso, in provincia di Catania. È per questo motivo che Anis Amriil tunisino sospettato di essere l’attentatore dello scorso lunedì a Berlino, è stato arrestato cinque anni fa dalle forze dell’ordine di Catania. In quell’occasione – era la notte tra il 22 e il 23 ottobre 2011 – il ragazzo assieme a quattro connazionali avrebbe picchiato il custode e dato fuoco ad alcuni materassi della struttura, causando un incendio domato solo alcune ore dopo dai vigili del fuoco. Arrivava da Lampedusa, dove era sbarcato assieme a centinaia di altri giovani connazionali dopo la primavera araba. Il primo grande flusso di migranti verso la Sicilia, in un momento in cui le istituzioni non erano ancora pronte a garantire l’accoglienza.

Così, in quei giorni, di proteste ce n’erano state tante. Da una parte il sovraffollamento, dall’altra il vivere insieme a stranieri con profonde differenze culturali. Poi le esigenze religiose rispetto al cibo, non sempre rispettate dalle autorità italiane, che non avevano ancora chiaro come fronteggiare il fenomeno. Amri oggi ha 24 anni e su di lui pende un mandato di cattura internazionale, nonché una taglia di 100mila euro da dare a chiunque sia in grado di fornire informazioni utili per il suo arresto. Quando – a febbraio 2011 – è arrivato a Lampedusa, secondo le sue dichiarazioni, era ancora minorenne. Per questo motivo è stato trasferito nella struttura del Catanese dove ha passato alcuni mesi e ha iniziato un percorso scolastico. Interrotto dalla sommossa di quei giorni. Il centro di accoglienza di Belpasso è da questa mattina chiuso in silenzio stampa: a chi chiede informazioni, consigliano di mandare un fax.

Dall’hinterland etneo in poi, una serie di trasferimenti nei vari penitenziari isolani: prima il carcere catanese di piazza Lanza, per poco più di sei mesi, poi il trasferimento al Bodenza di Enna e, l’11 dicembre 2012, nel carcere di Sciacca. In base alla storia carceraria del ragazzo, citata dall’agenzia giornalistica Ansa, resta lì per più di un anno. E viene accusato – il 28 maggio 2013 – di non trovarsi nel posto che gli era stato assegnato dall’amministrazione carceraria. Il 29 giugno, viene segnalato per intimidazione e sopraffazione dei compagni, il 17 ottobre per atteggiamenti offensivi. Il 31 gennaio 2014 arriva nel carcere di Agrigento: sarebbe stato segnalato – il 31 marzo e il 15 aprile – per disordini e sommosse, e poi – il 28 agosto – per intimidazioni. Quindi viene spostato – il 9 settembre – al carcere Pagliarelli di Palermo: qui sarebbe arrivata una ulteriore segnalazione, il 24 novembre, per inosservanza degli ordini. Resta al Pagliarelli per quattro mesi e il 10 gennaio 2015 è all’Ucciardone: il 16 gennaio e il 9 aprile viene accusato di atteggiamenti molesti nei confronti dei compagni

La scarcerazione dall’Ucciardone arriva il 18 maggio 2015. Dopo quattro anni di carcere viene affidato all’ufficio immigrazione della questura di Palermo. A questo punto un altro trasferimento, l’ennesimo, stavolta nel Centro di identificazione ed espulsione (Cie) di Pian del lago, a Caltanissetta. Ma il meccanismo di rimpatrio s’inceppa. Dalla Tunisia non arrivano i documenti, Anis Amri non viene rispedito a casa e di lui si perdono le tracce. Riappare in Germania mesi dopo: lì, secondo i quotidiani internazionali, sarebbe cominciato il processo di radicalizzazione che lo avrebbe portato ad avvicinarsi all’Isis. Che ha rivendicato l’attentato. Per il momento del giovane tunisino non si sa nulla: alla sua identità si sarebbe risaliti per via di un documento d’identità dimenticato sul tir che ha ucciso 12 persone, mentre passeggiavano tra i mercatini di Natale della capitale tedesca.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]