Belpasso: aggredisce la ex che lo aveva denunciato per maltrattamenti, arrestato

Un giovane di 28 anni è stato arrestato dai carabinieri a Belpasso, in provincia di Catania, con l’accusa di avere aggredito l’ex compagna 26enne che lo aveva denunciato. Rinchiuso nel carcere catanese di piazza Lanza, dopo la convalida dell’arresto, il 28enne è stato posto ai domiciliari. Adesso deve rispondere di atti persecutori.
I militari sono intervenuti su richiesta della donna, che ha detto di essere stata aggredita dall’ex compagno, che era sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria a seguito delle denunce sporte dalla ragazza nei suoi confronti per maltrattamenti. Ai militari, la 26enne ha detto di essere stata minacciata e ingiuriata dall’ex che la accusava, tra l’altro, di non essere una buona madre per i loro figli minorenni.

Quella sera l’ex compagno sarebbe riuscito a entrare in casa della ragazza e l’avrebbe aggredita. Poi sarebbe fuggito dopo che la vittima avrebbe cominciato a filmarlo con il suo cellulare. Tornato indietro, l’avrebbe aggredita ancora ma la ragazza sarebbe riuscita a divincolarsi e ad allontanare l’ex compagno, chiamando i carabinieri


Dalla stessa categoria

I più letti

Un giovane di 28 anni è stato arrestato dai carabinieri a Belpasso, in provincia di Catania, con l’accusa di avere aggredito l’ex compagna 26enne che lo aveva denunciato. Rinchiuso nel carcere catanese di piazza Lanza, dopo la convalida dell’arresto, il 28enne è stato posto ai domiciliari. Adesso deve rispondere di atti persecutori. I militari sono […]

Un giovane di 28 anni è stato arrestato dai carabinieri a Belpasso, in provincia di Catania, con l’accusa di avere aggredito l’ex compagna 26enne che lo aveva denunciato. Rinchiuso nel carcere catanese di piazza Lanza, dopo la convalida dell’arresto, il 28enne è stato posto ai domiciliari. Adesso deve rispondere di atti persecutori. I militari sono […]

Giustizia per Emanuele Scieri

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo