Bando per la pista ciclabile da un chilometro a Librino Striscia in bitume colorato, illuminazione a led e sedili

Un parco verde descritto come «un asse generatore di tutto il quartiere» che consentirà il collegamento pedonale e ciclabile dei nuclei abitativi. Librino, città satellite di Catania progettata a metà degli anni Settanta dall’architetto giapponese Kenzō Tange, torna al centro delle proposte di rilancio con un bando da 1,5 milioni di euro pubblicato dalla direzione Ragioneria di palazzo degli Elefanti. Da quando il quartiere ha visto la luce, con la sua posizione periferica a sud ovest del capoluogo etneo, si è trasformato in una zona complessa e sempre alla ricerca di riscatto. Ambizioni che puntualmente si scontrano con gli interessi di Cosa nostra e l’incapacità della politica.

Il progetto in questione riguarda la realizzazione di un parco urbano con annessa pista ciclabile. Un’operazione già approvata dal Comune di Catania a cui è seguito un bando per l’appalto dei lavori, che scadrà il prossimo 29 agosto. Il piano esecutivo è stato affidato allo studio di ingegneria S.T.A Progetti, che fa capo all’urbanista Francesco Lo Giudice. Un nome noto nel rione popolare essendo lo stesso che a partire dagli anni ’70 si è occupato di svariate opere, compresa quella che riguarda il recupero del cosiddetto palazzo di cemento. L’appalto per l’esecuzione dei lavori bandito con procedura aperta verrà aggiudicato con il criterio del prezzo minore. L’apertura delle buste avverrà il 5 settembre negli uffici di via Domenico Tempio. Mentre il progetto, inserito nel programma triennale delle opere pubbliche 2017/2019, verrà finanziato con i soldi provenienti dal cosiddetto Patto per Catania, firmato il 30 aprile del 2016 dal sindaco Enzo Bianco e dall’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi. 

La zona indicata per la realizzazione della pista ciclabile è quella a ridosso del polo sportivo San Teodoro, dove sono di casa i Briganti Rugby Librino. «L’arteria – si legge nel progetto firmato dall’architetta Sabina Zappalà – sarà affiancata da un marciapiede pedonale che consente di istituire un percorso nell’ambito del quartiere». Tra i dettagli che emergono dalla lettura dei documenti c’è anche quello della lunghezza della ciclabile: «Circa 1000 metri che si adageranno sui manufatti esistenti rendendoli tra di loro collegati». 

Dal progetto è possibile individuare l’inizio e la fine della striscia riservata alle due ruote. Il primo parcheggio bici viene indicato nei pressi dell’istituto comprensivo Vitaliano Brancati. L’itinerario proseguirà alle spalle del campo dei Briganti per poi transitare nell’ampia zona incolta dominata dall’alto da villa Pennisi, sede della partecipata comunale Multiservizi. Il tutto, si continua a leggere nel progetto, prendendo spunto da un modello «nordeuropeo». Dalla mappa è possibile notare anche un collegamento tra il viale San Teodoro e le strade Giulio e Cardinale

I ciclisti, quando l’opera verrà realizzata, si sposteranno lungo una striscia di bitume colorata larga tre metri, affiancata da un sistema di smaltimento delle acque e da un impianto d’illuminazione a led a basso impatto energetico. La pista sarà poi completata con «una barriera di sicurezza in calcestruzzo, posta dietro la sede riservata alle biciclette, che potrà fungere anche da sedile». In generale, quello che viene indicato come parco urbano di Librino comprenderà una porzione di terreno grande 410mila metri quadrati. Nel piano di riassetto vegetale della zona interessata ci sarà «una varietà delle essenze. Dando priorità a quelle che hanno maggiore radicamento nel territorio», si continua a leggere nel progetto esecutivo. La pista, infine, transiterà in un’ampia porzione di terreno affiancata da un susseguirsi di orti urbani.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Costerà 1,5 milioni di euro e collegherà la scuola Vitaliano Brancati, passando dietro il campo dei Briganti, con un'area a ridosso di alcuni palazzoni in viale San Teodoro. Sarà affiancata da orti urbani e da una zona verde da valorizzare. Previsti collegamenti con le strade Giulio e Cardinale. Il progetto è stato curato dallo studio Sta

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]