Augusta, plebiscito per la candidata Cinquestelle Di Pietro: «Sarò la cittadina di sempre»

«Sto uscendo a ringraziare la cittadinanza. E’ un bagno di folla». Cettina Di Pietro, neo sindaca di Augusta, saluta così la vittoria, con percentuali schiaccianti, nel ballottaggio con Nicky Paci, ex Udc. I festeggiamenti sono iniziati neppure un’ora dopo l’inizio dello spoglio. Il risultato è stato fin da subito nettamente favorevole alla candidata Cinquestelle, che insieme agli attivisti è scesa poi nelle strade per incontrare la cittadinanza. «Non ci aspettavamo un successo così schiacciante», ammette a MeridioNews il neo consigliere comunale grillino Mauro Caruso. Di Pietro aveva concluso in vantaggio anche la prima tornata elettorale, con uno scarto di sei punti percentuali (31 contro 25 per cento). Nonostante il trend regionale che ha registrato un’affluenza in netto calo rispetto al primo turno (- 16 per cento), ad Augusta il calo è stato minimo: dal 68 per cento di due settimane fa si è passati al 67.

«Il cielo è stellato sopra Augusta», commenta dal proprio profilo Facebook Di Pietro, che durante lo spoglio aveva aggiornato con i dati provenienti dai seggi particolarmente favorevoli alla coalizione Cinquestelle. Nelle sezioni 12, 18, 20 e 22 la candidata ha raggiunto rispettivamente il 67, il 78, il 70 e il 70,5 per cento. I dati ufficiali alla fine parlano del 75 per cento di preferenze (13.496 in totale). Magro il risultato di Nicky Paci, rimasto al palo con appena 4.484 voti pari a circa il 25 per cento

Prima della chiusura dello scrutinio, con risultati consolidati, Di Pietro e altri sostenitori hanno organizzato una marcia che dalla sede del Movimento 5 Stelle si è spostata verso il duomo di Augusta, per circa 2 chilometri. Intorno alle 18 la neo sindaca è entrata in Comune: prima un colloquio con gli attuali commissari comunali Maria Carmela LibrizziMaria Rita Cocciufa e Francesco Puglisi, (da due anni alla guida della città dopo il commissariamento per mafia). Successivamente ha esultato dal balcone del palazzo di città. Infine è scesa in piazza tenendo il suo primo discorso ufficiale. «Ringrazio tutti per questo risultato – sottolinea Di Pietro -. Mi metto a disposizione rimanendo la cittadina di sempre. Nei primi cento giorni lavoreremo ad uno studio del bilancio per cercare di ridurre questo peso insostenibile per la città». «Siamo ubriachi di vittoria – ribadisce il neo consigliere comunale Caruso – Cettina (Di Pietro ndr) è un’avvocata penalista, non sarà certamente una sprovveduta. Si potrebbe veramente innescare un cambio di rotta». Secondo le stime degli stessi grillini, in piazza c’erano circa 1.500 persone, ma sopratutto «tanti sorrisi nel volto della gente». 

L’insediamento della sindaca potrebbe avvenire tra circa una settimana. È la prima volta che Augusta ha una prima cittadina donna, a cui spetterà il compito di riportare la città ad una situazione di normalità. Augusta esce con questo risultato dai due anni di commissariamento seguito allo scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose. Le indagini della Dda di Catania hanno coinvolto la precedente amministrazione targata Pd, in particolare il sindaco Massimo Carrubba. Questione spinosa – come già evidenziato – sarà la gestione del debito comunale, un carico che oscilla dai 40 ai 102 milioni di euro. «Ci sono stati momenti di nervosismo – spiega ancora il neo consigliere comunale Caruso – gli apparentamenti potevano influenzare il risultato, ma i cittadini hanno risposto alla grande. Abbiamo tutte le carte per governare serenamente, con questo risultato abbiamo una maggioranza forte in Consiglio». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]