Augusta, lo spaccio di cocaina gestito a credito, con minacce e aggressioni

Cocaina e crack. Sono queste le due le sostanze stupefacenti su cui avrebbero puntato tutto i componenti di un gruppo che ad Augusta, in provincia di Siracusa, avrebbe pensato a tutte le fasi: dal trasporto al confezionamento fino allo spaccio e al traffico. Undici di loro adesso sono finiti indagati (tre in carcere, uno ai domiciliari, un obbligo di dimora e sei indagati in stato di libertà) nell’ambito dell’operazione antidroga Crack point. Stando a quanto è stato ricostruito finora nel corso delle indagini, il gruppo avrebbe gestito un’imponente piazza di spaccio in contrada Scardina, nel complesso delle palazzine popolari nella cittadina megarese. Nei casi in cui le vittime non sarebbero riuscite a saldare il debito, gli indagati sarebbero arrivati a minacciarle e picchiarle. Il tutto con l’aggravante del metodo estorsivo commesso da più persone.

Nel corso delle attività di indagine, sono stati sequestrati 150 grammi di cocaina, 10.000 euro in contanti, quattro carte di reddito di cittadinanza (usate a titolo di garanzia), due libri mastro con i crediti della droga annotati, materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi di sostanze stupefacenti e bilancini di precisione. Servizi di osservazione e intercettazioni hanno permesso agli inquirenti di ricostruire il circuito di approvvigionamento e spaccio. Nel corso delle indagini, è emerso che un ruolo di particolare importanza sarebbe stato rivestito da una donna di 60 anni: sarebbe stata lei a gestire dentro la propria abitazione un vero e proprio laboratorio e centro di spaccio. Ricevuta la cocaina, la 60enne avrebbe provveduto a lavorarla per trasformala in crack e cedere le singole dosi agli assuntori, a credito o dietro corrispettivo. In alcuni casi, la droga sarebbe stata anche direttamente consumata a casa della donna. Prassi da cui è derivato il nome Crack point dato all’operazione antidroga.

In tutte queste attività, la donna ritenuta al vertice del gruppo si sarebbe avvalsa dell’aiuto stabile di alcuni collaboratori – gli altri finiti indagati – che avrebbe seguito tutte le indicazioni da lei fornite. Stando a quanto emerso, la sostanza stupefacente sarebbe stata trasportata da Catania ad Augusta e a concordare poi il prezzo sarebbe stata proprio la 60enne. Sempre lei avrebbe fornito ai suoi più stretti collaboratori tutte le direttive su dove andare ad acquistare la droga e su quali itinerari percorrere per evitare i controlli da parte delle forze dell’ordine. Il giro d’affari sarebbe stato in media tra i 200 e i 250 grammi a settimana. Tutto il ricavato sarebbe poi finito nelle casse della donna, mentre i suoi collaboratori sarebbero stati pagati con una dose di droga per i servizi svolti.

Nel corso delle indagini, è inoltre emerso che in alcuni casi la droga sarebbe stata venduta a credito ai clienti. Probabilmente con l’obiettivo di fidelizzarli. I crediti sarebbero poi stati annotati nei libri mastro per essere poi successivamente recuperati. Per i creditori insolventi la donna si sarebbe servita dei collaboratori che avrebbero provato a ottenere i soldi con minacce e atti di violenza. In certi casi, invece, la donna avrebbe trattenuto come pegno le carte del reddito di cittadinanza dei clienti che non avevano saldato il debito. In piena notte, insieme a un collaboratore, la 60enne sarebbe poi andata al postamat più vicino per prelevare con ogni carta il massimo possibile evitando che i clienti insolventi potessero sperperare il denaro che le spettava.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]