Attilio Manca, condannata donna che fornì droga La madre: «Così lo uccidono una seconda volta»

Cinque anni e quattro mesi di reclusione, oltre a 18mila euro di multa, per Monica Mileti, la donna accusata di aver ceduto la dose di eroina che, nel 2004, provocò a Viterbo la morte di Attilio Manca, l’urologo di Barcellona Pozzo di Gotto. Questa la sentenza emessa dalla giudice Silvia Mattei che ha inflitto alla Mileti una pena superiore a quella di quattro anni e mezzo chiesa dal procuratore Paolo Auriemma. Si chiude così il processo per la morte del medico che, secondo la famiglia, sarebbe stato invece ucciso dalla mafia per aver operato Bernardo Provenzano durante la sua latitanza. A dare credito alla tesi sostenuta dalla famiglia, la dichiarazione del collaboratore di giustizia Carmelo D’Amico rilasciata a gennaio 2016 durante un processo. Il pentito avrebbe affermato che a uccidere Manca era stato un agente dei servizi segreti «bravo a far apparire come suicidi quelli che erano a tutti gli effetti degli omicidi». Ma la procura di Viterbo ha escluso questa circostanza sostenendo che non sono emersi elementi che consentano di collegare l’urologo all’ex capomafia, e che gli accertamenti tecnici eseguiti hanno stabilito che Attilio Manca è morto in seguito a un’overdose di eroina.

La madre di Attilio, la signora Angela ha affidato a Facebook la sua amarezza per la sentenza di Viterbo: «Oggi è un giorno di liberazione». Così la definisce la donna che, insieme al figlio Gianluca, dal 2004 si batte per rendere giustizia vera al figlio. «Finalmente dopo 13 anni di umiliazioni, di verità nascoste e negate, di ricostruzioni fantasiose possiamo dire che è finita; ci siamo liberati della Procura di Viterbo – scrive -. Certo che, anche se me lo aspettavo, ho una grande amarezza nel cuore, ma la procura di Viterbo ha sempre sostenuto l’accusa nei confronti di Attilio e oggi con questa sentenza lo ha ucciso per la seconda volta, cercando di togliergli anche la dignità di uomo e la serietà di professionista stimato». La madre di Manca va avanti: «Ha preferito prendere per buone le dichiarazioni di Ugo Manca e dei barcellonesi a lui vicino, con i quali ci sono state frenetiche telefonate dopo la morte di Attilio, e non ha tenuto in considerazione le dichiarazioni di amici e colleghi laziali di Attilio, con alcuni dei quali, come il professore Ronzoni o il dottor De Vecchis, c’era una frequenza e un’amicizia decennale». La donna sottolinea poi come «gli accusatori barcellonesi di Attilio sono gli stessi che, sentiti dalla polizia giorni dopo la sua morte, hanno dichiarato che Attilio non aveva mai fatto uso di droga, per poi cambiare versione e ritrattare non appena si è parlato di delitto di mafia legato al tumore alla prostata di Bernardo Provenzano». 

In questi anni durante il processo più volte la famiglia dell’urologo si è vista attaccare, fino a essere stata estromessa. «Abbiamo assistito a insabbiamenti e a esibizione di prove false, che per noi hanno rappresentato dei depistaggi; siamo stati estromessi dal processo, non sono state tenute in considerazione le dichiarazioni di quattro pentiti che collegano l’uccisione di Attilio al tumore di Provenzano. Adesso ripongo fiducia e speranza nel dottor Pignatone che ha aperto un fascicolo per omicidio, anche se da parte di ignoti, in base alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia. Sono fiduciosa – prosegue – perché la verità su Attilio è tutta fuori e per comprendere che non è morto per overdose basta solo guardare quelle foto scattate dalla scientifica. Io e la mia famiglia – conclude la donna – non ci arrenderemo mai, anzi da oggi continueremo a lottare con più forza».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]