Ast taglia linee urbane in 14 Comuni. «Perdite fino a 6 milioni di euro». Vertice a Palermo il 7 febbraio

«Elevati costi di produzione e bassi ricavi». Due elementi utili per definire la redditività aziendale e fotografare lo stato di crisi in cui versa l’Azienda siciliana trasporti. Realtà partecipata al cento per cento dalla Regione Siciliana che a partire dall’1 marzo ha annunciato il taglio del proprio servizio sulle linee urbane in 14 Comuni dell’Isola, praticamente l’intera rete coperta. In termini numerici, oltre 700mila siciliani rischiano di non avere più a disposizione gli autobus per spostarsi all’interno delle proprie città. Tra queste anche Siracusa e Ragusa. Dietro la decisione c’è l’elevato costo del servizio per un’azienda che viaggia sull’orlo del precipizio a fronte di un indebitamento che sfiora gli 80 milioni di euro. «Ast ci ha fatto sapere che in questi Comuni perde dai 5 ai 6 milioni di euro l’anno per espletare il servizio», spiega a MeridioNews l’assessore regionale alle Infrastrutture Alessandro Aricò. Per discutere il nodo trasporto pubblico urbano ieri era stato convocato un vertice a Palermo. Il faccia a faccia, a cui avrebbero dovuto prendere parte tutti i sindaci coinvolti, è stato rinviato per la concomitanza con l’assemblea dell’Associazione nazionale dei Comuni italiani, che proprio ieri ha eletto il suo nuovo presidente, Paolo Amenta. Se ne riparlerà martedì prossimo, 7 febbraio.

«Il contratto di servizio di Ast è diverso da Comune a Comune – continua l’assessore alle Infrastrutture – Analizzando il tutto, cercheremo di capire chi potrà espletare il servizio». All’orizzonte potrebbe quindi esserci anche un cambio di società. Scenario che non viene escluso dall’amministrazione di Siracusa. Il capoluogo aretuseo è tra quelli coinvolti nel taglio del servizio. Nell’elenco ci sono anche i Comuni di Paternò, Ragusa, Acireale, Augusta, Barcellona, Milazzo, Caltagirone, Chiaramonte Gulfi, Carlentini, Gela, Lentini, Modica e Scicli. «È pervenuta una comunicazione con la quale si spiega che il servizio svolto è antieconomico – spiega a MeridioNews l’assessore alla Mobilità del Comune di Siracusa Enzo Pantano – Se si chiuderà il capitolo con Ast ci rivolgeremo ad altri e posso dire che abbiamo già avviato delle interlocuzioni. Nel nostro territorio, Ast mette a disposizione 14 autobus ma spesso sono meno di dieci a causa dei guasti alle macchine». Il parco mezzi di Ast, stando ai dati del bilancio 2019 – ultimo reperibile online – è composto da 608 unità, di cui 498 extraurbani e 110 urbani, con un’età media di 15 anni. A preoccupare però è il calo degli utenti: dal 2014 al 2019 si è assistito a un decremento di 133mila viaggiatori sulle linee urbane e di 17mila viaggiatori in quelle extraurbane.

Stando ai numeri ufficiali dell’ultima carta dei servizi l’azienda comprende 947 dipendenti, di cui sei dirigenti, 121 amministrativi, 727 autisti e 93 addetti alle officine. Al vertice, in quota autonomisti, c’è il presidente Santo Castiglione, per otto anni – dal 2004 al 2012 -presidente dell’autorità portuale di Catania. «La politica in questa storia – aggiunge Aricò – deve intervenire e non può stare a guardare. Sul punto il presidente della Regione Renato Schifani è stato molto chiaro. Troveremo delle soluzioni». Undici mesi fa, l’Ast è finita anche sotto i riflettori della procura con l’inchiesta Gomme lisce su un presunto giro di corruzione. In un’altra vicenda, invece, è stato condannato per peculato l’ex liquidatore della Ast Sistemi, società controllata da Ast. Quattro anni e otto mesi per Giovanni Trovato, che in 120 occasioni avrebbe attestato di essersi recato nel capoluogo siciliano quando, invece, si trovava altrove.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

«Elevati costi di produzione e bassi ricavi». Due elementi utili per definire la redditività aziendale e fotografare lo stato di crisi in cui versa l’Azienda siciliana trasporti. Realtà partecipata al cento per cento dalla Regione Siciliana che a partire dall’1 marzo ha annunciato il taglio del proprio servizio sulle linee urbane in 14 Comuni dell’Isola, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]