Le salsicciate della Liberazione – L’asso di mazze

Non vi stupite se Ignazio La Russa se ne va dove minchia se ne va al posto di celebrare la Liberazione dell’Italia dal nazistocazzofascismo. È siciliano, e in Sicilia la celebrazione della Liberazione è da sempre una gita fuori porta con una immensa, delirante, surreale, pantagruelica salsicciata (forse per dimenticare come gli impavidi cameraten, alla vista degli alleati, gettarono le armi, si spogliarono delle divise e corsero per i campi con la salsiccia di fuori). Volete un esempio? L’armistizio di Cassibile, senza dubbio uno dei momenti storici più importanti che portarono alla Liberazione. Bene. Ci siamo dimenticati dove l’hanno firmato. In altri e più civili paesi ci avrebbero fatto un museo. Noi ci siamo persi il posto. Si sa che fu firmato da quelle parti, ma il luogo esatto, tra una cosa e l’altra, non sappiamo più dov’è.

La storia è questa: l’armistizio fu firmato in una tenda, dalla quale partivano telegrammi, cablogrammi, radiogrammi, messi, portalettere e tutto l’ambaradan verso il coraggiosissimen generale Badoglien che si faceva negare (è in bagno, il generalen è in riunionen, sta asciugando il gatten), che, dopo essersi messo d’accordo con gli alleati, rifiutava di firmare la delega a Castellano per firmare l’armistizio terrorizzato da una rappresaglia nazista (quando i nazisti se la prendevano con gli ebrei, però, Badoglio non si spaventava mica). E insomma alla fine la firma arriva (anche perché gli alleati, a quel punto, erano pronti a radere al suolo Roma), e, dentro una tenda, l’armistizio fu firmato. Smontata che fu la tenda posero una pietra (detta anche cippo) a memoria futura.

La storia del cippo è ancora più surreale delle salsicciate che i siciliani si faranno oggi. Fu rubata da Enrico de Boccard, giornalista repubblichino la cui biografia sembra scritta da un Nino Frassica in gran forma: scrisse Donne e mitra, fece la comparsa in un film diretto, tra gli altri, da Indro Montanelli, nel 1961 fu in gara con la canzone Il palloncino rosso al concorso canoro Una canzone per l’Europa presentato da Nunzio Filogamo, poi invecchiò maluccio e scrisse per Playmen mentre al contempo dirigeva una collana di libri erotici (ci sarebbe da scrivere un saggio: fascismo e pippe). Ma insomma, come fu e come non fu, dopo che l’erotomane pipparolo rubò il cippo, dicendo di averlo fatto perché rappresentava un «disonore» per l’Italia (e invece, le leggi razziali furono un onore?), i siciliani non riuscirono più a identificare il luogo della firma dell’armistizio.

E così, oggi, invece di celebrare la fine di un incubo, i siciliani esploderanno in una cornucopia di colesterolo e trigliceridi innaffiati da ettolitri di vino in bidoncino repellente (dite quello che volete ma il vino siciliano fa schifo, è grossier), che deturpa i volti già deturpati dall’ignoranza in risa bestiali che mostrano quintalate di tartaro e di denti marci. La Russa, andandosene dove minchia se ne va, non fa altro che perpetuare questa tradizione siciliana della gita fuori porta. E se abbracciandolo noterete qualcosa di strano, no, non è perché è contento di vedervi, sarà molto probabilmente un nodo di salsiccia proveniente dalla sua Ragalna. Perché, per La Russa, la Liberazione è una bella salsicciona.


Dalla stessa categoria

I più letti

Non vi stupite se Ignazio La Russa se ne va dove minchia se ne va al posto di celebrare la Liberazione dell’Italia dal nazistocazzofascismo. È siciliano, e in Sicilia la celebrazione della Liberazione è da sempre una gita fuori porta con una immensa, delirante, surreale, pantagruelica salsicciata (forse per dimenticare come gli impavidi cameraten, alla […]

Non vi stupite se Ignazio La Russa se ne va dove minchia se ne va al posto di celebrare la Liberazione dell’Italia dal nazistocazzofascismo. È siciliano, e in Sicilia la celebrazione della Liberazione è da sempre una gita fuori porta con una immensa, delirante, surreale, pantagruelica salsicciata (forse per dimenticare come gli impavidi cameraten, alla […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]