Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Licata, uccide famiglia del fratello e poi si suicida
Assassinati cognata e nipoti. La lite per un pozzo

Le vittime sarebbero state trovate all'interno dello stesso appartamento. L'assassino, trovato in gravi condizioni, è deceduto poco dopo le 12.30. All'origine della strage una lunga serie dissidi sulla spartizione di terreni. In aggiornamento

Redazione

Tragedia in famiglia nelle scorse ore a Licata. Un 47enne, Angelo Tardino, ha ucciso la famiglia del fratello, per poi tentare di togliersi la vita. L'uomo è deceduto dopo le 12.30 all'ospedale Sant'Elia di Caltanissetta dove era arrivato in condizioni disperate. Gli spari sono avvenuti nella casa in campagna delle vittime, in contrada Safarello. Oltre all'uomo, Diego Tardino, 44 anni, sono stati assassinati la moglie Alexandra Ballacchino, 39 anni, e i due figli minorenni, una ragazza e un ragazzo, di 15 e 11 anni.

Una volta scoperti i corpi, per le vie di Licata sono stati disposti diversi posti di blocco. Il corpo dell'omicida è stato trovato dopo le 9, dopo essersi sparato due colpi alla testa. In un primo tempo giudicato morto dai carabinieri, i soccorritori del 118 hanno appurato che era ancora in vita. Angelo Tardino è stato trasferito in condizioni gravissime all'ospedale del capoluogo nisseno dove poi è deceduto. Stando alle prime indiscrezioni, Tardino sarebbe stato raggiunto al telefono dai carabinieri che hanno cercato di convincerlo a consegnarsi, ma il 47enne avrebbe rivolto l'arma contro di sé premendo il grilletto.

All'origine della strage ci sarebbero violenti dissidi. I due fratelli - Diego era consigliere di una cooperativa che si occupa di coltivazione di ortaggi - avrebbero avuto una violenta lite, legata alla spartizione di terreni agricoli e pare anche all'uso di un pozzo. L'indagine è affidata alla pm Paola Vetro. «I militari dell'Arma, avvisati dalla moglie del presunto assassino, si erano messi prontamente alla ricerca di quest'ultimo rintracciandolo tuttavia solo dopo che questi si era già sparato alla testa», ha spiegato in mattinata il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×