Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le cene al buio dei ristoratori siciliani contro il caro bollette
«Speriamo non sia impossibile riaccendere le luci domani»

Stasera in diversi locali i tavoli saranno illuminati solo con le candele. «Durante la pandemia abbiamo rispettato le misure restrittive provando a resistere - racconta a MeridioNews Roberto Nicotra di Verso - Ma ora il governo non sa tutelarci da questa randellata» 

Marta Silvestre

Foto di: Kookay

Foto di: Kookay

Aperitivi e cene al buio, per non spegnere definitivamente la luce e per accedere i riflettori sulla questione del caro bollette. È questa l'iniziativa di alcuni ristoratori siciliani che, dopo il periodo di crisi per le chiusure a intermittenza dovute alle misure restrittive per contenere i contagi del Covid-19, adesso si ritrovano a fare i conti con importi delle utenze e rincari anche del 300 per cento. Sull'Isola l'iniziativa, partita dal Moltivolti di Palermo che ha già organizzato l'evento per lo scorso lunedì, si è diffusa anche nella parte orientale. A Catania, a raccogliere il testimone sono stati diversi proprietari di locali che hanno deciso di spegnere le luci questa sera. «Noi abbiamo organizzato un aperitivo a lume di candela, sperando che riaccendere le luci dall’indomani non sia una impresa impossibile», racconta a MeridioNews Roberto Nicotra, il titolare di Verso nella zona di piazza Borgo, all'angolo tra via Monserrato e via Renato Imbriani.

È stato lui uno dei primi a rispondere all'appello lanciato dal proprietario di Fud Bottega sicula Andrea Graziano. «Vogliamo mettere in luce quanto difficile sia la situazione per le imprese di ristorazione, già fortemente colpite dalla pandemia, con un gesto tanto semplice quanto d’impatto», ha dichiarato annunciando di avere già ricevuto il supporto anche della Fipe Confcommercio Catania e dell’associazione italiana Ambasciatori del Gusto che hanno sposato la causa dei ristoratori contro l'aumento del costo dell'energia elettrica. Così Graziano, dopo averci messo la faccia, ha invitato gli altri titolari e gestori di bar, pub, ristoranti e trattorie a fare lo stesso con un cartello e l'hashtag #blackoutdinner per promuovere gli eventi organizzati anche sui social network.

«Io ho aderito subito con convinzione a questa garbata e significativa iniziativa - ribadisce Nicotra al nostro giornale - Durante questi due anni di pandemia in emergenza assoluta, ho sempre trovato scomposte e inappropriate le proteste di alcune associazioni di categoria e ho sempre ritenuto più utile rispettare tutte le restrizioni con grande sacrificio e pedalare forte in silenzio per provare a resistere. Ma, proprio quando si comincia a intravede la luce in fondo al tunnel, il governo non è in grado di tutelarci da una randellata di queste proporzioni che arriva dal fronte del costo dell’energia e del rincaro delle materie prime». Una protesta simbolica e un grido di allarme lanciato insieme a una richiesta di ascolto da parte di tutta una categoria a cui nel capoluogo etneo hanno già aderito anche Mezzaparola in via Landolina, Terra2 in via del Bosco e Yoi in viale Libertà.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×